Pastiere mignon

pastiere mignon

E tornata la primavera!! E, con essa, la pastiera, quel geniale e deliziosissimo dolce napoletano che racchiude davvero, simbolicamente e gustativamente, l’essenza del periodo pasquale. Ricotta di pecora fresca dal pascolo, uova, morbido grano, acqua di fior di arancio (non so voi ma io adoooro l’acqua di fior di arancio!)…
Insomma, eccolaqua, e, tanto per non amazzarvi il fegato, propongo la pastiera in versione mignon (per una decina di pezzi):
Con una pasta frolla normale, rivestire 10 piccoli stampini da tortino (tenere da parte un po’ di pasta frolla per la decorazione).
Far cuocere 200 g di grano precotto con 100 g di latte, un cucchiaio di burro e la buccia grattuggiata di un limone, per circa 10 minuti fino a ottenere un composto cremoso. In un ciotolone, mescolare 200 g di ricotta con 150 g di zucchero fino a ottenere una crema, aggiungere 2 uova e 1 tuorlo, un cucchiaio di cannella, acqua di fior d’arancio a piacere e due cucchiai di canditi (io ci metto cedro e arancio, sempre meglio se fatti in casa). Incorporare infine il grano e distribuire il composto negli stampini individuali.
Stendere la pasta rimanente col matarello e ritagliare con la rotella delle strisce che porrete a forma di croce sulle pastiere mignon. Infornare a 175° per un’oretta (fino a quando la superficie delle pastiere sarà dorata). Servire con una spolverata di zucchero a velo (anzì, sono migliore dopo uno o due giorni al frigorifero e riportate poi a temperature ambiente).

Condividi :Share on Facebook1Tweet about this on Twitter0Google+0Pin on Pinterest0Email to someonePrint this page
0
  • Pingback: Profiteroles glacées | il cavoletto di bruxelles

  • astrid

    era proprio la ricetta che cercavo! peccato che non si veda più la foto.

  • http://daniele-pasticcere.blogspot.com Daniele-pasticcere

    Eli, prova la mia di pasta frolla… :P
    è ottima, fidati… cercala da me :-)

  • Eli

    Dici bene tu “una pasta frolla normale”.
    Ma io nopn ho ancora trovato la “mia” pasta frolla ideale. Perciò ti chiedo la tua com’è?

  • Anonymous

    Sei veramente brava,complimenti per ricette e foto.

  • danielad

    Bellissima idea, Brava.