Feed RSS

Oggi, alla lavagna del cavoletto, una sperimentazione interattiva… Dunque, la ricetta di questo confit di coniglio, l’ho letta qualche tempo fa su Il cuore è una frattaglia, altro gastroblog italiano… Insomma, ho voluto provare questa ricetta di Arzak e in effetti è venuto buonino il coniglio. Riporto qui di seguito il testo della ricetta e invito ovviamente Arma – la signora del quinto quarto? – in primis a lasciare un commento sul benedetto roditore protagonista di questa primissima joint venture non annunciata…

coniglio 1
aglio 6 spicchi
olio d’oliva mezzo litro
aceto rosso 2dl
scalogni 2
cipolle 2
carota 1
timo fresco 1 rametto
alloro 1 foglia
pepe nero qualche grano
chiodi di garofano q.b.
salvia q.b.
sale

In una pentola capace, preferibilmente di coccio (ndc:confermo, ho lottato per un’ora che mi rischiava continuamente di attacare alla pentola) mettere 6 spicchi d’aglio interi con la buccia a dorare in 1/2 litro di olio extra vergine già caldo. A seguire friggervi il coniglio che nel frattempo avrete fatto a pezzi, salato e infarinato. Qualche minuto è sufficiente, deve solo dorare. Toglietelo e aggiungete all’olio 2 dl di aceto di vino rosso, un pizzico di pepe nero in grani, qualche chiodo di garofano, una foglia d’alloro spezzata, due scalogni, due cipolle piccole, una carota, un rametto di timo fresco, qualche foglia di salvia, e mezzo bicchiere d’acqua. Fate andare a fuoco medio per un quarto d’ora e rimetteteci il coniglio. La cottura dovrà proseguire coperta e a fuoco lento per circa 40 minuti. Spegnete e fate freddare. Ci vorranno tre ore almeno. Si serve a temperatura ambiente accompagnato da ortaggi appena sbollentati.

Categorie: carne, origine geografica, ricette d'autore
Scritto da Sigrid lunedì 9 maggio 2005

  • arma

    Eccomi, sono quella del quinto quarto che risponde alla tua chiamata in causa. La joint venture mi trova partner disponibile prima di tutto perchè la cosa è carina in sè, poi perchè tu fai le foto (le più belle tra i gastroblog) e io no, tu tante ricette e io mica così tante, e infine perchè anche tu devi essere una gaudente niente male. Insomma interpretiamo il blog in modo diverso ma con lo tesso piacere del cibo. Mi sembra una bella idea, ti rimanderò la palla prestissimo.

    Il coniglio si attacca perchè si consuma tutta l’acqua. E’ bene mantenere costante una piccola quantità di liquido. Con l’olio e la gelatina rimaste ho preparato un ragù di verdure primaverili: zucchine, piselli, carote, funghi chiodini, cipolloti. Rigorosamente con la pasta all’uovo e senza pomodoro e formaggio.

    Saluti cucinieri

  • tirebouchon

    ottima idea questa collaborazione, un gesto di “generosità” tipico del vero blog che a differenza dei media usuali non è arroccato a difesa del suo fortino ma aperto ad ampliare attraverso i link gli orizzonti dei propri lettori (tesi di Giuseppe Granieri, autore di Blog Generation)

  • Anonymous

    caro cavoletto tuo marito sorride quando dce fiamminga perchè in Italia è i nome di una teglia