Feed RSS
       

Gelato ananas & zenzero

giovedì 22 settembre 2005

In extremis, l’ulimissimo gelato dell’anno. Un abbinament vagamente ispirato alle meraviglie sotto zero della Fata morgana (i romani sanno perché…)

polpa di ananas fresco 200g
zenzero fresco un cucchiaino
yoghurt magro 200g
miele di fiori 2 cucchiai
zucchero 1 cucchiaio

Passare l’ananas e lo zenzero sbucciato al blender fino a ottenere un composto omogeneo. Aggiungere il yoghurt, il miele e lo zucchero e mescolare bene. Versare il tutto nella gelatiera e farla funzionare fino a ottenere una massa compatta. Servire con fettine di ananas sottilissime.

ps:
due parle di spiegazione su quella strana cosa arancia che da ieri è apparsa nella colonna di destra
(di là: ————————->>)

In realtà non vi devo spiegare un bel niente, basta cliccarci sopra per entrare nello spazio delle meraviglie appena nato in casa Gambero Rosso
. L’idea, molto sinteticamente, è di collegare fra di loro i vari blog enogastronomici (e così, in quella cosetta lì, un giorno, dovrebbero apparire tutti i post più recenti riguardante ciò che ci occupa). Bello, no?

Categorie: al cucchiaio, dolci, fresco, frutta
Scritto da Sigrid giovedì 22 settembre 2005

  • Papilles et Pupilles

    Je suis toujours en complète admiration devant tes photos

  • Gaia

    Ciao Cenzina,
    ti rinnovo i miei complimenti sia per le ricette sia per le foto perchè in entrambi i casi sei davvero molto fine e riesci a cogliere la parte migliore.
    Sai che ho provato la ricetta del cheescake fondente al limone, e ha fatto faville quando l’ho portato ad una cena due sere fa! anche la mamma del padrone di casa ha apprezzato molto!
    grazie per lo spunto!
    gaia

  • Anonymous

    bellissima ricetta, con queste dosi quanto gelato viene?

  • Sigrid

    Calcla che ti viene un p’ più di mezzo chil. 4 persone abbondanti, 6 se metti una pallina solo.
    ps:
    :-)))) Mi fa piacerissimo se fate figuroni con le cavoletto-ricette!!

  • happycook

    mica sei filo bonilli eh??? aha aha
    ance se devo ammettere che un pò si è adeguato ai tempi di mucchepazze galoppanti