Pane al cavolo nero

Questi panini li ho mangiati tempo fa all’Enoteca Pinchiorri e li avevo adorati. Così ho chiesto a Jean Vandewalle, il loro papa ovvero la persona che in cucina si occupava esclusivamente dei pani, di darmene la ricetta. Con questa ve la trasmetto ufficialmente… Da notare che il cavolo nero, quando lo compro lo preparo tutto (cioè, soffritto, come prevede la ricetta), poi faccio delle bustine di 100 o 200g che metto al congelatore per il prossimo giro di panini.

farina 500g
cavolo nero 200g
lievito fresco 20g
acqua tiepida 240g
sale 10g
farina di mais (da polenta) una manciata

Pulire il cavolo nero, tagliare le fogli a listarelle e farle saltare in padella con un filo di olio e uno spicchio d’aglio. Salare e pepare abbondantemente.
Mescolare la farina con il sale. Sciogliere il lievito nell’acqua e impastare con la farina per una ventina di minuti. Alla fine, aggiungere il cavolo nero, incorporarlo bene alla pasta di pane senza metterci troppo tempo (sennò l’impasto diventa verde!). Far lievitare per 1h20, dopodiché dividere l’impasto in 3 parti, formare delle salsiccie di circa 3 cm di diametro e rotolarle nella farina di mais. Tagliare l’impasto a pezzetti larghi 2-3 cm (quelli che si vedno nella foto li ho fati un po’ più grandicelli) e disporli su una teglia da forno ricoperta di carta da forno. Far lievitare di nuovo per 30-40 minuti. Infornare a 220° per una ventina di minuti.

Condividi :Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Google+0Pin on Pinterest0Email to someonePrint this page
0
  • Anonymous

    come toscana ti assicuro che anche una semplice farinata di cavolo nero non è malaccio…
    Patrizia

  • Marcela

    Qui nel lontano sud, stanno appena germogliando (proprio in questi giorni) i semi di cavolo nero che mi hanno inviato cari amici. Dovrò aspettare un po’ per poter provare questa ricetta che mi attira non poco… È un ortaggio che qui non si conosce.
    Per il resto ti hanno detto in parecchi quanto sia bello il tuo blog. Una volta in più non guasta, spero. :D Complimenti!

  • fiordizucca

    cavolo che bel pane! :)

    mia nonna la pasta all’uova l’ha sempre fatta a misura di 100gr di farina per 1 uovo intero. tanto per dire..

    baci!

  • Mimosa

    grazie mille per questa ricetta!

  • Anonymous

    Grazie mille! Anche io sempre con le uova intere ma ultimamente mi hanno criticato! Vabbe’! sperimentero’!

    Ciao e complimenti
    Monica

  • Sigrid

    Eh, siccome sono anch’io ai miei inizi di sperimentazine con la pasta fresca (acquistato la macchinetta per tirare la sfoglia proprio la settimana scorsa!)la cerco anch’io una ricetta… Fin’ora l’ho fatto sempre con le uova intere ma missà che uno di questi giorni faccio secondo Igles Corelli (parliamo di pasta fresca per ravioli e ripieni vari):
    24 tuorli
    800g di farina 00
    200g di semola di gran duro
    1 pizzico abbondante di sale
    1 cucchiai di olio d’oliva

    Impastare per 20 minuti e far riposare per 30 minuti.

  • Anonymous

    Ciao, ricetta meravigliosa come al solito!!!!
    approfitto e ti chiedo un consiglio per fare la pasta fresca, vedi la tua ricetta dei ravioli con i funghi porcini, per la pasta fresca tu usi le uova intere o solo i tuorli??
    Ciao e grazie!