Feed RSS
       

Natali d’Italia

martedì 20 dicembre 2005


Che fosse per sforzo di mettermi in spirito natalizio? Non lo so, ma in questi giorni sto leggendo Natali d’Italia. Le regioni a tavola nei racconti di chi ci è nato. Ed è uno spasso! Per me che di tradizioni natalizie italiane ho sperimentato soltanto quelle calabresi (vi passo il racconto dei primissimi natali alla tavola della suocera – a rimpiangere il tacchino con le castagne di mia mamma…), girare l’Italia sfogliando le pagine di questo libro è davvero interessante. Tanti i ritratti e racconti, tante le evocazioni di tavole imbandite a secondo degli usi della regione e della famiglia (perché alla fine sono parecchie le tavole meticciate e le ceremonie personali). Stanislao Porzio riesce benissimo a cogliere, negli interlocutori, attimi e parole – sempre quelli giusti – e lo fa con un affetto che profuma tutto il libro. Insomma, se anche voi avete un’attimo bisogno di spirito natalizio in pillole, o semplicemente voglia di scoprire un insolita Italia golosa, il rimedio eccolo qua.

Natali d’Italia. Le regioni a tavola di chi ci è nato; Stanislao Porzio, Guido Tommasi editore, 17 euro

Categorie: libri, recensioni
Scritto da Sigrid martedì 20 dicembre 2005

  • Anonymous

    grazie Cenzina x la ricetta del pain perdu!!! non la conoscevo

    Blu

    … e complimenti x il blog…è fantasticoooo

  • Gourmet

    Mi mancava qs SIGRID!!!
    Grazie dell’idea,può essere un bel pensierino per natale!!!
    Baci
    Sandra

    Ciccio è proprio un mito!!

  • Anonymous

    Mi spiace, ma è un pessimo libro: approssimativo e pieno d’imprecisioni!

  • Sigrid

    Mah, perché??
    Certo che non è una guida slowfood precisissima ma non credo che lo scopo fosse questo, sono singole interviste a singoli personaggio, una forma di caleidscopo molto soggettivo, ma credo sia proprio questo il bello del libro… no?

  • Ivano

    Sto leggendo anche io il libro e concordo pienamente con Cenzina , non è approssimativo , è un libro di cucina raccontata , a volte molto meglio di una sterile guida !!!

  • Anonymous

    Che? Volete fare pubblicità?

  • Elisa

    Non ho letto il libro, quindi non esprimo pareri, ma scusa…anonimo…se una persona apprezza un libro, un quadro, un’opera in genere e` ovvio che ne parli bene…se a te non e` piaciuto, hai espresso il tuo parere e cmq sarebbe carino firmarsi, non trovi?

  • Anonymous

    Non ho detto che non mi è piaciuto, ho detto che è un pessimo libro.

  • Sigrid

    Ivano:
    Hai visto che curioso ché ci leggiam gli stessi libri nell stesso momento (già, le ostriche pure…)

    Anonimo:
    Abbiamo capito che trovi questo libro pessimo.
    Bene.
    Forse ci vorrai anche anche spiegare perché?
    (così, giusto per dare un senso alla conversazione dico…)