Ma tarte choc

Mettendo ordine nella mia vecchia collezione di Grand Gourmet (per me rimane la più bella rivista di cucina che ci sia stata in italia, purtroppo non esiste più), mi sono imbattuta nella crostata di cioccolato di Christophe Felder, lo chef patissier del Crillon. Troppo seducente che per non provarla… (del resto da oggi la sua tarte choc sarà pure la mia che è veramente molto ma molto buona ;-)

per la pasta zuccherata
burro 75g
zucchero 45g
zucchero vanigliato 1 bustina (= 7,5g)
tuorlo 1
mandorle in polvere 15g
farina 125g
acqua 1 cucchiaio
sale 1 pizzico

per la crema al cioccolato
cioccolato fondente al 70% 350g
latte 2,5dl
panna fresca 2,5dl
tuorli 4
zucchero 80g

Preparare la pasta zuccherata. Amalgamare il burro morbido con lo zucchero, lo zucchero vanigliato, il tuorlo. le mandorle in polvere, l’acqua e una punta di sale. Incorporare la farina setacciata e impastare fino a ottenere una pasta liscia. Avvolgerla in un foglio di pellicola e lasciar riposare in frigorifero per un’ora. Stendere la pasta, foderarne una teglia da crostata di 24cm e cuocere in forno per 20 minuti.
Preparare la crema al cioccolato: Tagliare finemente il cioccolato. Portare a ebollizione il latte con la panna. Montare i tuorli con lo zucchero fino a ottenere un composto chiaro e spumoso e versarvi sopra a filo il latte e la panna bollenti, mescolando energeticamente. Far addensare la preparazione su fiamma bassa, mescolando con un cucchiaio di legno, senza far bollire (molto importante, sennò la crema impazzisce!) finché la crema velerà il cucchiaio. Versare gradualmente la crema calda sul cioccolato, mescolando cntinuamente per farlo sciogliere. Versare la crema al cioccolato sulla base di pasta zucherata e lasciar rapprendere.

Condividi :Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Google+0Pin on Pinterest3Email to someonePrint this page
0
  • Ursula

    Grazie mille,
    erano settimane che cercavo questa ricetta..meno male che c’è il tuo blog!!!! :D

  • Pingback: • Ma tarte choc - Le ricette di GnamGnam - Ricette con foto passo passo

  • criciolo

    Un pensiero anche alla rivista che non c’è più.
    Soprattutto i primi numeri, che uscivano -se non erro- con cadenza trimestrale, erano un sogno.
    Peccato!!!

  • Pietro Nenni

    Gourmet ha scritto:
    29 Maggio 2006 alle 3:36

    Un ode al ciccolato e al bien manger!!!
    :-)
    ( scusa Sigrid, ma il mio francese è un pò in difficoltà!!)
    bis

    Anche il tuo italiano.

  • http://levinagre.blogspot.com Rubina

    Assolutamente splendida…ho assaggiato una volta sola in vita mia una torta simile ed ancora ricordo il contrasto della pasta croccante con la morbidezza della crema al cioccolato…

  • Pingback: eLLeGi.net » Blog Archive » Ma tarte choc

  • Laura

    Ho un dubbio: la pasta zuccherata va in forno così nuda e cruda o con sopra la carta con i legumi o il riso???? Grazie!!!!!

  • Scsi

    ANCHE IO L’HO FATTA!!!
    RISULTATO: Festa di compleanno di mia figlia. Stava andando via a vista d’occhio, quando una bambina non ha resistito e ha fatto dei solchi con le dita sullo specchio di cioccolato….
    a quel punto nessuno se l’è sentita di finire le quattro fette rimaste!!

  • la strega di biancaneve

    IO L’HO FATTA! IO L’HO FATTA!!! e pure con il cercle à tarte che finalmente ho trovato appena smesso di cercarlo! Buonissssssssssssssssssssssssssssssssssssssima!!!!!!

  • http://libero angela68

    Sicuro sicuro proverò questa torta e, se ingrassiamo un pò qui a casa…. Beh! Ne sarà valsa sicuramente la pena.Ciao

  • Laura

    Ebbene si cara Sigrid :-0! 125 grammi di zucchero a velo vanigliato! Quasi mi vergogno ma almeno adesso so cosa è accaduto.. Grazie per la risposta super rapida e per i tuoi consigli, ci riproverò sicuramente, sembra troppo buona per farsela scappare!! A presto

  • http://www.cavolettodibruxelles.it/ Sigrid

    @Laura: oddiommio no, hai usato 125g di zucchero vanigliato? (ma zucchero a velo quindi???), cioè lo zucchero vanigliato, quello francese, si presenta in bustina di circa 10 grammi (mo lo aggiungo pure nel testo della ricetta), ed è più ‘concentrato’ in aromi dello zucchero a velo italiano… (lo puoi fare anche in casa chiudendo le tue vecchie stecche di vaniglia, quelle di cui hai tolto i semini utilizzandoli tipo per la crema pasticcieria, dentro un barattolone pieno di zucchero semolato il quale dopo un po’ ne prende l’aroma. Se la teglia è antiaderente non c’è bisogno di imburrare ecc, invece un’altro accorgimento che può essere utile è quello di passare la teglia rivestita di impasto nel congelatore per 5 minuti prima di passarla al forno… Fammi sapere ;-)

  • Laura

    Ciao Sigrid, è la prima volta che scrivo ma ti leggo da sempre (inutile dilungarmi sulla miriade di complimenti che potrei farti!!!). Oggi ho provato questa super torta cioccolatosissima e ho avuto un pò di problemi con la pasta zuccherata: dopo averla messa in forno (180 gradi per 2 min.) ha cominciato a gonfiarsi e quasi bolliva, ho abbassato la temperatura ma il risultato è stato comunque una delusione, era durissima e l’ho buttata via. Ora mi piacerebbe sapere quale potrebbe essere stato il problema, la bustina di zucchero vanigliato è da 125 g? La teglia andava imburrata e infarinata?
    Ne approfitto per chiederti un altro consiglio: per cucinare dolci senza glutine con cosa consigli di sostituire la farina?
    Grazie

  • Anonymous

    Appello di uno chef !!!!
    Chi mi aiuta a trovare
    Grand Gourmet n.94 ?
    Un grazie immenso….

    soundfood@gmail.com

  • Simmy

    Ciao,
    Sono Simonetta e mi potete trovare proprio in quel negozio dove qualcuno si è fatto del male….
    “ProfessioneCucina”
    Confermo l’indirizzo viale gottardo 12 Tel.06 86898845
    Ci siamo trasferiti nel locale più grande proprio per aumentare l’assortimento.

    Se mi venite a trovare mi farebbe piacere scambiare opinioni con voi sulla passione che ci accomuna.

    Vi aspettoi Simonetta!!!

  • Anti

    WOW CHE BELLA…SI TROVERANNO QUESTI STAMPI IN ITALIA? BEH DI SICURO, MI METTERò A CERCARLA QUA A MILANO..IO HO UNA RICETTA SIMILE CHE DAVA DEPARDIEU IN UN’INTERVISTA E SOMIGLIA DAVVERO A QUESTA…BUONISISMA, COME SOLO IL CIOCCOLATO SA ESSERE…

  • Pierluigi82

    I miei più sinceri complimenti per il sito e le ricette che sono fantastiche…per te e il tuo stile e per questa ricetta che mi ha fatto sognare.

  • Anonymous

    L’hotel Crillon è rimaso per un mito ancor più da quando ci passai un week-end di sogno e costosissimo con un mio grandissimo amore alla quale ho intilolato un souffle ” au grand Crillon”
    Hai ragione come Gran Gourmet non ne esistono più
    Salutissimi da Alberto from Milano

  • Ivonne

    Che bel dolce!

  • Yuki

    questo blog è spettacolare!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! anche se ahimè sono vegan… però sono poche le correzioni da fare…
    continuerò a leggerti! un bacio!

    (ps: ma cosa ne pensi dello yogurt MELA&SPINACI?)

  • Teapottina

    Cenzina, grazie del consiglio >_<
    Adoro cucinare, ma non vedo un futuro lavoravuto in quel senso, quindi continuerò a curiosare tra le tue ricette e a pasticciare nella mia minicucinalillipuziana (che più piccola non si può).
    Grazie ancora e a presto!
    Teapottina :)

  • Sigrid

    teapottina: tutto dipende da cosa vuoi fare da grande. Se vuoi fare la chef (cosa che io non sono per niente), ti conviene sbirciare i corsi quelli seri. Se invece l’idea è ‘solamente’ di cucinare per chi ti sta intorno, basta continuare ciò che già stai faccendo: leggi, collezione, sfoglia e sopratuto vai a pasticciare in cucina, vedrai che dopo un po’ (di errori) cominci a imparare ;-))

    stefano: ma secondo me grand gourmet csì come ci ha lasciato non era né male né vecchiotto. Solo che era quasi snob, attento a prodotti e attrezzi estremamente fighetti, a quella punta di ristoratori che pochissimi frequentano, proponendo ricette che nessuno si rifaceva a casa (per me questa era una prima…. trovavo spesso bellissime le ricette proposte ma non mi è mai capitato du cucunarne nulla). Insomma, rispetto al lettorato pop di casalinghe e pasticcioni come me, temo che il target di grand gourmet fosse un pochino esagerato. (però era bellissimo lo stesso :-)

  • Elvira

    Parfaite, un point c’est tout!

  • stefano

    peccato che non ho il tempo di farla ora, subito, qui… Io il tuo blog lo conoscevo da tempo! Devo dire che hai delle belle immagini.E soprattutto volevo dirti che sono proprio d’accordo con te su Grand Gourmet. Peccato l’abbiano scassata e non siano riusciti a dargli il giusto passo coi tempi. Non è riuscita a crescere con il ritmo cui sta crescendo la gastronomia e la cucina in Italia, compresi gli svecchiamenti e gli spolveramenti vari (per fortuna!). Sarebbe bello farne una nuova di Grand Gourmet… Che ne dici?

  • apprendistacuoca

    secondo me potrebbe essere afrodisiaca…

  • Teapottina

    Dev’essere una delizia…
    E’ commovente.
    Mannaggia la dieta!! Ma se un giorno (miracolosamente) dovessi diventare longilinea me la preparo! :D
    Cenzina, volevo chiederti un consiglio:
    ho 20 anni e ADORO cucinare, ma la mia esperienza in cucina è limitata ai libri, ai blog culinari (tra i quali svetta il cavoletto) e alla prova del cuoco (ahimè, ammetto di farne uso! >_< ). Tu come hai fatto a diventare quella che sei ora? Mi consigli di frequentare un corso di cucina? Se sì, di che tipo?
    Mi sento così ignorante :(
    Non so da dove cominciare!!!
    Grazie mille e a presto!
    Teapottina

  • Piperita

    Anch’io avevo tenuto il ritaglio! Mi hai battuta al photo finish!

  • Salvatore

    Anche io impazzisco per questa torta!

    Anche tu, vedo, hai rinunciato alla foglia d’oro… :D

  • happycook

    col cappuccino che mi sto bevendo non la vedrei male, me ne porti una fetta

  • Alhya

    Sublime!

  • The Food Traveller

    Bella ricetta che usa gusti simili alla caprese ma in modo diverso.

    Un saluto dal Belgio.

    Francesco

  • Gourmet

    Un ode al ciccolato e al bien manger!!!
    :-)
    ( scusa Sigrid, ma il mio francese è un pò in difficoltà!!)
    bis