Arte povera di lenticchie

Ricordate che dicevo che a Santo Stefano di Sessanio la zuppa di lenticchie non è che te la tirano in testa ma quasi? Beh, ecco, ho intacato la mia scorta di lenticchie abbruzzese per rifarne una zuppa a modo mio. In realtà quelle mangiate in loco erano estremamente ‘povere’, nel senso che a parte lenticchie, acqua e, se ti andava bene, un’unghia di pancetta non si distingueva un granché altro. Per farla almeno un pochino più aromatica ci ho giusto aggiunto un po’ di odori. Rimane una zuppa rustica e genuina, proprio come piaciono a me in questo periodo. Si vede che m’avvicino pian piano ai 30 anni vero? (veramente sarebbe ai 29) :-)

lenticchie 200g
carota 1
sedano 1 costa
cipolla rossa 1
pomodoro san marzano 1
pancetta 30g
aglio 1 spicchio
alloro 1 fogliolina
acqua
olio, sale & pepe

Mettere le lenticchie a bagno in acqua la sera precedente. Tagliare a dadini la carota sbucciata, il sedano e la cipolla, e far rosolare in un pentolino con 3 cucchiai di olio d’oliva. Aggiungere la pancetta tagliata a dadini e infine, quando gli odori saranno morbidid ma non dorati, il pomodoro tagliato a pezzetti. Far cuocere per qualche minuto e aggiungere le lenticchie, l’aglio e l’alloro, e coprire il tutto con dell’acqua. Fa cuocere per una mezz’oretta, infine aggiustare di sale e pepe, togliere l’aglio e l’alloro, e servire, volendo con dei pezzetti di pane abbrustolito o fritto.

Condividi :Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Google+0Pin on Pinterest1Email to someonePrint this page
0
  • http://www.facebook.com/alessandro.brunod Alessandro Brunod

    Ottima ricetta tradizionale. Ho sostituito al Pepe il peperoncino e l’effetto è molto soddisfacente! :-) 

  • Rosa Arena

    piacciono…con 2 C e abruzzese con 1 B…

  • daniela

    Ieri sera ho fatto questa zuppa, veramente buona, proprio da lunedi sera, ma prima abbiamo aperitivizzato con i TACOS sel tuo libro…buoni e divertenti da fare! Il capitolo Happy Hour mi fa impazzire!!

  • http://www.cavolettodibruxelles.it Hermine

    Noi tedeschi aggiungiamo al piatto di lenticchie un cucchiaio di aceto. Vanno molto d’accordo!

  • Stefano

    Volendo aggiungere anche del farro… si potrebbe aggiungerlo ancor prima di mettere le lenticchie ?

    Saluti, Stefano.

  • danielad

    Leone, la tu a versione con carota e paprica non credo che sia eretica per niente, la carota si è sempre messa e il peperoncino pure…

  • Sophie

    Oh la la, elle me fait envie cette sou^pe, surtout par ce temps.

  • Orchidea

    Buonissime le lenticchie fatte così… ci sta bene dentro anche un pezzettino di salsicca o salame. Ho fatto proprio ieri una minestra di lenticchie rosse che posterò presto.
    Ciao.

  • RoVino

    Ciao Cenzina,
    scusa l’OT ma mi sono accorto che hai il link a Vannulo. Ci sono stato!! E’ davvero fantastico, ho mangiato la ricotta, la mozzarella e il gelato, davvero sopra la media.
    Sienteme (non è un errore di scrittura), ho mandato in pensione lavblog e ora c’è
    Esalazioni etiliche
    http://esalazionietiliche.spazioblog.it/
    Vedi un po’ se pensi meriti stare fra i tuoi link…
    Cià
    Rob

  • Elisa

    Quasi come la faccio io, ma senza alloro che non mi piace e se la voglio piu’ leggera tolgo pure pancetta e pomodoro…piu’ povera di cosi’!!!

    Cmq davvero buona!

  • viruta

    cenzi, sei unica.
    mi fanno mo-ri-re i titoli dei tuoi post!

  • Anonymous

    Personalmente alla zuppa di lenticchie aggiungo spesso una carota tagliata a rondelle e una generosa dose di Paprika dolce. Magari è eretico ma il risultato finale è decisamente unico. -anche io mi sto avviciando ai trenta, ormai è questione di pochi giorni… aiuutooo -

    Leone

  • Anonymous

    tre sere fa…
    tripudio di zucca (è iniziata la stagione!!!)
    entrée con una zuppa molto densa, povera (acqua, sale, zucca, rosmarino) ma di un profumo e di un aroma incantevole.
    E poi ho trovato.. pollo saltato con zucca a pezzi e odori (un esperimento molto ben riuscito)
    che si dovrebbe vedere che stiamo a 30 ed a 31???
    noooo! cucinare salutare.. è una scelta di vita (che, ogni tanto, è delizioso infrangere)
    ciaociaociao