Shortbread fingers

No che non sono altri biscotti per cane! (vi era venuto il dubbio eh?) Da sempre ho una piccola debolezza per i biscotti scozzesi, quelli dall’involucro rosso e nero, a quadretti scozzesi appunto, semplici ma lussuriosissimi (e anche pieni di burro) e avendo una scorta di burro salato da finire è finita che provassi a farli :-)

farina 350g
burro salato 210g *
zucchero 140g
latte 1-2 cucchiai

Mescolare lo zucchero con la farine e versarli sulla spianatoia. Aggiungere il burro morbido in mezzo e impastare. Aggiungere infino uno o due cucchiai di latte in modo da ottenere un impasto che non si sbriccioli troppo. Avvolgere con della pellicola e mettere al fresco per due ore. Stendere poi l’impasto al matarello, su uno spessore di poco meno di 1cm, e ritagliare dei rettangoli di 7cm (oppure dei dischi, con il tagliabiscotti). Disporre i biscotti su una teglia da forno rivestita con carta da forno (volendo imprimerci i denti di una forchetta), e infornare a 150° per 45 minuti.

* il burro salato: se non trovate il burro demi-sel francese (quello danese non è niente di ché), usate del burro normale e aggiungete 3g di fior di sale nell’impasto.

Condividi :Share on Facebook3Tweet about this on Twitter0Google+0Pin on Pinterest102Email to someonePrint this page
0
  • http://lefrancbuveur.blogspot.com Enrico

    Per me quelli francesi sono inimitabili: al momento ne ho uno dell’Ile de Ré

  • angela

    Ancora a proposito del fior di sale: io ne ho trovato uno che si chiama SalFiore di Romagna, detto anche sale del papa, che è decisamente più economico di quello francese… Può andare lo stesso???

  • Fabrizio

    mi confermate che il burro migliore è quello di Normandia? Io sto riscoprendo la pasta burroe parmiggiano…e fatto con un olio eccellente penso
    sia un piatto magnifico…avete info su qualche marca in particolare e dove trovarle a Roma?

  • http://cavolettodibruxelles caterina19681@hotmail.it

    ciao ragazze’ siete fantastiche. ho appena risolto un rebus. Da 2 anni cercavo la ricetta dei fingers e grazie a voi potro’ finalmente farli. domani vi diro’ se somigliano a quelli che ho assaggiato tempo fa. Grazie! Grazie! Caterina.

  • http://cavolettodibruxelles caterina19681@hotmail.it

    ciao mi chiamo caterina fino ad un’ora fa impazzivo, perche’ nn riuscivo a trovare laq ricetta dei fingers. Pensate mia cognata e’ scozzese ma nn me l’ha data. per fortuna ci siete voi ragazze! siete grandi!!!! a presto

  • alessia

    ciao, ho provato a fare questi biscotti due volte, ma entrambe le volte non mi ha soddisfatto la consistenza..erano piuttosto granulosi, poco compatti..poco sodi. non capisco però come mai..il sapore è buonissimo ma la consistenza non è come dovrebbe..cosa potrei aver sbagliato? da dove potrebbe venire il problema? il mio forno cuoce in fretta..potrebbe essere quello?
    alessia

  • sgart

    merci beaucoup!

  • http://www.cavolettodibruxelles.it/ Sigrid

    @sgart: beh, si, a 150°… :-))

  • sgart

    ma davvero bisogna farli cuocere così a lungo?

  • stefy

    In assoluto per me il burro migliore é quello francese, in tutte le sue versioni sia dolce che salato.Quello poi moulé aux cristaux de sel de Guérande é ineguagliabile.
    Il fior di sale siciliano si chiama invece soffio di sale ma credo si trovi solamente alla metro.
    Sigrid ho sfogliato il tuo libricino francese da fnac a Nizza.Complimenti hai catturato pienamente l’atmosfera romana.
    Buon 2008
    Stefy

  • henrietta

    scusate il ritardo…il prèsident salato si trova anche all’auchan, ho verificatoe – e comprato :)- sabato.

  • Anonymous

    sigrid ciao
    volevo sapere se quando fai le foto usi una sorgente di luce addizionale
    complimenti sinceri!
    monica

  • chiara

    Sono perfetti per accompagnare il mate!

  • Sigrid

    in effetti de gustibus, l’ho già detto che il lurpak non lo compro, quindi non ricordavo che senza sale non ci fosse proprio (io sono abituata ai marchi che propongono con o senza, cmq), a cominciare dal burro: sarà l’erba, sarà l’aria, sarà quel che volete ma il burro danese (non il sale che c’è dentro, proprio il burro, la ciccia) è meno buono di quello francese, non tremendo come quello italiano (scusate ma è così, tempo fa lessi un’interessantisismo post su un blog che ora non esiste più, spiegando che in italia il burro può essere più o meno qualunque cosa, e si sente – Ocelli a parte of course :- ) ma insomma. Quindi inanzitutto è il burro di suo che è migliore, poi in effetti il burro danese, per i fini che ci interessano (= pasticceria) serve poco perché se questi biscotti qui li fai col lurpak non ti veranno salati come dovrebbero essere. Tutto qui, poi ognuno sulla propria tartine ci mette quello che gli pare :-)

  • Massimo Soldano

    Il lurpak (non lurpac) è salato. Il burro non salato è una variazione per il mercato non danese; e francamente non riesco a capire come possa essere inferiore rispetto a quella pappa salatissima che è il président. Ma “de gustibus…”

  • benny

    Oooh, gli shortbreads! io ne vado pazza! sigrid, oggi pomeriggio avrei dovuto studiare ma… credo che finirò a impastare questi favolosi biscotti in cucina. yummm. =)

  • apprendistacuoca

    santo cielo che buoni! se li facessi sarei capace di mangiarli tutti da sola!!non sai che tentazione questo tuo post…

  • isabilla

    grazie, anch’io ho un debole per questi biscotti,
    se domattina mi alzo presto presto, li faccio per colazione.

    Posso chiederti..come fai a fare le foto con gli sfondi così colorati, cosa usi? sono bellissime se pur molto semplici.

  • Ales

    cavoletto, ma tutta ‘sta roba poi chi se la mangia!??!!!

  • Alice

    Sigrid, la prossima volta lo compro di sicuro ma il problema è che non conoscendo il fior di sale doc non potrò fare tanto la differenza… ^-^

  • The Food Traveller

    I ci vorrei aggiungere i chocoplate chips … vado pazzo per i walkers con un pezzo di cioccolato sopra!
    Ultra calorico, lo so!

  • Anonymous

    se sono come quelli industriali… li rifò anch’io!!!
    (anni fa avevo fatto kilate di biscotti danesi, abbastanza simili, ma aromatizzati… mandorle, nocciole, cioccolato, arachidi….)

    dal numero di risposte di oggi, si potrebbe pensare che stai ammalata (spero di noooooo)
    ;-))

  • Sigrid

    alice: hihhi, sarò sincera, leggendo il tuo comemnt mi son detta ‘ma che sarà mai sta cosa??’, per fortuna esiste wikipedia che ci insegna che margerita di savoia è una salina pugliese (io manco lo sapevo che ci fossero saline in puglia! – nessuno è perfetto :-)) Insomma, perché no, se lo hanno chiamato fior di sale voglio sperare che lo abbiano raccolto a mano, nel periodo giusto ecc (perché esistono anche dei ‘fior di sali’ tarocchi che non sono altro che del sale grosso rimacinato non tropo sottile – il ché ovviamente non è affatto la stessa cosa, il vero fiore essendo parecchio più delicato – non c’entra nulla la puglia, era solo per precisione, visto che non credo ci sia una qualche tutela su queste denominazioni in italia). Comunque sia, perché non provarlo? (poi ci fai sapere però eh!!)

  • Alice

    A me è capitato di vedere del fior di sale di Margherita di Savoia al supermercato. Non era caro e mi era venuto il dubbio che non fosse la stessa cosa del fior di sale di cui parla Sigrid. Qualcuno ne sa niente?

  • adina

    li ho pubblicati anch’io gli shortbread nel mio blog (assolutamente work in progress) qualche giorno fa! sincronia!

  • Sigrid

    ps: molto buoni sì, sembrano uguali a quelli industriali :-DD (non so sé è un pregio ma tant’è)

  • Sigrid

    allora, nel disordine:
    il lurpac: c’è in effetti la versione salata però appunto è quello danese che menzionavo prima, e non è un granché.
    president: dovrebbe esserci sia la versione con sale che senza (ora però non ricordo se c’è scritto salato o demi-del)
    il fior di sale: è sale, a granelli più grossi del sale di tavola, più piccoli del sale grosso, sarebbe il primo sale che affiora, d’estate, nelle saline e viene raccolto a mano ( = è un po’ caro). Eccellente quello di Guérande o dell’Ile de Ré (negli alimentari specializzati), appure della camargue e pare ci siano persino versioni siciliane che io però non ho né visto né assaggiate…

  • Anonymous

    il burro president che hanno alla coop è burro demi sel?
    M.

  • Anonymous

    curiosocurioso…
    e come sono venuti questi Sig-walkers??? Buoni buonissimi (come pare nella foto)???
    t.

  • Staximo

    simojapi: la marca che vedo più frequentemente nei supermercati è Lurpak. Quello in confezione argento è il burro salato.

    Io ce l’ho a casa il burro ma dopo la dose di colesterolo assunta recentemente con i dolci non posso assolutamente lasciarmi tentare da questi bellissimi biscotti!!! :o)

  • Anonymous

    COSA SONO E DOVE POSSO TROVARE I FIORI DI SALE…

  • Sigrid

    simo: facilifacili si :-) il burro demi-sel ce l’hanno alla coop, oppure alla metro, e anche (ottimisismo) al comptoir de france, via dei vitelleschi. (e forse anche in qualche altro supermarket che io non so, se avete dritte, benvenga :-)

  • simojapi

    questi li voglio proprio fare, mi sembrano facili, no? sigrid, dove si può trovare il burro demi-sel francese? baci! simo

  • Francesca

    effettivamente mi è venuto in mente appena vista la foto;-)
    magari la volta prossima dei biscotti fai una foto diversa, così si identificata di meno con quella ‘incriminata’.