Le polpettine della nonna…

A dirla tutta, leggere di cucina italiana sulla stampa francese (e estera in genere) ha, su di me, un effetto d tipo umoristico (haha, ma che mi***iata!). Molto più di rado invece, circa una volta ogni anno bisestile, finisco divorata dall’impazienza di ritrovarmi davanti ai fornelli. Beh ecco, questa italianissima ricetta qui l’avevo letta su un Elle à table di qualche tempo fa e mi avevano subito intrigati i canditi nell’impasto di ciò che altrimenti sarebbero state delle classicissime polpettine con pinoli e uvetta… Come sempre, trattandosi di italianitudine, la nonna ovviamente non è mia, anzi queste sono le polpettine dolci d nonna rosa, entrambe, la nonna e la ricetta, di Alba Pezzone, crociata di un nuovo tipo (Alba met un point d’honneur à n’utiliser que du parmigiano reggiano, fromage AOC, “le vrai” parmesan à la saveur incomparable :-) che gestisce una scuola di cucina italiana a Parigi, autrice di un libro sulla pasta pubblicato in Italia ( qui ) e traduttice di Hervé This. Insomma, ho testato per voi le polpettine: davvero carine per l’aperitivo e attenti che una tira l’altra! (e ho detto tutto :-)

carne macinata (manzo) 300g
mollica di pane raffermo 100g
uovo 1
parmigiano grattugiato 4 cucchiai
pecorino grattugiato 2 cucchiai
aglio 1 spicchio
uvetta 25g
pinoli 25g
canditi (arancio, limone, cedro) 50g
prezzemolo
olio per friggere

Metere il pane in ammollo con un po’ di acqua e, in un’altra ciotola, coprire l’uvetta con un po’ di acqua tiepida. Tritare l’aglio e tritare finemente i canditi. Strizzare il pane e scolare l’uvetta.
Mescolare intimamente la carne tritata, la mollica, il tuorlo, il parmigiano, il pecorino, i canditi, l’uvetta, i pinoli e l’aglio. Salare e pepare. Formare delle polpettine e farle friggere in olio bollente. Scolare sucarta da cucina e decorare con del prezzemolo prima di servire.

Condividi :Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Google+0Pin on Pinterest2Email to someonePrint this page
0
  • http://cmcucinaericette.blogspot.com Calogero

    Ingredienti facili da trovare, ottimo… :-)

  • http://peperoncinoecannella.blogspot.com Wanda

    Sigrid cara, sai già che sono una tua accanita fan ma addirittura lo sono al punto da copiare le tue cose senza neanche rendermene conto!!!
    Guarda questo…direi che sei decisamente la mia musa ispiratrice!!! hahaa
    http://peperoncinoecannella.blogspot.com/2010/01/piovono-polpette.html

  • Pingback: Le polpette dolci di Maria | il cavoletto di bruxelles()

  • Pingback: Ma il mio iguana, trovera’ l’amore??? | StellePorcelle()

  • nini

    Che buone, ne mangerei tutti i giorni!!

  • andrea b

    ma dici pure le parolaccie ?

    delusione…..

  • elena

    Marika ho già provato la crostata di mascarpone e lamponi ma nella mia versione con le fragole…ovvero al posto della marmellata di lamponi ho messo quella di fragole e per decorare ho usato sempre fragole…stesso procedimento, cioccolato bianco sul fondo e poi via via il mascarpone con marmellata, etc…
    Ottimo il risultato, bello l’aspetto ma credo che con i lamponi sia migliore…ma forse anche i frutti di bosco non son male…Grazie lo stesso!
    Elena

  • Anonymous

    Per Maria: le melanzane per le polpette anziche’ bollirle io le faccio al forno: vanno avvolte INTERE nella carta stagnola, e poi passate al forno a 200 gradi per 40 minuti, o piu’, dipende da quanto sono grandi. Toccando l’involucro di stagnola quando senti che sono belle morbide sono pronte. Le fai intiepidire, poi le apri e la pelle viene via facilmente. Poi le strizzi e procedi normalmente.
    Assorbono molta meno acqua e sono buonissime.
    Sara’ che a me l’idea della melanzana bollita fa rabbrividire…!
    Ciao
    Daniela

  • Marika

    Posso rispondere ad Elena?

    Nel mascarpone vanno incorporati due cucchiai di marmellata di lamponi. E al posto del cioccolato bianco non so che dirti. Io ho provato con le fragoline di bosco e il cioccolato bianco ci stava proprio bene, bilanciava l’asprigno delle fragoline.
    Ovviamente la marmellata che ho incorporato al mascarpone era di fragole.
    Bella ricetta però, ottima scelta e se ben eseguita ottima resa ;)

  • Anonymous

    eh eh eh, ma Antaress … dopo la dieta solitamente c’è quella di mantenimento e non so se le polpette (per giunta FRITTE) sono previste … :)
    ciao
    f

  • Vittoria

    Mia nonna (la nonna Giovanna, per la precisione) le fa precise precise uguali uguali…e poi le frigge in un agrodolce di olio, zucchero e limone!

  • Anonymous

    Ciao Sigrid,
    ottime le polpettine…. le proverò sabato come stuzzichino prima di cena!!!

    Avrei una* domanda da farti!!!
    Tra un pò sarà il compleanno di mio marito. Il Dolce! Tra le tue ricetta mi intriga la crostata con mascarpone e lamponi!!
    – Ma nel mascarpone non metti niente? Come lo compro nel banco frigo così lo verso nella pasta????
    – Al posto del cioccolato bianco che ne dici se metto quello nero o casomai al latte???
    – Come decorazione …. un lampone bagnato al cioccolato e uno no… per creare un pò di movimento!!
    Che ne dici??? Risulterà disgustoso o posso farlo???

    *ERRATA CORRIGE… alcune domande! :-)

    Aiutami tu…. mi sento in alto mare!!

    Grazie.
    Elena

  • Anonymous

    ciao sigrid
    io invece della carne trita le faccio con le melanzane bollite, le strizzo, scolo bene tutta l’acqua, e le impasto con i tuoi stessi ingredienti e poi le friggo.
    ciao maria

  • franci

    Buone! anche la mia nonna preparava, da milanese doc, i mundeghili…polpette di carne ovviamente senza canditi, nè uvette, ma davvero buonissimi!!!
    ciao
    franci

  • Antaress

    Mmmmmmmmmmmmmmmmmmmm adoro le polpetteeeeeeeeeeee….queste qui un po’ insolite poi mi intrigano da matti…me le segno da fare appena finisco la dieta…meno 82 giorni all’alba!! Sigg :(

  • Marika

    Aiuto, le polpettine con i canditi … ma dato che non sono tipa prevenuta, le proverò. Tutto sta a trovare dei buoni canditi!
    Una bella novità per me che adoro le classicissime polpettine al sugo (con tanto rosmarino però!)
    Ciaooooooooo