Chiscette con zucca e radicchio

chiscette1_ssl.jpg

Chisceché?? Beh, mentre le preparavo pensavo quiche > petite quiche (miniquiche ci ha scocciato eh, fa tanto aperitivo da bar, stessa categoria dei rustici per dire ;-) > quichette, che in italiano diventa chiscetta e chiscette al plurale. No? :-P
Tutta sta cosa per dire che ho fatto le quiche. Se qualcuno ancora ne dubitava, è arrivato l’autunno, grande stagione delle torte salate – si vero, ieri a Roma c’erano qualcosa come 30 gradi e tutti a sudare in maniche lunghe, però, tanto, signori, non ce sono più le mezze stagioni e sopratutto io c’avevo della zucca da finire.

L’abbinamento zucca + radicchio l’avevo colto non ricordo dove e mi era piaciuta l’idea del dolce + leggero amarognolo, la cannella invece, a dosi molto piccole, riscalda un po’ l’insieme e mi fa tanto ‘torta medievale’. Insomma, se facessi un lavoro da persona perbene, mi piacerebbe da matti portarmi la mia chiscetta nella schiscetta e invece oggi a pranzo niente tortine salate che sarò a fare foto in una clownesca cucina del centro di roma… dura la vita eh :-)

chiscette2_ssl.jpg

Piccole quiches con zucca, radicchio e cannella

per la pasta da quiche:
usate la ricetta di Christophe Felder

per il ripieno:
radicchio piccolo 1
zucca 300g
cipolla 1
panna 2dl
parmigiano grattugiato 3 cucchiai
emmental grattugiato 50g
uova 2
tuorlo 1
cannella 1 punta di coltello
noce moscata
sale & pepe

Preparare la pasta da quiche, mettrela a riposare al fresco prima di stenderla e nel mentre preparare il ripieno. Tagliare il radicchio a listarelle, la zucca a dadini e afettare la cipolla. Scaldare 2 cucchiai di olio d’oliva in una padella, aggiungere la cipolla, lasciarla appassire per un minuti, poi aggiungere il radicchio e la zucca. Aggiungere due cucchiai d’acqua e lasciar cuocere a fuoco medio/basso per una decina di minuti (la zucca deve rimanere un po’ croccante). A fine cottura, salare, pepare e aggiungere la cannella e una grattatina di noce mmoscata. Tenere da parte. Versare la panna, le uova, il tuorlo e il parmigiano nel bicchiere del mixer e frullare. Salare e pepare. Riprendere la pasta, stenderla al matarello a 2mm di spessore e foderarne degli anelli da crostata (io ho usato quelli da 8cm) o degli stampini da crostatina o uno stampo da crostata di di 24cm. Ritagliare i bordi e bucherellare il fondo delle quiches con i rebbi di una forchetta. Distribuire la zucca e il radicchio sul fondo, completare con la panna e finire con un po’ di emmental grattuggiato. Infornare a 180° per 25-30 minuti, finché le quiches saranno ben dorate (circa 45 minut se ne fate una sola grande). Sfornare, lasciar intiepidire e servire con un insalata mista.

Stampa la ricetta

Condividi :Share on Facebook24Tweet about this on Twitter0Google+0Pin on Pinterest29Email to someonePrint this page
0
  • Pingback: riposo (?) in cucina « I colori di Viola e sua cugina….

  • Cathrine

    Ahhhhhhhhhhhh, deliziosa davvero!
    Ricetta testata, sapore sorprendente… Slurp :D

  • Cathrine

    Ciao! Complimenti, sembrano deliziose!
    Mi cimento subito… ;)
    Per l’intolleranza alla panna… A voi sembrerà blasfemo ma… fate un tentativo con la panna vegetale a base di soia! Vi stupirà.
    Per intolleranza a latte e derivati sono stata costretta a cercare alternative. Questa merita sul serio, provare per credere!

  • .manu.

    ma questo blog è una miniera!quando sono in cerca di ispirazione vengo sempre qui e non rimango mai delusa!Il “problema” è stato: ieri ho fatto i ravioli di zucca e mi è avanzato del ripieno..trovo questa splendida ricetta e faccio la tua base sbattendoci dentro il ripieno dei ravioli più una fettina di rosa camuna giusto per filare un po’..MA: mi avanza la base!!..acchiappo le coste al vapore avanzate dal pranzo, frullo con yoghurt, salsa al rafano, sale e pepe…: SQUISITEZZE!!
    Grazie Sigrid!! E per domani c’ho pure già pronta la schiscetta!! ;)

  • Pingback: Crostatine porro, taleggio e cumino | Ricette Gustose

  • Pingback: Crostatine porro, taleggio e cumino | il cavoletto di bruxelles

  • http://daniele-pasticcere.blogspot.com/ daniele-pasticcere

    già, veramente buone queste “chiscette” :P

  • sinusoide

    adoro preparare le quiche, quasi quasi le preparo per le mie colleghe al mio compleanno.. e se eliminassi l’emmental e mettessi lo stracchino?

  • http://dolciprofumi.blogspot.com/ nini

    belle queste tortine, mi noto la ricetta!!

  • http://cherrapeno.blogspot.com/ Nicisme

    Sorry I can’t speak the language, but I just wanted to say that these look FANTASTIC! Delicious!

  • http://finalmentedomenica.blogspot.com Robiciattola

    che è successo su panorama????

  • Anna

    Ricetta supersfizionsa, complimenti!E complimenti anche per la tua menzione nel nuovo numero di Panorama…
    Tu che sei superbrava, non potresti trovare/sperimentare la ricette delle TIELLES SETOISE (in pratica quiche della zona di Sete, Francia del Sud, ripiene di pomodoro e calamari…buonissime)?????Merci

  • Nirvana

    Qual’è il metodo migliore per “lucidare” la pasta frolla?
    Devo fare una specialità al forno e..non mi è venuta molto lucida..
    Sigrid..mi aiuti??

  • Nirvana

    @ grazie Valerio!!!
    Mi è piaciuto veramente tanto quel caffè!!
    Presto sarò a Roma e..farò la fila volentieri..

    @ Elisa
    Grazie Elisa..ma a Napoli mi sono fatta una scorpacciata di pizza..al caffè non ci ho proprio pensato!!
    ;)))

  • http://gloricetta.blogspot.com Gloricetta

    Questo abbinamento dolce/amaro mi incuriosisce molto.
    Io le basi delle quiches mini e non, le ho sempre cotte in bianco…ma con la ricetta di Felder mi sà che provo ad infornare tutto insieme.Così confronto il risultato. Questa è la mia ricetta: PASTA  BRISE’

    – 300 g. di farina
    – 150 g. di burro
    – 1 uovo intero
    – sale q. b.
    – pochissima acqua o vino bianco se occorre

    Glò

  • http://finalmentedomenica.blogspot.com Robiciattola

    @ CoCo

    mmhhh… il latte al posto della panna?!
    posso provare, ma non so.
    comunque sono figlia di un milanese, figlio a sua volta di una bolognese, il cui MUST era la panna!
    ora sono davvero stanca. basta panna!

  • elena

    sei di una bravura unica!

    hai mai pensato di organizzare dei corsi???

  • http://lecuriositagolose.it Elisa

    @ Nirvana: Sant’Eustacchio, da me soprannominato San Pistacchio…cmq il caffe’ espresso sublime solo a Napoli (e non sono di parte…)

  • http://lecuriositagolose.it Elisa

    Sigrid, “schiscetta” l’avrai sentita a Milano, a Roma ce credo che non l’hai sentita…non sia mai, mica e` italiano!!! :)
    Pure io ormai dico “schiscetta”, ma raramente ho le forse per prepararmela la sera per il giorno dopo :(

  • http://lesnourrituresterrestres.blogspot.com Claire P.

    Ho appena comprato il tuo libro “mais c’est Italien ça?”
    FA-VO-LO-SO!
    Bravissima, come sempre! ti leggo da più di un anno e non ho mai osato scriverti prima!
    bravissima, mille complimenti!

  • http://www.bubbocine.wordpress.com cecilia

    Adoro le tue ricetee con la zucca!

  • Francesca

    Ciao, è un pò che leggo il tuo blog. Devo farti i miei complimenti, è davvero bello e soprattutto mi sembra scritto con amore e dedizione e ciò lo rende ancora più interessante! Ottime ricette, in alcune mi sono cimentata, il risultato non è stato come nelle tue foto, ma magari piano piano e con tanta pazienza…Complimenti ancora.
    Ciao
    Francesca

  • http://saleepepequantobasta.blogspot.com CoCo

    No mi avete ricordato il Sant’Eustachio ci manco da anni, ma fa ncora quel caffè che non si dimentica?
    Per chi avanzava il problema della panna vorrei dire di provare a sostituire con del latte (non mi urlate contro lo so che non è uguale) viene bene provare per credere

  • Filippo

    mmmm..
    che buone..
    qui cè proprio da divertirsi con gli ingredienti..
    bravissima Sigrid
    ciao

  • valerio

    il famoso caffè in centro che fà un caffè sublime si chiama “sant’eustachio”.

  • Nirvana

    @ Sigrid

    A proposito di Roma..
    come si chiama quel famoso caffè in centro che fà un caffè sublime???
    emh..San..e qualcosa..
    Chi lo sà???

  • elvio

    Sono ancora io,
    a pensarci bene le quiches classiche, lorraine e jambon, sono cotte con tutto il ripieno e non vengono molliciose….

  • elvio

    Ciao a tutti,
    io per fare le quichettes, o altre tartelette, ho delle formine da 8 cm. dove metti la pasta e quando sono cotte le giri, le riempi e le ricucini col ripieno. Devo averel comprate in Africa quindi sono di provenienza inglese di certo.
    A milano si sarebbero potute trovare da Picowa ma adesso l’hanno chiuso e non conosco altri posti simili. Non so se ci sono anche grandi.

  • http://marikaretto.blogspot.com Marika

    P.S: Ma sai che una volta l’ho provata la ricetta di Felder? Da quel giorno in poi ho utilizzato solo la base … sono rimasta sconvolta dal ripieno! Ma la colpa è la mia, non tollero la panna (a livello quasi di intolleranza). Quindi ben venga la base, tanto in ogni caso non viene mollicciosa, hai ragione tu!
    Marika

  • http://www.cavolettodibruxelles.it/ Sigrid

    a mari': appunto, i pasticci salati pieni di spezie come quelle che menzioni, tra cui c’era anche, appunto, la cannella… :-)))

  • http://marikaretto.blogspot.com Marika

    In effetti ieri a Roma si “crepava”. Gusto medievale? A me più che la cannella non so perché lo fa venire in mente il miele e i chiodi di garofano, mah …
    Ciao

  • http://www.cavolettodibruxelles.it/ Sigrid

    @macs: ;-)))

    @roby: tu dici eliminare la panna e tenere le uova? (così però ti rimane… una frittata? :-) – in realtà, queste qui piccole le ho riempito per quanto potevo di verdure, così finisce che di panna & co ci entra si e no un cucchiaio e mezzo (non è drammatico, no? come colesterolo dico? :-)

    @maria: davvero sei intollerante alla zucca?! managgia… beh, difficile, per buttarla su un altro genee (ma a quel punto eliminerai la cannella), potresti provare con più radicchio e un po’ di porro tagliato a pezzettoni, o solo radicchio e un po’ di speck in aggiunta o anche porcini e radicchio, insomma, in realtà, a parte che una cosa dolce simile alla zucca e che zucca non sia non mi viene in mente così su due piedi, nelle quiche uno ci mette un po’ quel che vuole (io ieri sera ho fatto, al volo, brocoletti e pioppini :-)

    @francesca: hihhi, colta al volo, in realtà non è che uso parlare di schiscette (né qui a roma non l’ho mai sentito nomminare), ma la parola mi piace, così come il concetto, e mi è rimasta in mente :-)

    @pat: no :-) Anzi, ci ho pure pensato un po’ su: in fin dei conti, se la cottura in bianco ci vuole per le crostate tipo di frutta ecc, nel caso della quiche non ci vuole un involucro di pasta che sia anche croccantisismo. Sarà anche merito dell’impasto base (vi ho già detto che quella pasta brisé va incorniciata e appesa in cucina?? ;-) ma cuocendo tutto insieme non si ottiene affatto una base molliciose (provare per credere :-)

  • Barbara

    Bella! Magari la propongo il prossimo fine settimana per gli amici.
    Ho giusto la zucca già tagliata a fettine in congelatore (ne ho presa una iontera e poi porzionata…).

    Grazie,
    Barbara

  • http://www.contentlab.it/astrologia/index.php?option=com_content&task=category&sectionid=1&id=17&Itemid=2 pat

    Sigrid, ma tu prima inforni la pasta stesa con su la carta da forno ricoperta con fagioli secchi? o metti direttamente la farcitura?

  • http://www.cosatipreparopercena.blogspot.com viviana

    wow!! tempo di zucca e tempo di ricettine strepitoseeeee!!! Sì, non che a Sigrid serva un ingrediente in particolare per inventarle!!!
    ciaooo

  • francesca

    sigrid, ogni volta riesci a stupirmi… ma stavolta non con la ricetta (comunque invitante!)! hai usato la parola “schiscetta”, ma come l’hai imparata?
    altro che bi-trilinguismo……
    tutti i miei amici del centro-sud mi hanno sempre guardato come una marziana quando dicevo che avevo la schiscetta per il pranzo….

    ciao!

  • Maria

    Benedetta ragazza!!!! Dovrei perdere qualche etto per affrontare finalmente la grande sfida di un secondo bimbo e tu mi tenti con queste delizie!!!
    Ho tentato di eliminarti dai miei siti preferiti ..ma non ci riesco sono ormai una drogata di ……”cavoletto”!!! Grazie

  • maria

    Sigrid, al posto della zucca cosa potrei metterci?
    Io non la tollero però il radicchio lo adoro.rix

  • http://finalmentedomenica.blogspot.com Robiciattola

    Sigrid, ma io eliminerei la panna… no?
    posso, che dite?

    Roby

  • Macs

    Visto che vai a far foto in una cucina clownesca…
    Fai i complimenti alla pasticcera che, dopo quasi tre anni, mi ricordo ancora i suoi dolci… ;-)

  • benedetta

    Sì!! io l’ho votata!!
    è in assoluto la mia preferita la cavoletta, brava!!
    benedetta

  • Tommaso

    Primo! :-)
    Sentite un po’ ma ci avete pensato a votare la signorina cavoletta al premio blog cafè 2007?

    http://www.squisito.org/blogcafe/