Feed RSS

polpette_quinoa_ssl.jpg

Visto la recrudescenza, almeno nella mia cucina di casa, di zuppone e cibicoccola fatti prevalentemente di verdure, semini e legumi, ho avuto voglia di ampliare un po’ la gamma dei cereali a me noti e così, proprio l’altro giorno, mi sono fatto un giro di razzia da Naturasì. Fra altre cose ne ho portato il quinoa, nome che forse vi sembrerà esotico ma che i macrobiotici conoscono bene, i francesi pure (visto che la Cléa nazionale ci ha pure dedicato un libretto). E contrariamente al riso integrale, per dire, il quinoa non solo è sano ma è anche buono, diverso, insomma è simpatico sto quinoa.


Si tratta in realtà di un semino che appartiene alla famiglia degli spinaci (ripeto: SPINACI, non CEREALI, lo preciso che sembrerebbe che ci sia chi ci tiene…), tipico delle Ande, che presenta una spiga e dei semi simili al miglio (v. wikipedia). Il quinoa sarebbe anche ricco di proteine e minerali, si presenta sotto forma di chicchi tondi molto piccoli e cuoce nel giro di 15 minuti (anzi la cottura è proprio scema: per una parte di quinoa se ne mettono due di acqua, si mette sul fuoco, si spegne dopo dieci minuti, lo si lascia riposare per 5 minuti, ed è pronto!), diventando morbido con un piccolo tocco croccante. E il bello è che col quinoa, un po’ come col riso, si può fare veramente di tutto. Zuppa, risotti, insalate, torte e cremini dolci e…. le polpette! (insomma non so se s’è capito ma io l’ho decisamente adottato! :-)

polpetta_quinoa_ssl.jpg

Polpette di quinoa al limone, farcite di mozzarella e alici

quinoa 150g
pane integrale secco 3 fette
mozzarella 100g
alici 5
uovo (piccolo) 1
limone mezzo, la buccia grattugiata
prezzemolo tritato due cucchiai
latte
pangrattato
olio per friggere

Versare il quinoa in un pentolino insieme a 300g di acqua fredda e poco sale, mettere sul fuoco e lasciar cuocere a fuoco medio per 10 minuti. Spegnere e lasciar riposare per 5 minuti (quando è cotto si vede il germe bianco all’interno). Lasciar intiepidire. Nel mentre eliminare la crosta del pane e bagnarlo con un po’ di latte, lasciar riposare per qualche minuto, strizzare e aggiungere al quinoa. Aggiungere anche l’uovo, il prezzemolo, la buccia di limone, sale, pepe e una punta di peperoncino. Amalgamare il tutto e aggiungere semmai un po’ di farina o di pangrattato in modo da rendere il composto piuttosto sodo (non troppo ma non deve neanche essere molliccioso). Tagliare la mozzarella a dadini e la acciughe a pezzetti. Prendere una noce di composto al quinoa per volta, farcirlo con un dadino di mozzarella e un pezzetto di acciuga, chiudere e passare la polpetta nel pangrattato. Procedere nello stesso modo fino a esaurimento degli ingredienti. Scaldare l’olio e friggere le polpette per pochi minuti, poi scolarle su della carta da cucina. Servire subito.

Stampa la ricetta

Categorie: finger food, formaggio, natural food
Scritto da Sigrid martedì 6 novembre 2007

  • Filippo

    Sigrid,
    confesso che questo prodotto non lo conosco, grazie a te lo proverò di sicuro sono sempre affascinato dalle novità..
    ciao

  • http://nacla.blogspot.com nacla6

    Buonissima la quinoa, è uno dei cereali che preferisco…
    Le polpette devono essere proprio buone!
    Ciao ciao

  • Holly

    Il quinoa è molto buono, ma al momento io nella dispensa ho l’amaranto, che fisicamente è molto simile, ma un attimo + piccolo. Cmq queste polpettine devono esser molto buone: adoro la mozzarella!!!

  • http://conunpocodizucchero.blogspot.com/ Dolcezza

    come sempre sei illuminante!
    bellissime queste polpettine!
    un abbraccio e buona giornata!

  • http://cucinailoveyou.blogspot.com Sere

    Buone buone buone buone… sei un genio!!!
    Have a nice day!
    Sere

  • http://clairejapon.canalblog.com Clea

    Trop chouette cette recette ! Merci du clin d’oeil…

  • http://www.picturetrail.com/alessandrazj Alessandra

    Sigrid…non so se mi sono persa qualche post, però sarei “curiosa” di vedere la tua cucina!!
    ;-)

  • http://www.malo.splinder.com marzia

    ottima idea per la prossima cena che preparerò alla mia amica celiaca.
    basta sostituire il pane, ed è perfetta.
    grazie.
    m

  • http://www.unafinestradifronte.blogspot.com lenny

    Adotterò anche io il quinoa e penso proprio che lo sperimenterò seguendo la ricetta di queste sfiziose polpette!!!

  • Giorgio

    Adorabili polpettine! E adorabili anche quegli spiedini post-minimalisti… da dove vengono?

  • Donatella

    Io da brava vegetariana le polpette in genere le faccio con il granulare di soia, questa mi sembra una variante interessante che proverò quanto prima. Senza alici ovviamente.

  • http://finalmentedomenica.blogspot.com Robiciattola

    I’ll try them

  • maggie

    grazie, grazie e ancora grazie per avere reso la mia vacanza a Parigi INDIMENTICABILE!
    questa volta ho vissuto la città, essendomi affrancata dai musei; e poi i negozi, i mercati, LA GENTE DECISAMENTE CORDIALE ( scherzando con dei signori al mercato ho chiesto loro se gli avevano fatto dei corsi magari da esportare anche in Italia!!!)e poi…Parigi di notte…
    ho anche seguito le indicazioni di un’articolo interessante uscito su DOVE, che elencava i posti “SARKOCHIC”… ve ne suggerisco uno, LE FABLIER DE LA FONTAINE: cucina eccellente (mi sono commossa davnti alla presentazione della mousse au chocolat) e 6 tavoli in un’unica saletta; non si fuma e si deve arrivare puntualissimi.
    baci baci

  • http://basilicofresco.blogspot.com Angela

    Ma di cosa sa questo quinoa?

  • LICIA

    il quinoa lo comprerò senza dubbio prossimamente, io invece ho il grano kamut cosa ci faccio?
    avevo anche chiesto degli aiuti per la farina di fave e farina di piselli……grazie

  • mari

    Due domande Sigrid:
    1) che sapore ha?
    2) dove lo trovo a Roma?

    Visto che non mangio carne e mi pare sia ricco di proteine, può essere considerato come il tofu?
    Grazie.
    Mari

    P.S. le domande sono diventate tre sorry…

  • Mokita

    Che aspetto gustoso hanno queste polpette…forse perchè è ora di pranzo??? :))))a Roma dove posso acquistare il quinoa? grazie

  • stefy

    Ciao Sigrid
    il quinoa è buono anche cucinato insieme a zucca e spinaci.
    Stefy

  • Cristina

    ma perchè io ho sempre detto (e letto)LA quinoa??!!
    comunque è un prodotto del Commercio Equo e quindi oltre che nei negozi di alimentazione naturale lo trovate in tutte le Botteghe del Mondo

  • http://panemieleblog.blogspot.com elisabetta

    Io ci faccio anche la base per la pizza… una pizza un po’ “alternativa”…

  • http://finalmentedomenica.blogspot.com Robiciattola

    ma guarda guarda il mio ex, che ti combina!

    http://oloap.typepad.com/ps_hp/2007/11/arbutus-unedo.html

  • Elena

    Provata/o e l’adoro! Finora mangiata/o a mo’ di riso, è particolarmente saziante e leggera/o nello stesso tempo.
    Ancora un’eccellente idea… :-)

  • http://it.hobby.cucina Ruggine

    Molto carina, segnata… la prossima sfida, ma sfida seria perchè io non ci sono ancora riuscita è trovare un uso sensato dell’Amaranto. Non sono una con il trip del naturale a tutti costi, o del biologico, ma mi piace trovare nuovi ingredienti e riuscire a trovare il modo per valorizzarli. L’amaranto è davvero ostico…

  • http://delizia.blogspot.com apprendistacuoca

    ciao sigrid!
    senti mi sono innamorata dei bastoncini con cui hai infilzato le tue belle polpettine…ma sono di legno o che?
    dove li hai trovati????

    ciao, a presto!

  • http://www.cavolettodibruxelles.it/ Sigrid

    @ giorgio & apprendista: gli spiedini sono di legno (tipo :-) e vengono dal negozio della Città del gusto, info qui:
    http://www.gamberorosso.it/portale/gdg/articolo/index_html?id_primo_piano=2349.0&textForum=
    Anzi, Emanuela, la responsabile/scopratrice di questo e altri deliziosi oggettini ha anche il suo blog, qui:
    http://blog.gamberorosso.it/invetrina/
    (costo: un 8 euro per 40 bastoncini)

    @ruggine: l’amaranto l’ho visto ma non comprato, è molto diverso?? (poi lo proverò! :-)

    @elisabetta: voglio la spiega della pizza alternativa! :-))

    @licia: il kamut non ho idea (non si può bollire??), qualche tempo fa invece avevo comprato (un giorno che avevo appena mangiato la pasta e fagioli di cannavacciuolo, dove i fagioli stanno in realtà dentro la pasta) della farina di fave con l’intenzione di farci la pasta, solo che… sta ancora lì :-). Però, una sfoglia per ravioli con la farina di piselli, magari tagliata con farina normale, potrebbe essere divertente, no? (tipo con un ripieno di ricotta e mentuccia? o di seppia? :-P)

    @cristina: dici? non ci ho proprio riflettuto, cioè, in francese è ‘le quinoa’, e quindi ho cambiato lingua ma ho conservato il genere… (uhps?)

    @mokita: da naturasì appunto, o come diceva cristina presso i negozi equosolidali (e bio in genere)

    @angela: beh, io trovo che da crudo ha un vago sentore, lieve eh, di asparago, cotto c’è forse qualcosa di noccioloso, sempre lieve, in realtà spicca più la consistenza (morbida/croccante) che non il sapore :-)

    @maggie: se ti va di ricopiazzare quiui un pezzo dell’articolo sarei proprio curiosa di quei posti sarkochic :-)

  • http://panemieleblog.blogspot.com elisabetta

    La quinoa si mette in pentola con acqua fredda (1 parte di quinoa, 2 parti di acqua) e si fa andare finché l’acqua sarà completamente assorbita. Si spegne, si sala, si mescola e si lascia intiepidire, quindi si distribuisce su una teglia unta di olio, schiacciando bene bene. A questo punto si farcisce come una normale pizza.

    Allo stesso modo si può usare anche il miglio.
    Prima o poi comincerò a postare un po’ di queste ricettine…

    ciao ciao

  • http://herbivoracious.com Michael Natkin

    I can’t even read this, but I have to say it looks like it is crispy and delicious!

    Michael Natkin
    The Herbivoracious Blog

  • LICIA

    grazie per i suggermenti per le farine, ne attendo altri, il kamut è in chicchi per cui penso possa essere usato come un qualsiasi altro cereale…. boh! proverò e poi ti farò sapere, ora che ci penso c’è della “GALLO” un mix di kamut avena e riso ( mi pare) quindi posso usarlo per far un “risotto” ?????

  • http://www.cavolettodibruxelles.it/ Sigrid

    @licia: quello di gallo l’ho intravisto pure io, non so però cosa ci si possa fare (si intendono che sia per uso insalata o se ci si può anche fare il risotto?), ma credo sarà comunque riportato sulla confezione :-)

  • margherita

    Kamut: dal momento che la pasta di farina di kamut sa quasi di pasta di grano, non e’ che coi chicchi di kamut si puo’ fare la pastiera?
    troppo ardito?

  • passion fruit

    giusto l’atra sera sono stata invitata all’Enoteca Pinchiorri di Firenze e lo chef mi ha preparato un magnifico astice alle spezie con quinoa….serata indimenticabile

  • Silvia

    carissima, uso la quinoia (io l’ho sempre chiamata al femminile!)da tempo e per cucinarla ho avuto la “spiega” direttamene da una peruviana (che me l’ha portata anche dal Perù!!): per la cottura è perfetto come dici tu, ma prima è fondamentale lavarla!!! Per eliminare la sostanza con cui viene lavorata che da’ un po’ troppo il sapore amarognolo….e in effetti la differenza si sente.
    Prova!!

  • http://aapplemint.blogspot.com/ kate

    another gr8 picture. Should consider writing in english as well :)

  • terry

    Belle le polpettine!
    Anch’io ho usato la quinoa per farci burger, in muffins…insomma è molto versatile!:-)
    Mi piacerebbe prendere il libro di Clea!!!

    Cmq, tanto per informazione generica…la quinoa viene a volte chiamata cereale ma non è…è bensì il seme della pianta (della famiglia dello spinacio come hai detto) qui un pò di info in italiano(oltre a quelle di wikipedia) anche in francese

    Buoni esperimenti con la quinoa!;-)

    Terry

  • http://numnumbirdy.blogspot.com Tit’

    Et si je dis MIAM ! MIAM ! SLURP !, ça passe aussi en italien, Sigrid ? Dis, qu’est-ce que je me régale avec ton p’tit bouquin ! Je l’emporte partout… :)

  • http://chef-vellino.blogspot.com Chef Vellino

    Complimenti,sono davvero molto carine le tue polpette di quinoa,personalmente la trovo molto interessante,tempo fà avevo fatto un dolce squisito con la quinoa,un tortino friabile accompagnato da una quenelle di bavarese,dove mi sono reso conto che si presta veramente a molteplici preparazioni,proverò sicuramente anche la tua versione.

  • http://www.lacucinadiadina.blogspot.com adina

    ciao, quanto ai bastoncini, io li avevo trovati da kathay, a un prezzo davvero basso, 1,50 euro per 50 bastoncini. quindi credo che nei negozi di cineserie anche in giro per l’italia, cercando, magari, si trovino. ciao!!

  • http://www.cavolettodibruxelles.it antonella

    ciao a tutti,dove posso trovare la farina di quinoa ad un prezzo conveniente?
    buone le polpettine

  • Erica

    Vorrei fare una precisazione di carattere botanico. La Qionoa è una pianta appartenente alla famiglia delle Chenopodiaceae ed il suo nome è Chenopodium quinoa. Fa parte delle piante dicotiledoni, ossia specie botaniche che hanno i semi divisi in due parti (detto molto semplicisticamente). Perciò non è proprio un cereale, poiché i cereali sono piante monocotiledoni (hanno un seme unico e non diviso) apparteneti alla famiglia della Graminaceae.
    Grazie comunque della ricetta, della quale farò buon uso.

  • Virgilio

    Io sono celiaco e so che il quinoa posso mangiarlo perché non contiene glutine. C’è qualche altra ricetta?

  • simona

    solo a titlo informativo, e per onor di cronaca, si dice LA QUINOA, non il!!

  • adelante

    si dice LA QUINOA non il quinoa!!!
    ciao adelante.

  • tiziana

    ma le alici sono fresche o si tratta di acciughe sotto sale?

  • http://www.cavolettodibruxelles.it/ Sigrid

    erano acciughe sotto sle, anzi mo’ che rileggo il post vedo che mi sono proprio sconfusa, scrivendo alicinel titolo e acciughe nel testo ricetta (sarà che non m’è mai stato tanto chiaro il distinguo… :-)

  • Fabio

    Scusate ma il quinoa non è un cereale! E’ una pianta della famiglia delle bietole e degli spinaci :)

  • http://www.cavolettodibruxelles.it/ Sigrid

    E c’avevo pure linkato wikipedia :-)

  • Annamaria

    Si, ma per carita’…basta con questa storia del cereale, perche’ non e’ un cereale!!!

  • http://www.cavolettodibruxelles.it/ Sigrid

    E aggiungerei: si, okay, ma son tre volte che lo scrivete, visto che nel post c’era anche scritto che la famiglia è quella degli spinaci, vabbene, o vogliamo andare avanti cosi ad vitam eternam?? (aarghh :)

  • Valeria

    Ciao Sigrid! Volevo chiederti delucidazioni sui bastoncini degli spiedini… hai scritto che li prendi al negozio della Città del gusto e hai anche postato un link per avere maggiori info (http://www.gamberorosso.it/portale/gdg/articolo/index_html?id_primo_piano=2349.0&textForum=), ma il link porta ad una pagina che non c’è (magari l’hanno spostato visto che sono passati circa due anni da quando l’hai postato, n’evvero? ;) ). Sapresti indicarmi dove cercare sul sito del Gambero? Ho provato, ma senza successo e avrei voluto tanto sapere dove potevo acquistarli…
    Grazie!

  • marì

    il pangrattato radical chic che vendono al waitrose è grazzissimo (in grani enormi), indi per cui non ha aderito benissimo alle palline di quinoa. di conseguenza un bel po’ del quinoa si è tostato, diventando bello croccante.
    buonissimo.
    ho dovuto rifarlo ancora e ancora. mi ha creato una dipendenza.
    (nella mia ignoranza non sapevo neanche che mozzarella ed acciughe andassero così bene insieme)
    anche il limone dà un tocco sublime.

  • Pingback: Linguine, acciughe, limone e bufala | il cavoletto di bruxelles

  • tololo

    Ho assaggiato per la prima volta La quìnoa durante un recente viaggio in Svezia e l’ho trovata buonerrima ! ^_^ Felice di constatare che anche qui è conosciuta , temevo di non riuscire a trovarla . Complimenti per la ricetta, mi piacerebbe leggere altre proposte giusto per variare . Grazie e ciao

  • Pingback: Quinoa, Mozzarella and Anchovies Bites by Il Cavoletto di Bruxelles « De (au)Gustibus

  • Barbara

    scusate… ma son vent’anni che mangio Quinoa, perfino a Venezia… Benvenuti

  • http://www.graziellaperra.it Graziella

    Anche io la conosco da tempo , ma l’unico utilizzo che ne ho fatto sinora è aggiungerla alle minestre di verdure. Secondo me è da provare anche in altri modi.