Le briochine semplicissime del lunedì

brioches1_ssl.jpg

Non so voi ma io evidentemente soffro del sindrome del lunedì, vale a dire che la legge di murphy, il lunedì, tende a verificarsi con più costanza che non negli altri giorni della settimana. In realtà, per iniziare bene una settimana basterebbe qualche piccolo accorgimento, come per esempio fare colazione con le briochine avanzate dalla domenica.

E siccome qui di ricette di brioche ce ne sono già un bel po’, non sapevo più bene verso quale brioche esotica potessi girarmi. Così ho aplicato il buon vecchio less is more, provandoci con questa ricetta di Christophe Felder, semplicissima, facile, veloce, e buona. Delle brioches al niente, cioè alla brioche e, ha ragione lui, bastano ampiamente a se stesse, e bastano anche a migliorare l’umore in una fredda mattinata di un lunedì di novembre :-)

Una irresistibile voglia di cosine briosciose?

brioche classica
briochine marocchina con sesamo e fior d’arancio
briochine svedesi con cannella e cardamomo
briochine tedesche ripiene di pasta di mandorla
briochine inglesi con arancia e cannella
brioche francese ripiena di pasticciera
brioche belga con l’uvetta

brioche2.jpg

Briochine di Christophe Felder

farina (in principio, manitoba, la mia era finita) 250g
burro 165g
uova (medie/piccole) 3
zucchero 30g
lievito fresco 10g
latte 2 cucchiai
sale 1 cucchiaino

tuorlo 1
granella di zucchero

Mescolare la farina con lo zucchero e il sale. Far intiepidire il latte e farci sciogliere il lievito. Sistemare gli ingredienti secchi nell’impastatrice (è più comodo ma si può fare anche a mano ovviamente), e a velocità media aggiungere le uova e il latte con il lievito. Impastare per qualche minuto, poi aggiungere il burro a temperatura ambiente (non deve essere duro ma nemmeno liquido, morbido apunto). Quando l’impasto sarà liscio ed elastico (io qui ho avuto un piccolo problema: il mio era troppo molle – può darsi che fosse per via delle uova, grandi – e così ho aggiunto, un cucchiaio per volta, della farina fino a otteneree un impasto un pochino più sodo, solo che ci è andato quasi un etto di farina il ché è un po’ tanto), spegnere, formare una palle e lasciarla lievitare coperta di pelicola e panno per un’ora. Riprendere l’impasto, sulla spianatoia spolverata con un po’ di farina, formare un salsicciotto poi dividerlo in 9 parti uguali. Formare 9 palline e sistemarle in degli stampi da muffin (se sono in silicone è più semplice). Coprire di nuovo e lasciar lievitare per due ore. Dopo questo tempo, spenellare le briochine con un tuorlo sbattuto con un goccio di acqua, cospargere con un po’ di granella di zucchero e infornare, a 180° per 15-20 minuti o fino a quando le briochine saranno dorate. Lasciar raffreddare su una griglia.

Stampa la ricetta
Condividi :Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Google+0Pin on Pinterest7Email to someonePrint this page
0
  • FE

    Ciao!ho provato almeno un milione di volte, niente da fare non lievita mai!aiutoooo!grazie :)

  • http://www.hotelbottondoro.com Roberta

    scusa brioches parisiennes… piccolo errore di ortografia… ;)

  • http://www.hotelbottondoro.com Roberta

    Le brioche parisienne – tratte dal libro – le abbiamo assaggiate stasera in anteprima: sono soffici come i piumini d’oca invernali austriaci… scusa, a parte le nuvole non avevo un’associazione migliore…
    vorrei darle alla colazione di domani ma non so se ci arrivano…

  • Pingback: Brioche di Christophe Felder | Aggregatore di ricette - Cucinare.ws()

  • http://heriland.spaces.live.com/ Saruk

    …assolutamente buonissime!!! E veramente facili da fare!

  • Pingback: ecco fatto , mdp | hilpers()

  • nenetta

    Ciao Sigrid
    volevo chiedere un consiglio su queste brioches buonissime.
    E’ la terza volta che le faccio e ho notato che dopo una notte (puntualmente le sforno verso le 11 di sera per poi mangiarle la mattina seguente) mi diventano un po secche… dure.
    Secondo te è questione di “liquidi”? cioè, se io togliessi 1 uovo e aggiungessi più latte, riuscirei a mantenere la brioches più morbida?
    Mi sto cimentando da poco con i dolci e non so bene come gestirli.

    idea: in mancanza di granella di zucchero, ho aggiunto all’impasto delle goccie di cioccolato. ve lo consiglio.

    Grazie a tutti
    A presto

    ps: da qualche mese sono una “spettatrice” del tuo blog, ormai l’appuntamento è quotidiano. è un piacere per gli occhi e per il palato. il tuo blog è gioioso!

  • http://micheblog.wordpress.com Ludmilla

    Hai mai provato a sostituire il burro con dell’oilo extravergine di oliva e il fruttosio al posto dello zucchero semolato per la preparazione delle brioche?

  • http://crottesenchocolat Léa

    Ciao,
    Scopro il tuoi blog, è magnifico, le foto, le riccete… Brava ! Ho famme di tutte queste belle cose !!
    Mi piace molto L’italia e sono contenta di conocsere un blog di cucina itialia !
    Ciao,ciao
    giusto un po’ L’italiano, scuse per gli errori:)

  • http://www.morny.splinder.com pat

    Ciao,sono capitata qui per caso e mi sono copiata la ricettona delle brioche….le adoro quelle vuote…brioche neutre e basta!!e poi,già che c’ero mi sono copiata pure la ricetta della ciambella ANGELICA….mmmmhh…ciao ciao

  • http://rossettoecioccolato.blogspot.com/ Bina

    Adoro il tuo blog! Ormai lo leggo ogni giorno. E a quanto pare abbiamo anche alcune cose in comune nella nostra storia formativa-professional-sentimentale ;-)
    Queste briochine sono deliziose e anche i plumcakini leggeri leggeri. Sei grande!

  • manu

    …le ho appena messe negli stampini non vedo l0ra di infornarle. Anche a me è venuto l’impasto molle e ho aggiunto farina…speriamo
    ciaoooooo

  • Julia80

    ora mi sento un pò piccolina….cmq grazieeee!!!

  • chiaratiz

    julia, non devono essere troppo dolci, solo un po’.
    I miei bambini le hanno fatte fuori in una merenda + una colazione, comunque, dolci o non dolci!

  • Julia80

    Mi sono cimentata in questo esperimento, il primo per me..e nn posso che ringraziarti per tutte le tue stuzzicanti ricette!
    A parte il tuo stesso inconveniente, per chi è una principiante come me, risponderesti a questa domanda, ma senza che nessuno rida ;)) :
    E’ normale che non siano tanto dolci, ovvero siano un pò salatine?? Io mi aspettavo qualcosa di dolce xla colazione…però, anche se salate, sono buonissime!
    Grazie ed un saluto a tutti

  • chiaratiz

    ho il sospetto che la dose di farina sia scarsa… anche io ho provato e ho dovuto aggiungerne una certa quantità. Si stanno raffreddando. poi le assaggio.

  • werfen

    a SERE – Briochine “dietetiche” da kucinare.it

    200 ml latte
    3 tuorli d’uovo
    100 g ricotta
    5 cucchiai zucchero
    1 cucchiaino sale
    scorza d’arancia grattugiata
    500 g farina (50% Manitoba)
    10 g lievito di birra fresco

    —-sono buone e non hanno burro!

  • http://fabien.wordpress.com Fabien

    Si vede che me lo sentivo: avevo bisogno di una ricetta di questo tipo e ho pensato “facciamoci un giro tra le mie amichette blogger”… e la prima sei stata ovviamente tu. :)
    Ma guarda un po’ :))

  • gabriella

    Allora, ho fatto le briochine e ho avuto lo stesso incoveniente tuo: ho dovuto aggiungere altra farina. Comunque sono buonissime!!
    Grazie!
    Gabriella

  • licia

    posso usare il lievito in bustine o è necessario avere quello di birra?

  • http://www.caciosuimaccheroni.net cuoca compulsiva

    Domani sveglia all’alba per me, ore 05:00. perciò questa sera al rientro dal lavoro mi preparerò sicuramente queste briochine da condividere poi con i colleghi!
    GRAZIE

  • http://brododigiuggiole.blogsite.org Mos

    Confermo il postulato alla terza legge sulle briochine di Giuseppe!
    Adesso però scappo al supermercato ad attrezzarmi. Ho stampato questa ricetta e anche quella degli scones, poi decido cosa mi ispira di più!
    E ancora complimenti a Sigrid per le sue fantastiche ricette (ma quante sono??mi sono persa a guardare l’indice…)!!!

  • http://espritbroderie.blogspot.com Alessandra

    …che meraviglia…uuhhmm chissà che bonta!

  • http://basilicofresco.blogspot.com Angela

    Fantastiche Sigrid…
    Mamma mia che fame mi hai fatto venire con queste foto!!! :)

  • Mokita

    Ciao Sigrid,
    cosa intendi per lievito fresco?

  • http://daniele-pasticcere.blogspot.com daniele-pasticcere

    Ottima e semplice ricettina… dovrò provarle!!

  • mari

    Allora: in onore della padrona di casa rifarò il Cramique (era buonissimo)poi procederò in ordine sparso: Svezia, Marocco, Francia, etc…
    GRAZIE SIGRID!
    Mari

  • http://www.lemaghedellespezie.com Valentina

    Dopo due week end passati nel mio paradiso personale: Il casentino, dove ho magiato questo modo e l’altro(anche bevuto fiumi di novello…)(come racconto nel mio ultimo post), volevo incominciare la nuova settimana con i buoni propositi di dieta o quantomeno di mangiar meno e pochi dolci…..Non ce la farò neanche questo lunedì.
    Ps. io ho provato e fatto molte volte le brioscine svedesi(fantastica tua ricetta), proverò anche queste non fosse altro che per la par condicio(mettiamola così…)
    buon lunedì a tutti
    valentina

  • elisabetta

    grazie per le briochine, ricambio con la ciambella “angelica” delle sorelle Simili, mitiche panificatrici in Bologna, dove avevano un forno in via san felice meta di pellegrinaggi.
    Non è che per caso tu hia una ricetta sperimentata di fudge, ne trovo tante ma molto diverse tra loro.
    Grazie mille e complimenti!

    Angelica

    Ingredienti
    Per il lievitino
    135 g di farina di forza
    13 g di lievito di birra
    75 g di acqua

    Per l’impasto
    400 g di farina di forza
    75 g di zucchero
    120 g di latte tiepido
    3 tuorli
    1 cucchiaino di sale
    120 g di burro ammorbidito
    75 g di uva sultanina
    75 g di scorza d’arancio candita

    Per la glassa velante
    4 cucchiai di zucchero a velo
    1 albume

    Per la glassa coprente
    150 g di zucchero a velo
    1 albume

    + burro fuso per spennellare l’impasto e la ciotola

    Amalgamare tutti gli ingredienti per il lievitino e lasciare lievitare per 30 minuti in un recipiente coperto. Mettere a bagno l’uvetta in acqua tiepida.
    In una ciotola o sulla spianatoia, mettere la farina a fontana, al centro aggiungere il latte tiepido, i tuorli, lo zucchero, il sale e amalgamare bene. Unire il burro un po’ per volta e impastare finchè l’impasto non si stacca dalle pareti della ciotola o se si è lavorato sulla spianatoia, non risulta più appiccicoso, ma omogeneo e abbastanza compatto. A questo punto incorporare all’impasto il lievitino, impastando energicamente finchè i due non sono ben amalgamati.
    Mettere l’impasto in una ciotola spennellata di burro e farlo lievitare per un paio d’ore o finchè non ha almeno raddoppiato di volume.
    A questo punto, senza lavorarlo ulteriormente, rovesciare l’impasto sulla spianatoia e tirarlo con il mattarello in una sfoglia di 2-3 millimetri di spessore.

    Spennellare completamente l’impasto con del burro fuso e spargervi sopra le uvette strizzate e asciugate e le scorze d’arancia tritate a piccoli pezzetti.
    Arrotolare il lato lungo della sfoglia.
    Con l’aiuto di un coltello affilato, unto di burro e infarinato, tagliare a metà per il lungo il rotolo. Girare i due pezzi con il lato tagliato verso l’alto.
    Tenendo il più possibile i due pezzi in questa direzione, formare una treccia.
    Chiudere la treccia alle estremità formando un cerchio

    Mettere su una teglia rivestita di carta da forno. Spennellare con del burro fuso (io l’ho evitato, non mi pareva necessario) e fare lievitare per altri 30/40 minuti coperto sotto una ciotola (io l’ho messo dentro al forno) fino a che non raddoppia di volume.
    Cuocere in forno a 200 °C per 20-25 minuti (come sempre qui vale la regola d’oro di sapere come il vostro forno cuoce, io l’ho lasciato per 35 minuti circa perchè dopo 25 l’impasto era ancora per metà crudo). Nel frattempo preparare la glassa nella versione che si preferisce, diluendo lo zucchero a velo nell’albume fino a quando non assume una consistenza semidensa. Appena sfornata l’angelica, spennellarla con la glassa e lasciarla asciugare. Volendo per accelerare l’asciugatura si può mettere in forno caldo per 30 secondi.

  • http://behquasiquasi.blogspot.com/ Ivana

    mi sento sempre più simile ad homer simpson….
    mmmhhhhh……..briochineee…….. :os

  • giuseppe

    “Prima legge delle briochine” o legge di Sigrid
    Le probabilita’ che Sigrid pubblichi una ricetta sulle brioche sono direttamente proporzionali al numero di brioche consumate a colazione prima di leggere il suo blog.

    “Seconda legge delle briochine” o legge di Olive
    Le probabilita’ che una teglia di brioche calde cada a terra davanti al tuo naso (di cane) sono inversamente proporzionali allo spessore dello strofinaccio usato al posto dei guanti per prenderla da forno.

    “Terza legge delle briochine” o legge dell’italiano a Budapest
    Le probabilita’ di scoprire che manca qualche ingrediente per fare le brioche solo dopo che tutti i negozi hanno gia’ chiuso, sono direttamente proporzionali al numero di macchine ferme nell’ingorgo verso casa.

    “Postulato alla terza legge delle briochine”
    Le probabilita’ di avere tutti gli ingredienti COMUNQUE di lunedi’, tende costantemente a zero.

  • eli

    Signori, ma nessuno si è ricordato di S.Martino?
    “Ogni mosto diventa vino!” e questo weekend ho assaggiato un novello m e r a v i g l i o s o! Il suo gusto era superato solo dal suo colore: Primo Canto delle Cantine Rivera (lo dico solo per condividere qualcosa di veramente buono, non sono la signora Rivera, nè tantomeno mi pagano per farlo… :-p )

  • Sabrina

    Bellissime!!! Hanno l’aria di essere anche molto buone nella loro semplicità. Grazie e buona settimana

  • http://cucinailoveyou.blogspot.com Sere

    ma che delizia!!!
    Sig, maaa.. una ricettina di briochine dietetiche!?
    Io la colazione con le fette biscottate la detesto.. ;(
    Buon inizio settimana…

  • Valeria2

    ..che belle! mi ricordano tanto l’infanzia..e un po’ anche i fantastici panini soffici che mangiava heidi (il cartone animato!) a colazione..dopo i fantastici scones..voglio provare provare anche questi assolutamente!

    ps: postero’una richiesta di info sul forum..che qualcuno di Roma e dintorni mi aiuti please!! :)

  • gabriella

    Sigrid adoro te e felder appena torno a casa da studio mi metterò a fare le briochine!la sindrome del lunedì è “teribile”!!!
    Ciao
    Gabriella

  • http://www.contentlab.it/astrologia/index.php?option=com_content&task=view&id=65&Itemid=2 pat

    una mia amica svedese me le aveva fatte assaggiare riempite con panna montata fresca. me le ricordo ancora :-)

  • Filippo

    Ciao Sigrid..
    il mio inizio settimana è iniziamo bene, speriamo che non si presenti il sig. Murphy entro questa sera.
    Stamattina non ho fatto colazione e guardando queste delizie mi sta venendo un’acquolina..
    ciao

  • http://dolcienonsolo.myblog.it/ aracoco

    Sigris, le briochine sono la mia passione.
    Ho stampato la ricetta.Grazie!

  • http://cuochedellaltromondo.blogspot.com/ Alex

    Toh, guarda ‘sto Murphy, da me è passato proprio lunedì scorso e gli ho pure dedicato un post. Solo che si è stabilito fisso a casa mia! Ma abbiamo constatato che Murphy ha una famiglia numerosa e quindi uno te lo sei beccata pure tu! Provo a scacciarlo con le tue briochine! Buon proseguimento di settimana senza Murphy

  • http://www.unafinestradifronte.blogspot.com lenny

    Deliziose e semplici da preparare: le voglio provare per contrastare la sindrome del lunedì.
    A quanto pare i loro effetti sono già stati testati e mi fido ciecamente di te: buon inizio settimana

  • http://brododigiuggiole.blogsite.org Mos

    WOW! è da qualche giorno che ho in mente di provare a fare delle briochine per la colazione, avevo visto la ricetta della classica pasta brioche su Cucina Italiana ma era troppo laboriosa come primo esperimento (sai, fare il pastello, poi aggiungerlo al resto dell’impasto…io non ho impastatrice!). Queste sono perfette! Uscendo dallo studio vado a comprare il lievito di birra!