- Il Cavoletto di Bruxelles - http://www.cavolettodibruxelles.it -

Lo strudel della donna moderna

Posted By Sigrid On 28/11/2007 @ 10:24 In brunch & picnic,torte, cake & muffin salati | 51 Comments

Beh giustamente mi chiedevano di strudel… Diciamo che con lo strudel ho un rapporto un po’ particolare, diciamo. Come spiegare? Beh, intanto, non mi piace lo strudel con la sfoglia quella duretta (che avesse anche un nome?), insomma quella fatta con farina, acqua e poco più, che va stesa sottile e che viene croccante e un po’ secchina. Non ho ancora ben capito se si tratta di una variante italiana o se la si trova anche nel mondo germanofano, fatto sta che il mio strudel della vita l’ho mangiato a sei anni a vienna, era buonisismo e… era fatto con la pasta sfoglia.


E appunto è così che lo preferisco tutt’ora. Detto ciò, siccome la pasta sfoglia è una cosa che uno (cioè io) tendenzialmente non fa in casa (tranne nel caso dei croissant [1] ma siccome capita circa una volta all’anno…), bensi una cosa che acquista pigremente già pronta, beh, è l’intera categoria degli strudel che è stata etichettata come ‘cose de fare al volo, in mancanza di tempo, ingredienti freschi o validi cibi consolatori alternativi’, insomma, roba da domenica sera, da fare rigorosamente a occhio… E non è neanche finita qui. Se un tempo – parliamo dell’epoca belga – mi veniva spontaneo, sempre la domenica, prendere due quadrettini di sfoglia dal congelatore, afettare una mela, buttarci tre pinoli e qualche uvetta e passare il tutto al forno, negli ultimi anni l’abominevole abitudine (sempre sfoglia pronta è, c’è poco da ffa), ha preso una piega diversa. Cioè exit mele, ormai la sfoglia pronta (che nonostante tutto consiglierei di tenere sempre in congelatore, tra gli spinaci e i piselli, è un validissimo salvachiappe in caso di pranzetti improvvisati a frigo con l’echo…), la uso semplicemente per riciclare le verdure. Così quando va bene capita lo strudel di carciofi, asparagi, cipollotti e fave, o quello di porri, carote e scamorza, o, come l’altro giorno, spinaci, zucca e mozzarella. Insomma di regole non ce ne sono, se non quella di raccogliere gli avanzi vegetali che più vi piacciono dal frigo o dal congelatore, l’unica costante è che sopra ci metto sempre qualche semino, dal sesamo al papavero passando per i semini di lino. Anzi, mentre scrivevo mi è venuto da pensare che forse è anche il modo buono per far mangiare più verdure alle vostre teste bionde, se ci provate fatemi sapere :-)

[piccola nota] Ah, a proposito (e poi giuro che la smetto di tormentarvi con cose eoliane): se volete vedere qualche fotina del ritiro spirituale della scorsa settimana (tutto foto, salami e bottiglie di malvasia :-), potete andare qui [2] (trattasi di versione beta in allestimento, non so se mi spiego!) e cliccare su ‘eolie’ :-)

Strudel di spinaci, zucca e mozzarella

pasta sfoglia pronta 1
spinaci lessati e strizzati 300g
zucca gialla 150g
mozzarella 100g
parmigiano grattugiato 1 cucchiaio
aglio 1 spicchio
sale & pepe
sesamo biondo & un uovo

Afettare sottilmente l’aglio e farlo imbiondire dolcemente con due cucchiai di olio, aggiungere gli spinaci e la zucca sbucciata e tagliata a fettine, coprire e llasciar cuocere per circa 15 minuti. Nel mentre tagliare la mozzarella a cubetti. A fine cottura delle verdure, salare e pepare e lasciar intiepidire. Preparare un rettangolo di sfoglia (quelle congelate spesso si presentano a rettangolo), di circa 20cm x 30cm. Mescolare le verdure con i dadini di mozzarella e il parmigiano e versarle nel mezzo della sfoglia. Chiudere i due lembi di sfoglia sulle verdure (non si fa un rotolo tipo spirale perché poi finisce che la sfoglia preso dentro le verdure risulta mollicciosa e non croccante), chiudere le estremità e deporre lo strudel con la chiusura in giù su una teglia da forno rivestita con carta da forno. Spenellare con il tuorlo sbattuto insieme a un goccio di latte e cospargere di sesamo, infornare a 190° per circa mezz’ora o finché lo strudel risulterà bello dorato. Lasciar intiepidire su una griglia e afettare.

Condividi :10 [3]00 [4]9 [5]
0 [6]

Article printed from Il Cavoletto di Bruxelles: http://www.cavolettodibruxelles.it

URL to article: http://www.cavolettodibruxelles.it/2007/11/lo-strudel-della-donna-moderna

URLs in this post:

[1] croissant: http://www.cavolettodibruxelles.it/2007/01/se-la-montagna-non-va-da-maometto-cavoletto

[2] qui: http://www.sigridverbert.com/index.html

[3] 10: http://www.facebook.com/sharer.php?u=http://www.cavolettodibruxelles.it/2007/11/lo-strudel-della-donna-moderna

[4] 0: https://plus.google.com/share?url=http://www.cavolettodibruxelles.it/2007/11/lo-strudel-della-donna-moderna

[5] : mailto:?Subject=Lo strudel della donna moderna&Body=%20http://www.cavolettodibruxelles.it/2007/11/lo-strudel-della-donna-moderna

[6] 0 : #