La vichyssoise

vichysseoise_ssl.jpg

La mitica, l’inevitabile, la favolosa. Davvero, sembrerebbe che non puoi interessarti di cucina e non averla mai fatta coltivare una insana passione per questa zuppa qui, che è una specie di monumento alla semplicità e insieme una cosa con la quale giocare, sperimentare, aggiungendo a secondo dell’umore erbette e speziette. Insomma, la vichyssoise è un punto di riferimento, ed è anche, per la cronaca, uno dei primissimi ricordi gastronomici di Anthony Bourdain (l’assaggiò da piccolo, mentre viaggiava in francia con i suoi, lo racconta in Kitchen Confidential), nonché – in fondo, se uno ci pensa bene – la famose zuppa di Ratatouille (del resto avevamo già pasticciato con un‘altra ricetta tratta da quel film), solo che in teoria andrebbe servita fredda. Sì ma allora cos’è questa zuppa enigmatica? A leggerla cosi non la troverete nulla di che: è una crema di porri, cipolla e patate, servita fredda con aggiunta di latte e, ma c’è chi non la usa, panna. Io l’ho fatta per la prima volta qualche giorno fa, finalmente di ritorno a casa dopo i giri londinesi, che avevo gran bisogno di pantofole e di comfort food ed è… beh, semplicemente divina :-)

Vichyssoise (crema fredda di patate e porri)

patate 500g
porri (la parte bianca) 300g
cipolla bianca 1
burro 1 cucchiaio
latte fresco intero 2,5dl
panna fresca 100g
brodo di pollo 1l
erba cipollina tritata
noce moscata
sale & pepe

Sbucciare le patate e la cipolla. Tagliare le patate a fettine. Tritare la cipolla e affettare sottilmente i porri, e farli rinvenire in una pentola, col burro, per 5 minuti a fiamma media, senza far colorare. Quando i porri e la cipolla saranno morbidi. Aggiungere le patate e il brodo, aggiustare di sale e pepe, aggiungere un po’ di noce moscata e lasciar cuocere a fuoco medio per 30 minuti. Dopo questo tempo passare la zuppa al mixer, e lasciarla raffreddare comoletamente. Aggiungere infine il latte e la panna, passare il tutto al colino se volete una consistenza più.. eterea? (io preferisco :-P). Servire con un po’ di erba cipollina.

Stampa la ricetta
Condividi :Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Google+0Pin on Pinterest11Email to someonePrint this page
0
  • Alberto Capece Minutolo

    Cioè come ingerire mille calorie mangiando cipolle e patate in un sapore scontato e una consistenza anonima.

  • Pingback: Tre zuppe fredde | Flora

  • Pingback: Potage Parmentier | il cavoletto di bruxelles

  • Pingback: //o^_^o\ wakarimasen.org » Blog Archive » le idee del lunedì #5

  • pullipan

    che delizia! ho appena finito la mia seconda ciotola, in pigiama sprofondata sul mio divanone…più coccolosa di così!

  • Pingback: Citazione da Kitchen Confidential di Anthony Bourdain (si insomma, una deliziosa Vichyssoise) « Sale Dolce

  • Giuly

    Vichyssoise gusto, semplicità e delicatezza s’incontrano in un piatto davvero sublime!
    Forse è meglio aggiungere solo latte…la panna la lascerei a chi non combatte con la bilancia!

  • http://ricetteepensierisparsi.blogspot.com/ marguerited

    Ciao ho letto con piacere Confidential e apprezzato il suo tumultuoso autore, mi ricordavo del suo viaggio in Francia da piccolo e della vichyssoise, mi piace molto il tuo consiglio di passarla ancora alla fine.
    buona serata da marg

  • hipert

    In Colombia si gusta fredda con avocados frullati, mandorle tostate e coriandolo…..

  • sebas

    muy buena tu receta
    fue un placer comermela

  • http://cazzarole.blogspot.com milo

    io la faccio calda e *destrutturata*… crema di patate da una parte e guarnizione di porri saltati in padella dall’altra… il gusto è buonissimo e la consistenza favolosa :P

  • http://www.lemaghedellespezie.com Valentina

    Fatta , fatta , fatta sabato scorso!Era buonissima, non so se gli ospiti l’abbiano capita sino in fondo, ma io e mio marito abbiamo fatto il bis, ed il tris il giorno dopo.
    Lui però me l’ha chiesta calda????
    baci

  • Giulio

    @Sigrid: fatta stasera, aggiunte due tre gocce di salsa di soia, tiepida con due mazzancolle tagliate a meta e passate in padella con un filo d’olio e pepe.
    Strepitosa…

  • http://campodifragole.blogspot.com campodifragole

    Antony Boudain e’ uno dei miei miti! Fantastico ho visto tutte le serie televisive dei suoi viaggi ed appunto ho visto quando si recava in Francia con suo fratello alla ricerca dei suoi ricordi d’infanzia :)

  • http://saleepepequantobasta.blogspot.com CoCò

    @Ady ma anch’io ho fatto i cantucci di Sigrid sono meravigliosi sto già pensando a nuovi accostamenti

  • http://diariodiunapassione.splinder.com Ady

    Adesso tu Sigrid non mi crederai ma in inverno, quindi in questo periodo (eheheh), la faccio spessissimo, l’avevo anche fotografata in attesa di postarla…io l’adoro!
    In compenso posterò presto i tuoi cantuccini salati, buonissimi direi sorprendenti!

  • http://lecuriositagolose.it Elisa

    iomilanese-laura, come inesistente primavera milanese! La primavera e` cosi’, marzo pazzerello. Io, romana, apprezzo molto Milano in questo periodo.
    Mi son persa le foto di Giu di cui parli, devo ricercarmi i link…

    Sigrid, sono stata a Roma a Pasqua, peccato che il 2 sia in mezzo alla settimana…avrei portato un po’ di formaggi del nord (che me li chiede sempre pure mia sorella :))

  • Luisella

    Ecco là che un problema di natura personale sopraggiunto nelle ultime ore mi impedisce, anche se romana, di essere presente all’incontro del 2 aprile. Peccato, mi sarebbe piaciuto molto essere con voi.
    Che dire, divertitevi e un brava e continua così a Sigrid

    Luisella

  • Giu

    @laura
    Gli affetti si conquistano sempre a piccoli passi, magari cominciando proprio da un sorriso :)))

    Il Dott. Bayer ha risolto il mal di testa, mentre la famiglia ha liberato il prigioniero.
    La bimba dei vicini piange. Ha 6 giorni.
    Sono le 2.
    Domani sveglia alle 7.
    Che pacchia :)))

    Giu

  • iomilanese-laura

    @ Giù
    ti devo due risate. Una per l’immagine di sigrid con la ciabatta che martella il parquet per zittir…ci, e due per te chiuso in casa che vuoi fare la vittima. Però meglio pellico che maroncelli, se non altro per le borelle,( a milano ginocchia!) La vichyssoise di sigrid è un cibomamma . La mia non l’ha mai fatta ma è una coccola nel piatto per festeggiare questa inesistente primavera milanese.

  • http://viaggiodiluna.splinder.com/ Alemu

    incredibile! pensa che ci pensavo lunedì sera alla vichyssoise.. e zac, me la ritrovo qui!! e pensavo giusto di farla!! :)

  • Filippo

    @ Giù
    me li sono visti tutti mah..non riesco proprio a capire chi sia la persona che spesso e volentieri scatta fotografie a piu non posso..essì che ha pure un accento inconfondibile francese mah non rieco a capire chi sia!!!
    MAh…:-PPP
    eppure…

  • http://buonocomeilpane.blogspot.com anti

    beh, io non amo le zuppe fredde, gazpacho e così via, perchè proprio non amo in genere le cose crude e le cose fredde, però in effetti…il piatto che fa venire voglia a Bourdin di fare il cuoco (grande Kitchen Confidential!)…toccherà provarlo anche a me!!!!grazie di aver postato la ricetta

  • Giu

    Vorrei far sapere a chi magari puo’ essere interessato, che qui
    http://www.gamberorosso.it/portale/gdg/articolo/homepage?id_primo_piano=6528.0&textForum=Mangiare
    ci sono i clippini di molto di cio’ che Sigrid ha fotografato per l’inserto pasquale su Fulvio Pierangelini. Inoltre potete indovinare di chi sia la macchinetta fotografica che si sente scattare in sottofondo, e soprattutto chi e’ la fotografa che ti danto in tanto, magari solo per quache istante, s’intravede in video. A chi indovina: giro doppio di spumante il 2 aprile.

    Giu

  • Filippo

    @ Flo Bretzel
    Je suis d’accord avec toi..et sont très bons!!!!!

  • http://blog.nicolamattina.it Nicola Mattina

    Molto elaborata: io ne conoscevo una ricetta più semplice e senza panna, che ho visto fare a Ferretto. Condimento finale: un bel po’ di tartufo, che ci sta sicuramente bene… Forse si potrebbe guarnire anche con un ovetto di quaglia e poi affettarci su il tartufo: tanto per fare la versione ricercata :-)

  • http://bretzeletcafecreme.blogspot.com/ Flo Bretzel

    Les choses simples sont souvent les meilleures!

  • Elisabetta

    Oggi, ore 13.00; pioveva.
    Non avevo nè patate nè porri ma tanto tanto bisogno di coccole.
    Adoro la vichyssoise, che mangio anche calda che ti scalda il cuore (in genere senza cipolla, magari in proporzione c’è più porro)….
    Così, usando lo stessissimo procedimento, ho fatto in pentola a pressione (funge benissimo, ribadiamolo!) una zuppa di soli carciofi. La consiglio: ottima, più leggera della Vichyssoise e della Parmentier ma veramente gustosa!
    Grazie Sigrid per la foto: mi ha davvero ispirata…

  • http://saleepepequantobasta.blogspot.com CoCò

    Sto giusto leggendo Kitchen Confidential e mi ero ripromessa di provarla, non ho ancora trovato il tempo ma è tra le cose da fare, come i tuoi cantucci gorgozola e mandorle che dopo tanto tempo che avevo stampato la ricetta ho preparato per l’aperitivo di Pasqua ed ho consumato quasi da sola con un buon bicchiere di Moscato di Saracena, meravigliosi a dir poco, grazie per la ricetta

  • barbaraT

    … comfort food… lancio una proposta a Sigrid, sulla scia dell’idea dei panini dei lettori che mi è piaciuta tantissimo (ah! avervi scoperto prima!)… perché non fare una raccolta di comfort food dei lettori o, meglio, di cibi della memoria, la nostra “madeleine” Proustiana, la “ratatouille” di monsieur Anton Ego, quel gusto che ti catapulta in un istante indietro di 30 anni… che te ne pare?

  • Giu

    @Fiatella Si’ si’ ho visto il porro, ma c’e’ anche la cipola bianca ;))) e io mi riferivo a quella. Di soli porri, una zuppeta simile l’ho fatta pure, e la platea ha gradito.

    @Felipe Grazie Fil. Nel frattempo non ho resistito e ho aperto qualche libricino pure io :))))

    Qui oggi dopo i meno gradi delle ultime nottate ho addirittura spento il riscaldamento. Peccato per il mal di testa e per il fatto che la famiglia, uscendo di buon mattino, mi abbia praticamente chiuso in casa perche’ si e’ portata via per sbaglio anche il mio mazzo di chiavi. Certo, da qualche parte ci dev’essere una copia, ma non la cerco, altrimenti poi non posso fare la vittima…

    Giu Pellico

  • http://www.unfiloderbacipollina.blogspot.com Elvira

    Questo e’ uno di quei piatti francofoni di cui ho sempre sentito il fascinoso richiamo e non ho mai provato, ma ora il richiamo si e’ fatto impellente! Sara’ il richiamo alla pantofola o la foto cosi bella???? Mah………. :)

    PS: Io sono di quelli che..la panna si, eccome :))

  • http://www.lemaghedellespezie.com Valentina

    Visto che si può servire fredda(a temperatura ambiente????), la proporrò ai miei commensali sabato sera.Qui è scoppiata la primavera , dopo il freddo dei giorni di Pasqua , per cui calda non sarebbe l’ideale.

    Anche io voto per cipolla bianca, sicuramente più delicata.
    ciao

  • gazzosaalcaffè

    porri…cipolle..!!una bella frittatona…!io li preferisco così…!!

  • http://properzia.wordpress.com Properzia

    Con il tempaccio che c’è oggi…niente di più azzeccato!

  • Filippo

    @ Giù
    ciao amico di blogmerende..
    volevo solo puntualizzare che questa “vellutata di porri” non ha niente a che vedere con la zuppa di cipolle “soupe a’ l’onion” francese.
    Sono proprio due cose distinte anche se la preparazione è + o – simile.
    Comunque sono buonissime entrambe e la loro preparazione è semplicissima.
    ciao Giù

  • patricia B.

    Ciao Sigrid!! Quante novità!! L’incontro a Roma il 2…
    Che bella ciottolina-piattino-cucchiaino!!! (forse acquisto londinense?). E’ sempre un piacere vedere il tuo blog… sai cosa ti dico?… vado subito a fare questa zuppa, è la giornata giusta, qui piove e fa freddo…
    Ciao, a presto!:))
    Patricia

  • fiatella

    @ Giu… veramente ha detto PORRO…è un’altra cosa, molto più delicata

    firmato:
    FIATELLA

  • Giu

    Quando non sei indigeno, e’ facile sbagliare. Se parli di cucina italiana all’estero, spesso la gente diventa subito accondiscendente, e ti dice “Si’ si’ lasagna si’, e gnocchi (pro. G-nokki). Senza sapere, bonta’ loro, che da noi le lasagne certo sono soprattutto quelle classiche romagna-like, ma si fanno anche con verdure, pesce e altro ancora. Gli g-nokki poi li puoi condire in talmente tanti modi, che in pratica potresti mangiarli sempre diversi per tutta la vita. Stessa cosa credo capiti per un italiano rispetto alla cucina francese. E cosi’, per evitare di essere saccente senza potermelo permettere, preferisco chiedere: ma questa e’ la classica zuppa di cipolle francese, ammesso che ne esista una per cosi’ dire classica, o e’ una sua variante un po’ elegante? Perche’ questa mi rendo conto di averla gia’ fatta alcune volte, con e senza patate, ma mangiata sempre calda. Vorrei quindi capire un po’ meglio.
    Per le cipolle invece mi permetto di schierarmi con gli estimatori della cipolla bianca, per le preparazioni dove e’ previsto che essa sia un elemento di spicco: la sua delicatezza mi fa veramente morire. Amo in particolare mangiarla cruda prima di un appuntamento galante.

    Giu

  • http://cookinginrome.blogspot.com/ chocolat

    Io ci aggiungerei anche due gamberoni cotti al vapore…Chocolat di Cookinginrome

  • Filippo

    @ Katu
    non dovrebbe esserci nessuna differenza, forse il brodo di pollo e l’utilizzo di latte.
    Sigrid chiedo di venirci in aiuto per maggiori delucidazioni !!!

  • Filippo

    Io la faccio spesso in inverno, servita calda con dei crostini di pane passati nel burro quando ha un bel color nocciola e una cremina frullata di panna e prosciutto cotto da affogare nel centro della zuppa a mo di sorpresa gustativa in pratica non la vedi ma te la ritrovi di botto già alla prima cucchiaiata. Più che una zuppa la chiameri vellutata che è proprio la sensazione che si ha in bocca quando la si gusta.
    ciao

  • http://www.lacucinadiadina.blogspot.com/ adina

    appena ho letto il titolo del post un pensiero è andato a bourdain, a quella prima vichyssoise che si mangiò, primo approccio ad una cucina vera. e tu l’hai ben citato.. come poteva essere altrimenti! :-))

  • eli

    L’ho preparate qualche mese fa, ma senza la cipolla bianca e secondo me rimane troppo “anonima” e delicata; la rifarò (io uso brodo vegetale) con quest’aggiunta, sicuramente la renderà più decisa.
    Merci :-)

  • http://www.cavolettodibruxelles.it/ Sigrid

    @katu: ma no che non t’impicci :-) Se non erro nel potage parmentier (l’uomo della promozione dele patate :-), ci va pure il lardo, mentre qui no, ma per il resto in effetti è pressoché la stessa cosa :-)

    @aidi79: euhm, perché il brodo di pollo uno lo fa in casa e poi lo congela :-))) Pero certo, nell’urgenza, piuttosto che del dado, meglio un brodo vegetale fatto al volo :-)

  • http://www.lacilieginasullatorta.blogspot.com Tuki

    È la mia zuppa preferita!! la proverò al più presto con le tue dosi :)

  • katu

    Ciao, scusate se m’impiccio…
    ma…che differenza c’è con il potage parmentier?

  • Aidi79

    e ma il brodo di pollo… saranno anni che nn ne faccio uso… un brodo vegetale veloce veloce che dici ci sta bene lo stesso?

  • http://www.cavolettodibruxelles.it/ Sigrid

    @zorra: oh yes you know it for sure!! ;-)) Bacio!! :-)

  • http://kochtopf.twoday.net zorra

    I think I know this nice tableware. ;-)

  • http://alteforchette.blogspot.com Nadia

    Già, comfort food!
    Poi in questi ultimi giorni di freddo è la cosa ideale per salutare la brutta stagione!
    Io aggiungerei anche un po’ di topinambur… mmmh che bontà!