- Il Cavoletto di Bruxelles - http://www.cavolettodibruxelles.it -

Il cinese che veniva dalla Sicilia

Posted By Sigrid On 30/04/2008 @ 10:14 In colazione,lieviti | 130 Comments

Chi legge il blog già da un po’ avrò forse notato una certa ostinazione per le cosette briochiose a lievitazione tutt’altra che lenta (visto che in genere le faccio la domenica mattina e se riesco anche a farci colazione sono più contenta :-). Siccome poi non mi piace molto rifare sempre le stesse cose (è un eufemismo, è anche una pecca – ogni tanto penso che se avessi dei figli questi poveretti sarebe completamente scombussolati, culinariamente, a forza di vedersi propinare sempre cose diverse, insomma il bello della cucina di casa sta anche nella ripetitività, missà :-) – ma intanto, per ora, preferisco sperimentare :-), e che in materia di brioches & co avevo la vaga sensazione di aver fatto un po’ il giro delle varie specialità nazionali (oh se ne conoscete, di brioches che io non so, ditemelo! :-), ho giocato a fare una brioche siciliana che non esiste (a parte che da tempo cerco una buona ricetta di brioscia col tuppo, qualcuno??).

Galeotti furono in realtà i vasetti di marmellata comprati da Così duci, una meravigliosa piccola pasticceria a Malfa/Salina dov’ero capitata a novembre [1], un giorno che la signora era impegnata a sbucciare tre quintali di arance per farci la marmellata (vi lascio immaginare il profumino che si diffondeva nelle viuzze tutt’intorno :-). Nella fattispecie sono tornata a casa con delle marmellate di corbezzoli, di sorbe, di mandorle e di gelsi neri. E queste ultime due le ho usate per farcire le chioccoline della brioche qui sotto, che ha di base più o meno la stessa struttura dello chinois [2], quella brioche francese farcita di crema pasticcera. Immagino che a Malfa non ci capitate tutti i giorni ma, a parte che è un buon pretesto anche per svuotare la dispensa di conserve dolci siciliane, direi che andrebbe benissimo anche della pasta di mandorla sbricciolata, o quella favolosissima crema di pistacchi che ha una consistenza simile alla nutella e che una volta un’anima gentilissima mi portò fino a Roma :-).

Brioche ‘siciliana’

per l’impasto
farina manitoba 500g
latte 25cl
burro morbido 110g
zucchero 70g
uovo 1
lievito fresco 1 cubetto (25g)
limone, la buccia 1

per farcire
marmellata di mandorle 70g
marmellata di gelsi neri 70g
burro 50g
zucchero di canna 2 cucchiai
pistacchi di bronte 3 cucchiai
mandorle spellate 3 cucchiai
arancia, la buccia 1

Far intiepidire il latte e farci sciogliere il lievito. Mescolare la farina con lo zucchero e la buccia grattugiata del limone, aggiungere il burro a temperatura ambiente, l’uovo e impastare versando il latte a filo. Impastare per 10 minuti dino a ottenere in impasto bello liscio ed elastico. Lasciar lievitare a coperto per circa un’ora.
Riprendere poi l’impasto e stemderlo in un rettangolo di circa 40x25cm (mezzocm di spessore). Far sciogliere il burro per la farcia, e spenellare metà sulla superficie del rettangolo. Cospargere con due cucchiai di zucchero di canna (le marmellate che ho usato erano poco dolci, se sono dolci invece lasciate pure perdere lo zucchero in più). Spalmare la prima marmellata su metà del rettangolo e la seconda sull’altra metà. Cospargere il tutto con la buccia di arancia finemente grattugiata e arotolare l’impasto sul lato più lungo, in modo da ottenere un salsiccione di pasta che a quel punto sarà per metà mandorle e metà gelsi. Ritagliare delle rotellini di 2-3cm di spessore e disporle, alternando i gusti delle marmellate, in una teglia di 30cm di diametro, foderata con carta da forno. Coprire e lasciar lievitare per 45 minuti. Infine, spenellare la brioche con ciò che è rimasto di burro, cospargere con lo zucchero di canna rimasti e con i pistacchi e le mandorle grossolanamente tritati. Infornare a 180° finché la brioche sia appena dorata (se la lasciate dorare molto poi diventa un filo secchina io la preferisco morbida :-). Sfornare, lasciar intiepidire e servire.

Condividi :0 [3]00 [4]0 [5]
0 [6]

Article printed from Il Cavoletto di Bruxelles: http://www.cavolettodibruxelles.it

URL to article: http://www.cavolettodibruxelles.it/2008/04/il-cinese-che-veniva-dalla-sicilia

URLs in this post:

[1] novembre: http://www.cavolettodibruxelles.it/2007/11/lisola-i-capperi-e-linfinito

[2] chinois: http://www.cavolettodibruxelles.it/2007/04/brioche-chinoise

[3] 0: http://www.facebook.com/sharer.php?u=http://www.cavolettodibruxelles.it/2008/04/il-cinese-che-veniva-dalla-sicilia

[4] 0: https://plus.google.com/share?url=http://www.cavolettodibruxelles.it/2008/04/il-cinese-che-veniva-dalla-sicilia

[5] : mailto:?Subject=Il cinese che veniva dalla Sicilia&Body=%20http://www.cavolettodibruxelles.it/2008/04/il-cinese-che-veniva-dalla-sicilia

[6] 0 : #