- Il Cavoletto di Bruxelles - http://www.cavolettodibruxelles.it/ -

Tamarillos con vaniglia e passito

Posted By Sigrid On 11/01/2010 @ 11:19 In al cucchiaio,frutta,mondo | 42 Comments

Missà che stavolta mi sono beccata la settimana diesel :) Quindi, tanto per iniziare in modo veloce, colorato e vitaminico, vi presento i tamarillos [1] :)
Trovati al mio grandisismo stupore alla Metro aurelia di Roma. Davvero, non li avevo manco mai visti dal vivo, tutt’al più li avevo intravvisti qua e là nei libri di Donna Hay [2], non avevo proprio idea di cosa fossero. Beh, ecco, tanto per edificare un pochino anche voi: i tamarillos sono un frutto sudamericano (questi venivano dalla colombia, alla faccia dei buoni propositi a chilometrozero), appartenenti alla famiglia dei solanacei. Il che vale a dire che sono dei cuginetti dei pomodori. Solo che questi qui crescono sugli alberi (c’è anche chi li chiama ‘pomodori da albero’), mentre il nome tamarillos di per sé è stato semplicemente forgiato piu o meno recentemente al fin commercializzare meglio il prodotto. Resta che il tamarillo, come del resto anche il pomodoro, è un frutto, con però un sapore di frutta (niente insalata e mozzarella quindi), anche se semberebbe che non si consumi tanto crudo. Per i primissimi tamarillos in vita mia ho quindi seguito una semplicisisma ricetta letta su un vecchio libro [3] di Donna Hay, e devo che il risultato è piuttosto intrigante: il sapore dei miei pseudo pomodori ha lontani eco di kiwi e di mango, insomma una base acidina, molto fresca, gentilmente bilanciata dallo zucchero e dalla vaniglia dello sciroppo. Senz’altro interessantissimi da servire, oltre che da soli, insieme a torte leggere, e gelati :)

Tamarillos con vaniglia e passito di Pantelleria

Incidere la base di 4 tamarillos con una piccola crosìce. Tuffarli per 30 secondi in acqua bollente, scolarli e sbucciarli. Spaccarli a metà lasciando intatti i piccioli. Scaldare 200ml di acqua con 100g di zucchero e i semini di una bacca di vaniglia, fa cuocere il tutto piano per una decina scarsa di minuti. Aggiungere i tamarillos e un bicchiere di passito di pantelleria (la ricetta originale prevedeva il sauternes, fate un po’ voi :), rimettere sul fuoco per qualche minuto poi spegnere e lasciar riposare il tutto fino all’endomani. Servire con una crema di mascarpone al limone, un gelato semplice o qualsiasi altra cosa vi venga in mente :)

Condividi :0 [4]00 [5]0 [6]
0 [7]

Article printed from Il Cavoletto di Bruxelles: http://www.cavolettodibruxelles.it/

URL to article: http://www.cavolettodibruxelles.it/2010/01/tamarillos-con-vaniglia-e-passito

URLs in this post:

[1] tamarillos: http://en.wikipedia.org/wiki/Tamarillo

[2] Donna Hay: http://www.donnahay.com.au/

[3] vecchio libro: http://

[4] 0: http://www.facebook.com/sharer.php?u=http://www.cavolettodibruxelles.it/2010/01/tamarillos-con-vaniglia-e-passito

[5] 0: https://plus.google.com/share?url=http://www.cavolettodibruxelles.it/2010/01/tamarillos-con-vaniglia-e-passito

[6] : mailto:?Subject=Tamarillos con vaniglia e passito&Body=%20http://www.cavolettodibruxelles.it/2010/01/tamarillos-con-vaniglia-e-passito

[7] 0 : #