Deconstructing Miss Tatin

tatin0_ssl

Last month, after posting the ultimate tagliatelle bolognaise recipe, I kind of promised myself I would have done this little linguistic excercise more often. At the moment I can’t cook much of italian food (see, I’m in Japan for a couple of months), and I’m far too excited about discovering tofu, nabe, kanten and everything else to even think about tiramisù or spaghetti alla carbonara. But settling down in a new city, discovering day by day markets, products, recipes and inventing new ways to use my (quite poor) kitchen gear made me think I might as well continue writing in English once in a while, since I very much doubt my usual readers could be interested in things as, well, alternative ricecooker uses for instance. I mean, before heading to Japan I didn’t even knew what a ricecooker was in the first place! (after all, you’re supposed to stir your risotto for the whole 17 minutes it takes to get cooked, not to pour raw rice into some futuristic machine and wait untill it’s done :D)

Now, this little deconstruction thing all started with these red Fuji apples… They’re from Nagano and arrived at my Kyoto home in a cute box with apples printed on it, along with other edible thoughts, a very much appreciated welcome-in-Japan gift by Chika (you can also see her photos of the apples and their very own natural environment here). So I had a lot of apples and, well, I love fresh apples but … they were really a lot of apples! :-) So I started thinking about cooking some: first, I dressed up a couple of apples for Valentine’s day, and then all at a sudden I started fancying on … Tarte Tatin?! It was not the craving-like thoughts people get when they are too far from home for too long (actually till now I haven’t been craving for anything Italian, nor European for that matter:-)), it was more something like the desire to play around with both the idea of Tarte Tatin and my little Japanese kitchen (equipped with a pan, a simple microwave, a smal gas broiler and, oh, my friend the ricecooker, and that’s about it).

Perhaps the souvenir of a nice slice of warm melting Tatin tart came to my mind just because Japanese are so found of French pastry, who knows… Anyway, this is what I came up with: 3 really basic, no-fuss, tatin-related recipes that can be made with almost no tools at all. Of course, none of the following is authentic Tarte Tatin, though each of them contains one or several of the elements that makes Tarte Tatin so special: apples, of course, caramelised sugar, a crisp and buttery dough and, eventually, some crème anglaise on the side ;-) And when I’ll have my oven back I’ll owe you one authentic version too :-). For now, who knows, maybe there are other asia-based cooks around, wondering what they could possibly make from a box of apples and no oven ;-)

tatin1b_ssl

Custard, apple and caramel pots

Peel one apple and dice it into small cubes. Sautée the apple with one tbsp butter until slightly golden, add 2 tbsp cane sugar and let caramelise over medium heat. Set aside. Bring to boil 25cl fresh milk with 1 tsp vanilla extract and 2g powdered kanten, let boil for 10 seconds then remove from heat. Whisk 2 eggyolks with 2 tbsp granulated sugar until pale. Pour the milk over the yolks and sugar, mix well, set aside. Divide the diced and cooked apple over 4 little dessert glasses. Fill up with the custard and let rest until completely set. Prepare caramel sauce heating 4 tbsp granulated sugar with one tbsp water, when caramel is blond, ad 1 tbsp butter and 1 tbsp heavy cream. Mix well and let rest until caramel is at room temperature (if you feel like it you can add 1 pinch of fleur de sel salt to the finished caramel sauce). Pour one tablespoon caramel sauce on top of each custerd cream, serve at room temperature. Serves 4 little pots.

tatin2_ssl

tatin3b_ssl

Caramelised apple crumbles

Peel one apple and dice it into small cubes. Sautée the apple with one tbsp butter until slightly golden, add 2 tbsp cane sugar and let caramelise over medium heat. Set aside. Soften 2 tbsp butter using the microwave. Crumble 4 tbsp flour with 1 tbsp sugar, a tiny pinch of salt and the softened butter. Scoop the diced apple into 4 small ramequins, divide crumbles on top, and finish the crumbles under the gas broiler until crumble is golden, taking care of not burning them. Let rest for five minutes and serve, eventually with some vanilla custard or sour cream on top. Serves 4 small ramequins.

tatin4_ssl

tatin5b_ssl

Ricecooker Tatin cake

Peel two apples, cut each apple into 8 wedges. In a non-stick pan, heat gently 2 tbsp butter, add the apples, toss them around a little and let cook at medium heat for about 5 minutes. Add 3 tbsp cane sugar, mix delicately and let cook until caramelised. Grease the ricecooker’s bowl with a drop of oil and pour the apples and all the remaining caramel into the bowl. Arrange the apples to cover the bottom of the bowl. Then put together 70g (1/2 cup) all-purpose flour with 50g (1/4) cup granulated sugar, 1 teaspoon baking powder, a pinch of salt, 3 tbsp melted butter and two eggs, mix well and pour this batter over the apples, covering them completely. Put everything back into the ricecooker and push the on-button. That’s it! :-) ps. after cooking the cake, allow it to cool in the mold for 20 minutes, and unmold delicately on a serving plate. Serve with crème anglaise or a scoop of vanilla icecream. ps: Thanks to Clea for the basic ricecookercake recipe! ;-). Serves 4 europeans (or 8 japanese ;-).

tatin6_ssl

Itariago ga hanasemasu ka?

Vasetti crema, mele e caramello

Sbucciare una mela, e tagliarla a cubettini piccoli. Far saltare la mela in padella con un cucchiaio di burro finché non sia leggermente dorata, aggiungere due cucchiai di zucchero di canna e lasciar caramellare a fuoco medio. Mettere da parte. Far bollire 25cl di latte fresco con 1 cucchiaino di estratto di vaniglia e 2g di agaragar in polvere. In una ciotola sbattere due tuorli con 2 cucchiai di zucchero finché il composto non sia chiaro, poi versare il latte a filo e mescolare bene (in alternativa, senza agaragar, riversare il tutto nel pentolino e lasciar cuocere, mescolando e senza assolutamente far bollire, finché la crema non si sia legermente addensata, poi aggiungere 1 fogliolina di gelatina ammorbidite in acqua fredda). Dividere i dadini di mela nei bicchieri (4 di formato giapponese, 2 nostrani, pure piccoli :-), completare con la crema e mettere il tuto al fresco finché la crema non si sia rappresa. Infine, scaldare 4 cucchiai di zucchero con 1 cucchiaio di acqua, lasciar caramellare, fuori fuoco, aggiungere 1 cucchiaio di burro e 1 cucchiaio di panna fresca, mescolare bene e lasciar intiepidire. Prima di servire distribuire la salsa al caramello sulle cremine.

Crumbe di mele caramellate

Sbucciare una mela, e tagliarla a cubettini piccoli. Far saltare la mela in padella con un cucchiaio di burro finché non sia leggermente dorata, aggiungere due cucchiai di zucchero di canna e lasciar caramellare a fuoco medio. Mettere da parte. Fr ammorbidire 2 cucchiai di burro al microonde. Con la punta delle dita, mescolare 4 cucchiai di arina con 1 cucchiaiio di zucchero, una presa di sale e il burro morbido, in modo da formare delle briciole. Dividere la mela fra 2 tegliette resistenti al calore, aggiungere le briciole sopra, e passare il tutto sotto il grill (calore minimo) per pochi minuti o finché le briciole non siano leggermente dorate. Servire, volendo, con una crema alla vaniglia o un po’ di panna acida.

Tatin in versione ricecooker

Sbucciare 2 mele, tagliare ogni mela in 8 spicchi e farle saltare in una padella antiaderente insieme a 2 cucchiai di burro, per 5 minuti. Aggiungere 3 cucchiai di zucchero di canna, mescolare e lasciar caramellare. Ungere la ciotola del ricecooker e versarci tutte quante le mele con il loro sughetto di cottura, disponendole in modo da farle coprire in fondo dello ‘stampo’. Poi mescolare 70g di farina con 50g di zucchero, 1 cucchiaino di lievito per dolci, 3 cucchiai di burro fuso, una presa di sale e due uova. Versare tutto quanto questo impasto sulle mele, sistemare la ciotola nel ricecooker e far cuocere :-) (potete anche far cuocere tutto ciò al forno, ciò detto, se avete un forno meglio fare una tatin tradizionale, con la pasta brisée :-)

piccolo ps per gli italiani: se avete in giro per casa un qualche giovane di meno di 26 anni, dategli la paghetta e mandatelo… al ristorante! :-) Slow food organizza le Settimane del Gusto, una bellissima iniziativa che parte lunedi e dura 15 giorni. L’idea è di incitare gli under 26 a fare l’esperienza di un ristorante bello (& sopratutto buono, insomma, un vero ristorante :-), e questo grazie ai numerosi locali che hanno aderito (tanto per dire un paio dei miei preferiti: Combal, Guido, La Torre del Saraceno, La Pineta, Glass Hostaria…), accettando di praticare per l’occasione dei prezzi decisamente giovanili. Tutte le info qui :-)

Condividi :Share on Facebook0Tweet about this on Twitter2Google+4Pin on Pinterest1,705Email to someonePrint this page
0

This post is also available in: Inglese

  • Sharon Richardson

    My rice cooker has multiple settings and times…do you just use the plain rice setting, and how long do you cook it?

  • Pingback: Many Uses Of A Rice Cooker | Kajang Line Dance()

  • LadySappho

    I just made this apple cake. It’s yummy! I added some vanilla and all spice to the cake batter and, for my rice cooker, I could have used a 3rd apple. Some of the caramelised apple did get stuck but still so good!

  • Pingback: 21 Surprising Things You Can Make In A Rice Cooker | Realistic Singaporean Saigonese()

  • Pingback: [DIY] 什么?电饭锅也可以做出美食?21道用电饭锅就可以煮出的佳肴谈谈新闻俱乐部 | 谈谈新闻俱乐部()

  • Emma R

    Ooh, these sound delicious! Especially the caramel apple pots.

  • Pingback: Kitchen Test: Ricecooker Tatin cake | The Weekend Project()

  • Pingback: 21 Things to Make with a Rice Cooker | The World of Chinese()

  • Pingback: Food – Surprising Things You Can Make In A Rice Cooker | Everything Cool()

  • Pingback: Rezept – Backen im Reiskocher: Tarte Tatin « Einfach Bento()

  • Pingback: ER kann Kuchen backen (Reiskocher Teil 3) « Einfach Bento()

  • mariasole

    fatti i vasetti alla crema utiluizzando il mitico agar agar, buonissimi !! grazie per la ricetta e grazie per la prima foto di questo posto che è bellissima!!

  • Pingback: rice cooker apple tarte tatin « rice cake confessional()

  • http://www.cavolettodibruxelles.it/ Sigrid

    @flaviana: veramente missà che hai vissuto in Belgio più a lungo tu di me :-) In ogni caso, troverai un po’ di appunti qui
    http://www.cavolettodibruxelles.it/2009/07/bruxelles-mini-guida-golosa
    A Brugge però è una vita che non vado, per cui non saprei dirti (però se vai devi fare un salto da The Chocolate Line per le pralines al wasabi :-)))

  • flaviana

    Ciao complimenti, avrei bisogno di un consiglio. Sto organizzando un viaggio in Belgio, dove ho vissuto per 30 anni, nel Limburgo. Gradirei un tuo consiglio per i ristoranti che possiamo visitare sia a Bruxelles che a Brugges , anche perchè vorrei che le mie amiche abbiano un approccio positivo al cibo e alla cucina di questo popolo. Grazie

  • http://www.cavolettodibruxelles.it/ Sigrid

    Hi Alice, well yes, it’s an italian blog (for now ;-) anyway, my ricecooker is a small one, I think diameter is about 18 cm (sorry, I can’t convert lenght measures :-), so what you get is a tiny cake, for a large size rcecooker I would at least use two or even 3 time these amouts of ingredients :-)

  • Alice

    I stumbled upon this page completely incidentally from your comment on thekitchn.com! I thought- what?! Dessert in a ricecooker? Your photos are absolutely lovely, and I honestly was surprised when I saw the recipes in Italian- I thought for the life of me that this was a blog written in English!

    I do have a pressing question- what size ricecooker? My roommate here has the mini size, but my fiance has the large size.

  • Pingback: Matcha dulce de leche | il cavoletto di bruxelles()

  • Sabri

    Complimenti e grazie per le ricette!

  • http://vanigliacooking.blogspot.com/ vaniglia

    *sigrid: fìuuu, per fortuna, per un attimo ho pensato che potevo passare, ai tuoi occhi, per una lupin III dei ristoranti….
    ;)

  • catobleppa

    @sigrid sì sono d’accordo anche io, anche questa è cultura e un investimento ogni tanto va fatto (semel in anno…) :)

    @iana caspita… complimenti! penso tu faccia bene a goderti una bella cenetta anche più di ogni tanto, e mi sembra che a firenze tu abbia trovato un ottimo affare! In effetti io (a parte che come dicevo sono di pochi giorni over 26 uffaaaa) avevo guardato Milano e dintorni che come al solito sono più cari.

    Per il compleanno riproverò con il D’O di Oldani, che fa prezzi piuttosto abbordabili tutto l’anno… ma con liste d’attesa sui 9-10 mesi O_O per questo penso che tenterò la via del last minute!

  • san bernardo

    Sigrid,grazie! Grazie per la tua presenza , continua,instancabile. Grazie per la possibilità che dai a me e ad altri che l’inglese lo masticano , di tenerci in esercizio ! Una cosa è leggere una ricetta in italiano e un’altra leggerla e sopratutto intenderla in inglese .

  • http://cucinadelsole.typepad.com/the_sunny_kitchen/ Nicoletta

    Già visto “Buongiorno Europa” con l’intervista a cucinieri e blogger italiani e “adottivi”? Qui il link: http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-f00ceaf3-a7dc-442d-ab2b-56ba212977c1.html?p=0

    Ciao!

  • http://www.ilramaiolo.blogspot.com il ramaiolo

    Ciao Sigrid! Affascinata ti seguo fin là! Immagino la meraviglia e lo stupore di tutte le cose che troverai ogni giorno!! Grazie per gli splendidi reporage!! Ciao

  • http://corradot.blogspot.com CorradoT

    OT x SIGRID: abbiamo fatto un pasticciamento in tuo nome, ma mica bau bau-micio micio: abbiamo “noleggiato” un ristorante tutto per noi e abbiamo cucinato e servito 9 portate a 37 invitati. Domani o dopo la fotocronaca da me. Avevamo anche dei grembiuli stampati per l’occasione: guarda qui…..
    http://farm3.static.flickr.com/2776/4377089962_4cb99d63d3_b.jpg

  • http://www.mogliedaunavita.wordpress.com titona

    appena ho avuto la certezza di poter commentare in italiano…mi è quasi dispiaciuto … di non dover tirar fuori memoria e buona volontà, che per il dizionario ci vuol niente. potrei provare con la pentola versilia? ehh, ma non è a vapore…

  • http://showshanti.com Shanti

    Amazing! I am from California, but moved to Beijing, China. Through my project, I also learned a simple recipe using the rice cooker; and it doesn’t involve rice. I’ll have to try your Rice Cooker Tart and perhaps make a night of rice cooker foods, although I may have to borrow other rice cookers.

  • BK

    @ Sigrid: Capisco il patto che tu dici esistere tra te e i tuoi lettori.

    Per il titolo del libro, che peraltro ho, avendolo acquistato durante una vacanza in Italia, posso dirti solo meno male che adesso segui tutto di persona cosi’ non ti ritrovi delle sorprese. E comunque, a parte quello, e’ un libro che secondo me contiene bellissime ricette e foto e sono contenta di averlo.

  • http://www.cavolettodibruxelles.it/ Sigrid

    @BK: ma, guarda, qua il patto è che tutti scrivono quel che vogliono, quindi, a volte io posso solo stare buona :-) Detto ciò, aspettarsi da me o da chiunque di essere l’impersonalizzazione della Crusca e equivalente, ignorando il fatto che non lo è praticamente nessuno, è solo assurdo, ma passiamo :-). Semmai va detto che è solo una questione di tono (e si aspetta da chi padronanza assoluta dell’ortografia sia poi in grado di padronare perfettamente anche quella :-)) Sul titolo del libro invece ti do assolutamente ragionissimo, è un titolo che fa tutt’ora cascare le braccia (e difatti, tu m’hai mai visto scrivere di quel libro sul blog?? :-), in sostanza io me lo sono trovato stampato sulla copertina (insieme alla foto di copertina che manco quella ho scelta io) diciamo che fa parte del capitolo ‘perché il libro del cavolo e successivi li faccio soltanto con la certezza di avero mano e parola in qualsiasi aspetto del libro, non solo la parte ‘contenuti’ ;-))

    @vaniglia: mannoooooo, maddaaaaaai, ma io lo so che tu sei per bene daaaaiiii ;-))

  • http://vanigliacooking.blogspot.com/ vaniglia

    *sigrid: ps. quindi ci avevi creduto?
    wow..
    ;-P

  • http://vanigliacooking.blogspot.com/ vaniglia

    *sigrid: eheheheh, era un’ideuzza come un’altra, e non avrei mai il coraggio di spacciarmi per UNA CON TUTTI QUEGLI ANNI MENO DI ME! (certo, io e le mie due sorelle siamo abbastanza intercambiabili, in quanto identiche, ma NON COSì TANTO!!!)
    l’iniziativa è davvero notevole, comunque, e sarebbe ancora meglio estendere una pseudo-offerta simile anche all’eventuale accompagnatore, che magari il giovanotto o la giovanotta di turno non è che sia ancora arso dal sacro fuoco della ottima cucina, ma con il mentore di turno…

  • http://missvelvetbow.blogspot.com/ Milly

    Ho scoperto or ora il tuo blog..è stupendo! e mi è venuta una fame..
    :)

  • Jessica

    Sono un’americana a che mi piace leggere il tuo blog, e’ molto bello. Hai fatto bene anche con il “post” in inglese–brava, e sopratutto sulle mele e la tarte tatin, laquelle j’adore! Se solo io potessi trovare il tuo libro qui!

  • BK

    Premetto che correggere un altro, a meno che non ce ne faccia espressamente richiesta, la trovo una cosa piuttosto maleducata, soprattutto in pubblico. D’altra parte quando non si conosce perfettamente una lingua si assumono dei rischi quando la si utilizza.
    Pero’, mi chiedevo come tu, Sigrid, abbia potuto intitolare uno dei tuoi libri precedenti “easy finger”. Ti leggo dagli Stati Uniti (perdona gli eventuali errori di Italiano, a proposito), ma in American Slang non e’ proprio un titolo innocuo…

  • Marcellagiorgio

    @Sigrid e Acquaviva: venerdì torna mio figlio dalla Cina con il suo (dice lui) magnifico ricecooker, quindi sono pronta per tutte le sperimentazioni possibili..attendo impaziente ricette consigli e quant’altro ruoti intorno a questo metodo di cottura.
    Ho provato anche la carta Fata, l’ho usata solo come cartoccio ed è veramente mooolto scenografica (anche se costosa), ma la zuppa di pesce ce l’ho cucinata direttamente in padella senza bisogno del forno.

  • sonia canadese

    @ SIGRID! BELLISSIME LE RICETTINE IN INGLESE, POI HO SCOPERTO LA TRADUZIONE, MA MI PIACIUTO MOLTISSIMO LO STESSO, SEI RIUSCITA A RIPORTARMI ALLA MIA CARA VANCOUVER ;-D GRAZIE 1000!!!!

  • zebulon

    Interesting and yummy recipes! Tarte Tatin is a must and even though I have nothing against raw apples, they are ten times better cooked (and yeah for the vanilla custard / sour cream :D).

    And don’t think your usual readers aren’t interested by “alternative ricecooker uses” (or other creative ideas), I’m one if them and I liked it! Props to Clea for the original recipe ;)

    To conclude: I like the english posts, so keep them coming. No, it’s not the lazy one in me talking :P
    (One little thing, “eventually” doesn’t mean “eventuellement”.)

  • Bea

    Sorry sigrid! Nella primissima versione che avevo letto, mi pareva che i tuoi pour fossero poor. Decisamente un caso di mia poor eyesight.
    E grazie per aver tradotto: il kanten non avevo idea fosse l’agaragar.

  • giulio (runner)

    @Donatella: sull’uso dei call center per prendere voti temo non sia l’unico, il livello è da anni piuttosto basso, certo che questo è il fondo…

    @Giu & Sigrid: Ecco. Ho pensato non potevate perdervi il punto più basso raggiunto dall’espressione umana…http://www.youtube.com/watch?v=xrLrb6mSH_8

  • giulio (runner)

    @Sigrid: sui sottaceti non saprei. Il dargoberto è l’ultimo rampollo di una dinastia di buoni a nulla che non si capisce come e perchè non si siano ancora estinti.

    Ulteriore prova che la Natura non è benigna per nulla come già il grande Giacomo ammoniva.

    Ma sono ottimista, se l’umanità ha eliminato il temibile Variola Major, il virus del vaiolo, riusciremo a debellare anche il ceppo resistente di cui il dargoberto fa parte. I Savoia sono evidentemente una forma di vita inferiore e meno intelligente del Variola ma ugualmente dannosa e purtroppo più resistente…

  • Donatella

    @sigrid: allez une fois! :-)

  • http://mammaiana.blogspot.com/ iana

    @sigrid e acquaviva: si, certo, non intendevo che ora mi compro un bel ricecooker e mi metto a sfornare torte, però chissà, magari prima o poi mi trovo qualche mese in Giappone (o in tanti altri luoghi in cui il forno non è previsto come elettrodomestico familiare)… si riferiva a quello il mai dire mai! ;)

  • LaDoNnaCeNOne

    summimasen, doitashimashte!

  • LaDoNnaCeNOne

    I wish to read the same exercise with your french, it will be quite interesting to check and learn the expressions you’ll use. Although, good job, gal!

  • http://arabafeliceincucina.blogspot.com arabafelice

    Sigrid, con i complimenti si diventa banali…ma se proprio brava!
    E poi oggi ho potuto linkare la pagina alla mia collega americana ;-)

  • http://www.cavolettodibruxelles.it/ Sigrid

    @giulio: oh dolore, mi hai ricordato che anni fa, nelle mie prime settimane di erasmus a Palermo, dividevo la stanza con una ragazza francese di origine italiana. Beh, questa – perché a casa sua doveva essere una forma di religione, non lo so – si è sorbita tutte quante le serate del festival sul nostro piccolo televisore, giuro, stavo diventando scema… è stato il mio primo e per fortuna ultimo festival :-) (ps. ma dagoberto come quello che fa la pubblicità dei sottaceti?? :-)

    @donatella: belgiciste et fière de l’etre, m’enfin dis… :-)

    @iana: posso dirti una cosa? beh ecco, complimenti e auguri, di cuore :-)

    @anit50: grmpf, volo JAL… :-//

    @filly: well thank you for your usefull remarks :-)

    @acquaviva: okay, siete due (posso consigliarvi di fondare un club? :-D) ma sopratutto, sul serio, per uno che ha un forno che fosse un forno, cuocere una torta nel ricecooker vi assicuro che non abbia praticamente nessun senso (a parte per il lato anneddotico voglio dire :-)

  • Donatella

    @giulio runner: ah! dici il roi dagobert qui a mis sa culotte à l’envers! ma tu lo sai come fa il principe a prendere voti? Affitta dei call center.

  • http://ciaochowlinda.blogspot.com Ciaochowlinda

    Just found your blog and I’m so glad I did. E’ fantastica! Beautiful photos and very inventive use of a rice cooker. I’ll have to give this a try.

  • giulio (runner)

    @giu: no, una persona sana di mente non guarda il festival. Ma una persona sana di mente neppure ci pensa a sposare uno come me. Dunque mi trovo mio malgrado spettator di altrui televisiva scelta.
    Siccome io dal mio canto faccio sorbire ore di Santin che prepara il settemillesimo dolce che mai riuscirò ad assemblare ecco che la par condicio famigliare viene bilanciata. Sol che quest’anno il dargoberto con il pupo era veramente troppo…

  • Giu

    @Jules (le corrideur)
    Je volev dir queche j’ha dett. Arcaichemant modern.

    Senti, ma spiegami una cosa (che io il televisore continuo a non averlo, e quindi non so cercare la risposta): ma una persona sana di mente, perche’ guarda il festival?

  • giulio (runner)

    @giu: forse volevi dire “ce piac’ì stess” o stavi usando una forma arcaica nel qual caso permettimi ma avresti dovuto usare “cà tant a nous” in luogo del più moderno “che tant a nous”.
    Quand meme: vive le cavolett vive le cavolett vive le cavolett…

    @Sigrid: forse non lo sai ma ti sei risparmiata il principe dargoberto con pupo che cantavano a sanremo…in assoluto il voltastomaco più potente degli ultimi dieci anni e dir che sono esposto…

  • Donatella

    @Giù: per il francese posso pensarci io a correggere i suoi belgicismi :-)

  • http://matrioskadventures.wordpress.com Ancutza

    Hi Sigrid, such a wonderful idea to post in English… e spero di leggerti al più presto anche in francese.

  • http://mammaiana.blogspot.com/ iana

    @alem: Bugiarda! ;)

  • http://mammaiana.blogspot.com/ iana

    @catobleppa: Io di anni ce ne ho 25… ok sono un pò strana perchè ho già 2 figli, però mamma non paga più da quando ne avevo 19 e di tanto in tanto una cena in un bel ristorante me la sono goduta anch’io. Per la settimana del gusto ho prenotato in un ristorante a Firenze (l’ora d’aria) a 40 euro… a me sembra un prezzo grandioso, considerando che in qualsiasi posto vuoi andare a mangiare meno di 35 non ne spendi (e che lì a costare 35 euro è un secondo se non sei under 26!;)

  • Giu

    Prima ti beccavi le correzioni solo per l’italiano, ora anche per l’Inglese. Se posso darti un consiglio: per il francese e il fiammingo fatti i cavoletti tuoi :DDDDD
    Vive le cavolett in tout le languages, che tant a nous ce piac’ lo stess.

  • anit50

    Sigrid se voli con emirates spesso fanno un upgrade di 30 kg di bagaglio, così magari ti puoi portare qualche (qualche?) ricordino

  • http://abaluus.blogspot.com Abaluus

    Mannaggia ora che sono a dieta!

  • filly

    Dear Sigrid, so it’s not only your italian, you have some funny ways with english as well..Just in the beginning of your post you manage two exceptional blunders in one single phrase(great recipes and beautiful photos goes without saying..): it is all OF a sudden, no at at all, you could even use ON a sudden if you fancy archaic english but i don’t think you do being more into american eng. You can fancy smt or take a fancy to smt or fantasize about smt, fancy on just does not exist as an linguistic option. You add things to, if you omit one d it is an advertisement for the butter. I would personally use small pots. And one is FOND of things. Sigrid, please double-check your spelling next time custerd (CUSTARD). Enjoy your stay in the far East.. Best wishes!

  • http://acquavivascorre.blogspot.com acquaviva

    @iana: vedo che siamo in sintonia…

  • http://mammaiana.blogspot.com/ iana

    Chi l’ha detto che noi poveri italiani non possiamo essere interessati a come fare un tatin in un ricecooer?! Mai dire mai…. comunque W il cavoletto international, è bello sforzarsi un pò le meningi ogni tanto e poi il tuo inglese è davvero piacevole da leggere!

  • http://www.cavolettodibruxelles.it/ Sigrid

    @raidne: ma, elementare Watson, lo cambiavo in ‘Ther brussels sprout’, no? (mm, n’effetti, è meno carino, forse meglio di no ;-))

    @hilda: well, thanks, I’ll take that as a compliment ;-) oh, I corrected the ‘recipies’ (in italian I do the same, committing stupid errors whitout even noticing, and when I’m pointed at it I just can think ‘but why did I wrote it like this’… ahh, human brains… :-))

    @vaniglia: ma sono cose che si fanno ma non si dicono in publbico, dai! :-)) (raccontacelo dopo però, se vai!! ;-)

    @nanette: thank you! ;-)) Actually I would like to try and do this once a month, more or less, it’s great fun actually :-))

    @clea: toi aussi donc Clée frappée par le mystérieux appel de la tatin au japon?! au fait,
    de la série ‘je suis tes pas sur le sable’, je me suis mise a l’agar, j’adooooore!! (je crois bien que je vais m’en mettre plein la valise avant de rentrer ;) ps. oh, si t’en veux un peu, t’as qu’à me dire! :-)

    @twinsmama: è proprio per questo che non ci credo proprio: l’abbiamo consegnato con scorte mangimistiche e di sicuro mia suocera pensionata ha moooolto più tempo per giocare con la pallina blu che tanto gli piace quindi figuraaaaarsi se quello s’è accorto di qualcosa :-D (beh, meglio, ricorderò sempre quella volta che l’ho portato, in mancanza di altre soluzioni, in una bellissima pensione in campagna. Risultato, quando sono andata a riprenderlo dopo 3 giorni mi ha tirato il muso per una settimana, impressionnante :-), insomma, magari stavolta s’è evitato il trauma, meglio :-)

    @corrado: corretto ache questo (spero però nel benificio del dubbio visto che tutte le altre 99 volte era scritto in modo corretto :-PP). In effetti non avevo pensato a cercare un modo di dire ‘a filo’, che tanto poi l’inglese da cucina è anche molto basic (meno maaaaleee :-) e in fondo non è che sia neanche poi tanto importante di versare proprio a filo filo in questo caso :-)

    @alessandra: beh è comunque un’impasto che tende un pochino a rompersi, per di più la ricetta è di tanto tempo fa quindi non ricordo più tanto bene… (come si chiamava già quel signore, dai, quello tedesco… ?:-) insomma, bisognerebbe capire se la pasta era difficile da stendere o se si rompeva già nel momento in cui l’hai messa nello stampo, se si basta probabilmente poca acqua, tipo formare la palla di impasto con le mani bagnate, giusto per darle quel quid di compattezza in più :-)

    @fiordisale: vedreeeeemooo ;))

    @Yael: giàgiàgià :-D Come va la futura-neo-asso??! :-)

    @gaia: non corrisponde nessun numero, ho acquistato tutto qui :-) (non mi fate pensare a quando dovrò pesare la mia valigia prima del volo di ritorno, grazieeee :-)))

    @chika: you know what, I think we’ve almost managed to empty the apple-part of the box (I almost feel sad thinking that within a couple of days there will be no more apples left… :-D – okayokay, I’ll start cooking yuzu obsessively instead ;-))

    @acquaviva: etti pareva che non beccavo la pressoché unica italiana abbastanza nipponica inside da avere il ricecooker a casa?? :-D

    @valentina: condivido perfettamente l’indignazione per l’iniziativa (ma se è per questo di sentire di sprechi di soldi pubblici ultimamente – si, ho appena visto in rete l’ultimo annozero, sto seriamente meditando di aprire p.iva in belgio…), detto ciò non ho mai visto la publicità in questione per cui se c’è citazione è puramente casuale (avrò pensato inconsiamente la stessa cosa dei creativi dell’agenzia che ha ideato lo spot: 26 anni > sotto l’età media della laurea italiana > quindi paghetta – oh, senza voler generalizzare eh!! :-)))

    @alem: vaaaiiii, e poi torna a raccontarci l’esperienza!! :-)

    @catobleppa: no, certo, ma sinceramente se io fossi una mamma credo che cercherei di mandarcelo, il figlio :-) (okay, con ipotesi del genere non si va molto lontano però per me – che ho una visione disporta – è educazione e cultura anche questa :-) Ovviamente la questione del prezzo è pur sempre relativa, in assoluto magari 50 euro non sono pochi, però ristoranti di quel tipo hanno pur sempre costi – di materie prime, personalel ecc – alti, quindi è anche logico che non possono lavorare del tutto a perdita, e rispetto ai prezzi per gli over 26, questo mi pare sia già un bel sforzo, davvero :-)

    @cristina: I’ll definitely look for this guy! ;-)

    @ily: maddavvero?! )ma a me non dicono mai niente qua?? :-)). Ao, fiorentini!! divertitevi! xx ;-)

  • http://www.bblanena.it fulvia

    Amazing pics as usual!!! Apples are not my favourite fruits but it is a good idea to eat them from a “new” point of view!
    Tks Sigrid…looking forward for the authentic “Tarte Tatin”!!!

  • http://maninas.wordpress.com/ Maninas

    Come sono belle! yum!

  • http://raidnevegan.blogspot.com Raidne

    mioddio per un attimo mi era preso un colpo… ho avuto paura che avessi deciso di convertire il tuo blog all’inglese… che poi il titolo come sarebbe venuto??? :)

  • http://www.volevofarelochef.wordpress.com Alelunetta

    Lovely recipes, very easy to make, I have a love affair with apples :) they look gorgeous and, I’m sure, are yummy too :)

  • http://saffronandblueberry.blogspot.com Hilda

    I’m ashamed to say I haven’t been to your site yet but it’s beyond gorgeous. And your English is very good! Plenty of people who speak English natively can’t write this well in English, so I wouldn’t worry if I were you. I was drawn by the first picture because, I have to admit, your hand is beautiful and perfectly manicured and the red apple with your black sweater is such a lovely contrast.
    Just one note for a word that will probably be repeated often here: recipes, not recipies.

  • http://corradot.blogspot.com CorradoT

    Sigrid, un’indicazione tipografica: “poor” da cambiare -sembrerebbe- con “pour” e’ nella sezione “Custard, apple and caramel pots”, quarta riga, penultima parola. Non che ce ne sia bisogno, si capisce lo stesso :-)

    PS – ammetto di non essere per niente fluent in inglese, ma “versare il latte a filo” non e’ diverso da “to pour”? Non saprei come altrimenti tradurre (forse pour forth, sgocciolare?), la mia e’ solo una sensazione
    (palloso, palloso, dice sempre mia moglie….).

  • http://paprikapaprika.blogspot.com/ Aniko

    Mi piace quando scrivi in inglese , cosi appunto posso esercitarmi a leggere qualcosa di diverso dai manuali di software che di solito devo subire in inglese.
    La mia mela preferita è la FUJI da sempre, cosi profumata , peccato che non sono vicina, potevo
    aiutarti a a smaltire tutte queste mele!
    Mi piace molto il barattolino di crema, mele e caramello.
    Ciao Sigrid, a presto

  • http://www.invacanzadaunavita-housewife.blogspot.com lucia

    Che meraviglia! Senza nulla togliere ai post precedenti, visto con non sono un’amante del Giappone e della cucina (posso anche ravvedermi), i post come questo me li godo per bene, anche in inglese! Per capodanno ho provato a fare una tatin con la brisee seguendo una ricetta di Sale e pepe che prevedeva tantissimo burro nel caramello. Amata da tutti tranne che dalla sottoscritta, veramente troppo burrosa per i miei gusti! Proverò a mettercene di meno… Ciao!

  • Alessandra

    BELLISSIMI QUESTI BICCHIERINI CARAMELLOSI!!
    Ieri cena francese con due ricettine del tuo libro quiche loraine e blanquette! BUONISSIMEEE..la blanquette mi è sembrata davvero divina, come faceva a non piacertiii..:-)
    Però invece la pasta brisè della torta mascarpone e lamponi una volta cotta mi si è tutta rotta in pezzi..come mai secondo te?? :-(

  • http://www.fiordisale.it fiordisale

    un post da incorniciare! Una vera raccolta golosa, sono senza parole. Come in realtà mi accade da quando mi limito a godere dei tuoi articoli giappo, sono uno più bello dell’altro, spero che tu raccolga un sacco di materiale per il libro (o i libri) giappo futuri. tranpo’ dovrai modificare il nome al blog oramai sei supercavolettandia!

  • http://vanigliacooking.blogspot.com/ vaniglia

    ok, perfetto, frego la carta di identità di mia sorella, altro che paghetta!!!!
    ciao dalla perfida e golosa Vaniglia (mi piace tutto ma non vedo l’ora che torni – perfida, golosa ed egiosta!)!

  • http://www.gourmetworrier.com Nanette

    Sigrid your written English is fantastic and you should seriously consider doing more English post’s more often – brava bella!

  • http://www.cleacuisine.fr Clea

    Chouette chouette, de l’anglais ! Je me souviens d’avoir fait des Tatins pareil, au ricecooker, super bonnes :)

  • Twinsmama

    1) ma quanto brava sei? ragazza mia, sei una continua, piacevolissima scoperta…
    2) “quel” bicchierino lassù mi fa impazzire, sia pieno che vuoto ;o)
    3) nessuna figura retorica: olive vi manda un bacio davvero. e – oh, si! – certo che se ne è accorto che non ci siete, è per questo che vi manda un bacio. esprimo qualche dubbio, invece, sul fatto che gli manchiate: dipende da come si mangia e quanto lo coccolano, là dov’è

  • Yael

    Ciao Sigrid, can’t wait to see you here, in Brussels! We are so excited about your visit!
    A presto!Yael

  • Sabry

    Sigrid … well done!!! So beautiful so nice I love that kind of iron basket (with the apple inside) …
    The tatin cake is fantastic!

    Thanks for your recipes….

  • http://langueparole.wordpress.com Marina

    Wow, in English… insomma, in qualsiasi lingua, la tarte tatin è sempre fantastica.

  • http://profumodimamma.blogspot.com Gaia

    ok,
    non mi lamento piu’ che non fai da mangiare ma solo (BELLE) foto.
    Con queste rimarro’ in adorante silenzio per un po’!
    ;-)

    ps. una domanda:
    ma in valigia ti sei portata
    – 1 – i centrini della nonna
    – 2 – le ramequine
    – 3 – le tratellette

    Citare nella risposta il numero corrispondente…
    grazie!

  • http://shewhoeats.blogspot.com/ chika

    i told mom not to pack TOO many apples for there are only two of you to eat them, but apparently she did anyway :p but it’s wonderful to see how you transformed them into these pretty little (and big) desserts!! the apple-caramel combo is divine… i, too, have a tarte tatin-inspired apple recipe (salted butter caramel flavored apple preserves) and it’s a killer. i thought i’ve had enough apples for now, but can’t wait for the new apples to come in the autumn (gasp)!! :)

  • http://lefrancbuveur.blogspot.com Enrico

    Io proverò una torta di mele con farina di mais a breve. Acquaviva sa quale farina di mais utilizzerò :-)
    ciao
    Enrico

  • http://acquavivascorre.blogspot.com acquaviva

    mai dire mai: qualche lettore italiano interessato agli usi alternativi del ricecooker… guarda un po’ che invece possono anche spuntarti alle spalle all’improvviso!
    Ho già imparato ad usarlo per riscaldare a vapore (sospesi con una reticella sopra uno filo d’acqua) riso cotto o verdure e per cucinarci le uova… ma l’idea del dolce di mele è decisamente più “alternativa”…
    PS: con la cartafata oltre a lessare puoi anche saltare in padella o friggere, dorando senza far assorbire l’unto. Ottieni sapori diversi dal classico (certo, non dico per forza migliori…)

  • valentin@

    Sigrid

    (ho letto solo la nota italiana, ora leggo il resto…)

    maccome, ristoranti italiani belli e buoni, proprio ora che da McDonald fanno il McItaly “col patrocinio del ministero delle politiche agricole ecc..ecc…”
    l’avete vista la pubblicità in tv? è veramente scandaloso.
    Immagino che anche il riferimento alla paghetta sia a quella pubblicità, che in effetti era carina, però leggermente diseducativa…

    comunque ottima iniziativa. peccato che i 26 li ho passati da un po’…a quell’età però già lavoravo e me la davo da sola, la paghetta…

  • http://www.mammachecucina.blogspot.com alem

    io DENTRO ho 22 anni, posso andare????

  • catobleppa

    Bella l’iniziativa di slowfood, l’avevo vista. Peccato essere fuori misura per poco… uff!
    Però ho visto il sito, mi aspettavo dei prezzi un po’ più friendly. Non sempre paga mamma, e se hai meno di 26 anni difficilmente hai quella disponibilità economica per una cena fuori. Certo si può sempre valutare di fare un investimento!

    Grandiose le ricette, ottime per far fuori quelle 2000 mele che mi girano per casa :)

  • http://www.unamericanaincucina.com Laurel

    Exciting recipes… and it’s a nice change to read your posts in English!

  • http://burrofragola.wordpress.com/ Monica

    waw io adoro le mele!!!Anche se qui non e’ proprio stagione (io non compro mai frutta al supermercato ma mangio solo la mia) terro’ buone le ricette pqe quando lo sara’…anche perche’ poi mi ritrovo sempre con quintali di mele da consumare!!!
    Per le interessate al gruppo di acquisto Kitchenaid vi avviso che ho il listino prezzi, quindi sbrigatevi perche’ c’e’ ancora poco tempo!!!!
    Se volete info contattatemi sul mio blog qui: http://burrofragola.wordpress.com/2010/02/04/gruppo-di-acquisto-kitchenaid/

  • http://finalmentedomenica.blogspot.com Robiciattola

    I love apples!!!

  • http://www.lavandainterrazza.blogspot.com Gloria

    ops, those gorgeous little pots! a proposito di ripassi…

  • http://www.lavandainterrazza.blogspot.com Gloria

    Sono d’accordo, un ripasso in inglese può solo far bene! I like these recipes, especially that gorgeous little pots ;)

  • cristina

    Sigrid your post on apples made me think about an amazing encounter myself and my friends made last year in Kyoto. On the philosopher path (ok maybe is not that fascinating without cherry blossom) we met an apple seller (he’s supposed to work there quite often), named Akira, he sells, directly from the back of his car, fresh apples and a delicious apple juice and if asked he can entertain you playing hang drums. If you happen to pass by try to look for him, the way he plays music left us totally speachless

  • Roryanna

    Nice!I am overly fond of custard and crumbles but I can’t bring myself to appreciate tart tatin…non che il mondo giri più lento per questo, naturalmente :). Piccola notizia di usi e costumi: io ho visto usare per la prima volta il ricecooker dalla mia amica iraniana. Anche in Iran, infatti, il riso bollito è presente in quasi ogni pasto. A fine cottura, sul fondo della pentola o del ricecooker, si forma una crosticina di riso croccante che è considerata – ed è – una prelibatezza.

  • http://manusalegambette.blogspot.com .manu.

    Bea, la ricecooker é magggggica e non so se qualcosa la possa sostituire..ma da matta che fa il risotto nella pentola a pressione (vuoi mettere i 20 min per un riso integrale che così diventa quasi normale!? ;) ti dico che ci sono anche degli accessori per fare dolci e budini che secondo me potrebbero adattarsi bene a questa versione..mai provato ma prima o poi sarà mio! Insomma, ci hai azzeccato in pieno! :))

  • marcoinweb

    I really appreciate reading your recipes in english, that’s really good! Have a nice day, or perhaps evening! Marco

  • Ily

    non chiedetemi come mi vengono fuori quelle parole!!
    Volevo un grosso in bocca al lupo a tutti i pasticciatori FIORENTINI che oggi cucineranno tutti insieme EVVAI!!

  • Ily

    brava! ho giust’appunto delle mele:O)))))

  • tiziana

    Grazie anche da parte mia per il delizioso esercizio mattino in inglese….

  • http://www.cavolettodibruxelles.it/ Sigrid

    @ma.:non lo so proprio cos’era, cioè sembrava proprio carta, ma impermeabile, boohhh?? la carta fata cmq è trasparente, assomiglia un po’ alla pelicola, ma in più spesso, insomma, è un foglio di plastica, solo che non si scioglie al calore. Personalmente credo serva soltanto a dare un aspetto più ‘fico’ a dei piatti (in genere dei cartocci) che potrebbero anche presentarsi diversamente (insomma, fa scena portare a tavola un cartoccio trasparente e aprirlo davanti al commensale esterrefatto :-). E può essere ‘utile’ in ristorazione perché puoi cuocere il cartoccio prima e riscaldarlo al momento di servire semplicemente passandolo in un pentolone di acqua calda. Detto ciò, preferisco il cartoccio fatto di carta forno (si, okay, non lo puoi riscaldare in acqua ma in fondo chissene… ;-))

  • ma.

    grazie per la traduzione!hai ragione hai ragione..
    riguardando il magnifico(“devo assolutamente partire per il giappone”) post di ieri, ma quella che usano per cuocere la zuppetta, potrebbe essere una sorta di CARTA FATA?Tralaltro non ho mai capito cosa sia di preciso la carta fata e quali siano le sue peculiarità.

  • http://www.cavolettodibruxelles.it/ Sigrid

    ps: btw, ho aggiunto il testo ricette in italiano :-P

  • http://www.cavolettodibruxelles.it/ Sigrid

    Ehmammammia… :-) E in inglese perché avevo pensato di farlo ogni tanto (cioè, una volta ogni 30 post missà che seppuò anche sopporta’, anzi secondo me un po’ di ripetizione di inglese è benefico sia per me che per voi :-P), e poi sopratutto perché sono delle ricette adattate agli ‘strumenti’ (dovrei dire ‘non-strumenti’ :-) giapponesi per cui non so fino a che punto possano esservi utili :-)

    @bea: sorry, where did I write poor – can’t find it??

  • bea

    i loooove “international Cavoletto”! Thanks for the three tatins. Unfortunately, no rice cookers here… Does the magic work with pressure-cookers? (Did you know that there are crazy people who actially make risotto in the pressure cooker?!? So why not apple cakes, i figure! By the way, it’s “pour”, not “poor”, if i may :)

  • http://lasolitudinedellemadri.blogspot.com/ marilde

    Grazie! la tatin è la mia torta preferita e proverò a farla così. Che foto!

  • LARA

    CMQ FOTO SUPERBELLE!!!!

  • LARA

    EH APPUNTO COME MAI IN INGLESE???

  • ma.

    Che bella ricetta! Ma il blog è diventato in lingua inglese??:(

  • paolo

    peccato per l’inglese che non mastico molto bene!
    sarò sfacciato…. le ricette in italiano?
    baci, felice di averti incontrata!
    paolo

  • http://www.pausacaffe.org Kafcia

    Foto meravigliose, davvero complimenti!
    Una foto al giorno toglie l’oculista di torno!
    ciao ciao :)

  • anna

    If you write in English, we have to read in English, and this is a good exercise for me, too!
    Thanks

  • http://panevinoetzucchero.blogspot.com/ valina1977

    favolososo Sigrid… attendevo da tempo una ricetta della tatin… l’ho provata da poco,,, ma non sono ancora soddisfatta del risultato! ora proverò la tua… foto sempre meravigliose complimenti!! Vale

  • brinablu

    ogni mattina guardo e partecipo al tuo mondo, peccato che l’inglese non sia decisamente il mio forte

  • boschetto di lauro

    brava, brava, brava …..e ancora brava!
    Grazie per le splendide immagini e per farci sentire tutti meno soli…torna presto in Italia!