Julia Child’s Boeuf bourguignon

boeufbourguignon1ssl

Ebbene si, alla fine ho visto anch’io Julie&Julia. Cosa pensarne non mi è stato poi tanto chiaro, diciamo che complessivamente il film era carino, specie se con la cucina hai a che fare al quotidiano e in un modo più o meno ossessivo: ho sorriso, ho riconosciuto alcune situazione e misconosciute altre (e a chi mi ha detto che quel film gli faceva tanto pensare a… me? beh, devo dire che li dentro manca una dimensione enorme che lascia un vuoto altrettanto considerevole: non c’è fotografia :), però nell’insieme è stato una visione divertente :) E, beh, questo quadro di donne d tempi diversi che sono alle prese con dei libri (di cucina e non perché in fondo il blog di Julie Powell non era un blog di cucina…) e delle passioni, in qualche modo aveva anche diverse résonnances nella mia vita del momento :). Ma la cosa davvero più divertente di Julie&Julia sono stati gli effetti collaterali del film. Perché senza farlo di proposito, un’oretta dopo aver visto il film stavamo già sul divano a guardare su youtube i filmati della vera Julia Child, perplessi per la sua vocina stridente mai sentita prima, per quel delizioso style anni 70 di molte delle sue puntate e per quanto fossero precise e studiate le indicazioni che dispensa spesso con nonchalence. E ridendo quando molto delicatamente scaraventava la padella che aveva in mano nel decoro dello studio di registrazione (cosa che mi ha immediatamente fatta pensare al swedish chef del muppet show e infatti, ho poi scoperto, quel personaggino li è ispirato proprio alla Julia Child, ecco perché… :). Insomma, ho scoperto che è divertente guardare le puntate della Child vera (quelle più datate però, quelle piu recenti diventano man mano più triste, insomma, a un certo punto forse poteva anche prendersi la benmeritata pausa pensione, hum…), anzi, fa pensare perché ecco, una volta in tivu chi parlava di cucina sapeva anche cucinare, e anche molto bene, cosa che non sempre è vera oggi, insomma, i tempi cambiano…

In realtà, però, più seriamente, per un attimo ho anche pensato di ordinare Mastering the art of french cooking (fra l’altro molto ben pubblicizzato anche di questi tempi in rete sui siti libreschi italiani, grazie al film), poi ci ho ripensato. Non so se ha poi veramente senso, per me o per voi, affidarci a Julia per andare alla ‘scoperta’ della cucina francese, cioè, voglio dire, per noi la Francia è la porta accanto, i ricettari francesi li abbiamo già, i cuochi che hanno viaggiato anche, insomma, per noi la Francia non è esotitica ed estranea quanto lo poteva essere, trent’anni fa, per un’americano… Ciò detto, almeno da quanto si vede nel film, sembra che la Child abbia fatto davvero un lavoro (o un apprentissage) molto accurato, per cui prima di parlare bisognerebbe provare. E siccome un’altro effetto secondario del film è stata la voglia folle di fare il boeuf bourguignon (piatto che non avevo mai fatto prima per il semplice motivo che in fondo quello è su per giù la versione borguignona delle carbonnades à la flamande e che chiaramente, a scegliere fra i due, io mi sono sempre orientata sul primo), beh, non restava che provare… :)

boeufbourguignon2ssl

L’avventura bourguignon inizia quindi sabato mattino, sotto il cielo terso, mentre uscivo a comprare la carta da forno. Non so che mi ha presa ma credo complice il tempo, mentre spingevo il portone di casa ho deciso che era venuto il momento di farlo sto benedetto stufatino in cocotte, e cosi sono passata anche dal macellaio, dove si è svolta una scena del tutto surreale (per lo meno per chi ha visto il film…), nel senso che ho chiesto il manzo che mi serviva per lo stufato ed è seguito questo scambio di battute… (giuro che non me lo sto inventando :)
– E cosa ci cucini con il manzo?
– Beh, faccio il boeuf bourguignon (avrei anche aggiunto, sullo slancio, ‘è una ricetta di Julia Child!!’ ma stavo già iniziando a sentirmi ridicola… :)
– Borghignon’…? ma non serve la carne tagliata a pezzettini piccoli piccoli??
– no, mi serve un pezzo grande, devo ritagliarci dei dadi grandi, forse lei stava pensando alla fonduta bourguignonne, quella con l’olio e i pezzettini di carne piccoli? io invece faccio uno stufato…
– Ahh, non è quella cosa con l’olio che ci friggi la carne?…
– Euh, no, non è quella, il boeuf bourguignon uno stufato, con il vino … :)

Ciò detto, la ricetta… (ve la riscrivo qui brevemente, per recuperare il testo originale basta fare una ricerca google :).

Tagliare 160g di pancetta a bastoncini e farli bollire in un pentolino con dell’acqua e un pezzetto di cotenna per 10 minuti. Versare un cucchiaio di olio d’oliva nella vostra cocotte preferita, e farci cuocere i pezzettini di pancetta finché diventino croccanti. Toglierli e far dorare i cubi di manzo (ho preso 1kg di noce di manzo, tagliata poi cubi di circa 5x5cm) su tutti i lati. Mettere da parte la carne insieme alla pancetta e far dorare del grasso avanzato una carota e una cipolla, tagliate grossolanamente. Infine, rimettere la carne e la pancetta nella cocotte, salare e pepare e cospargere con due cucchiai di farina. Sistemare la cocotte al forno a 230°, senza coperchio, e lasciar tostare la farina per un 10 minuti, rimescolando il tutto a metà del tempo. A questo punto, versare, nella cocotte cioè sulla carne, mezzo litro di vino rosso più quanto basta di brodo di manzo in modo da coprire appena la carne. Aggiungere un cucchiaio di concentrato di pomodoro, un rametto di timo e una foglia di alloro, due spicchi d’aglio schiacciati e la cotenna sbollentata in precedenza. Portare a ebollizione sul fuoco, poi coprire con il coperchio e infornare in modo che continui a cuocere piano (da qualche parte fra 110 e 120°C) per 3 ore. Infine, pulire 400g di funghi champignon e tagliarli a metà, farli saltare in padella con un cucchiaio di burro per qualche minuto poi tenerli da parte (in realtà nella ricetta entrerebbero anche dei cipollotti, una ventina, anche loro cotte a parte con un po’ di burro e di brodo, solo che sabato mattina non sono riuscita a trovarle. beh… :). Quando sarà pronta (e quindi tenerisisma) la carne, ripescarla dalla salsa insieme ai pezzettini di pancetta, e passare tutto il resto della salsa al colino. In un pentolino, portare la salsa ebollizione e lasciarla restringere sul fuoco per un paio di minuti o finché abbia una consistenza da… salsa :) Nel mentre lavare la cocotte, rimetterci la carne, aggiungere i funghi e versare infine la salsa. Riscaldare il tutto e servire cosparso con un po’ di prezzemolo tritato.
Potete accompagnare il oeuf bourguignon con più o meno qualsiasi tipologia di patate, tanto per variare ho provate le patate Hasselback: sbuccire le patate e inciderle sottilmente a fettine sensa tagliarle del tutto, disporre le patate in una pirofila unta e far cuocere per 30 minuti a 230°C, sfornare, aggiungere su ogni patata un po’ di pangratatto, un po’ di sale, un fiochetto di burro e un’idea di parmigiano grattugiato, e rimettere al forno per 15/20 minuto o finché le patate non siano dorate. Servire calde.

boeufbourguignon3ssl

E alla fine della fiera? Beh, il boeuf bourguignon è una preparazione che da molto molto soddisfazione (anche senza cipollotti, grmpf :), intanto il passaggio delle cottura al forno è magico, ogni tanto passi, sbirci sotto il coperchio e li dentro gli ingredienti sono occupati a sobbollire lievemente, distillando dei profumi stupendi, un piccolo miracolo di lentezza… Poi, la carne viene tenerissima e l’insieme è profumato, voluttuoso, insomma, molto convincente, e le indicazioni di Julia (specie nei particolari come il far bollire la pancetta prima, la tostature della farina al forno e anche semplicemente la cottura in cocotte chiuda a bassa temperatura), sono tutte molto valide. Insomma, quasi quasi che vado anch’io alla riscoperta della cucina francese via l’America… :)
Oh, quasi che dimenticavo: Bon Appétit!!! :)

Condividi :Share on Facebook0Tweet about this on Twitter2Google+2Pin on Pinterest126Email to someonePrint this page
0
  • Pingback: Un macellaio criminale e il boeuf, che non è bue ma manzo « Il blog di suibhne

  • Kat

    Io ho fatto solo le patate (perchè la carne richiedeva molto più tempo e non ne avevo!) e sono strepitose. Sono semplicissime, buone, croccanti con il cuore tenero.
    E fanno una grande scena!
    Fantastiche anche per una serata importante!

    Mitica come sempre!

  • http://foooodtherapy.blogspot.com/ Your Noise

    Mi piace come racconti. Analizzi i dettagli, i particolari. Fotografi.

    Questa ricetta è davvero succulenta, non ci sono molti altri aggettivi per descriverla… credo ;)

    Come sempre, bravissima.

    agnese

  • http://vanamonde.splinder.com Vanamonde

    Stasera proverò la ricetta, grazie Sigrid!
    Un dubbio: perché si fa bollire la pancetta? Capisco la cotica che deve ammorbidirsi, ma la pancetta? Non perde gusto?

  • http://lericettedellamorevero.blogspot.com/ Dada

    UNA VERA MERAVIGLIA!!!
    ANCH’IO COME TE HO IL LIBRO DI JULIA CHILD E STO SPERIMENTANDO UN PO’ I SUOI PIATTI GODURIOSI!
    PRESTO FARO’ QUESTO!
    BACI, BRAVISSIMA COME SEMPRE!
    PS:STO LEGGENDO A RITROSO TUTTO IL BLOG HIHIHI :-)

  • Pingback: Tarte normande aux pommes | il cavoletto di bruxelles

  • http://www.cavolettodibruxelles.it/ Sigrid

    @daniela: hihhi, ma di che?! :-) No, davvero, son felice che sia andata bene! (e poi guarda che se è venuto bene tutto è senz’altro anche merito tuo eh! :-)) Buon lunedi! :-)

  • daniela

    …lo so, sono una gasata, ma se la cena di sabato è andata bene è anche un pò nerito tuo dato che parte el menu erano ricette provenienti da questo blog , e precisamente: Cake salato con olive, timo e rosmarino, Strudel di spinaci, zucca e mozzarella, Zucca arrostita al miele con polenta al gorgonzola e questo mitico Julia Child’s Boeuf bourguignon con patate Hasselback…venuto tutto buonissimo quindi grazie!

  • daniela

    …appena finito di cucinarlo, lo servirò domani sera, è veramente buono!!

  • Romina

    io l’ho servito in un piatto da pizza con accanto della pasta fresca , tipo trofie, viene un piatto unico che e’ la fine del mondo, con il sughino ci mangi la pasta e lo accompagni con dei bocconi di carne…… mio marito e’ piu’ che soddisfatto…
    provatelo!!!!

  • gloria

    …a parta questo commento dell’bell’Antonio, grazie Sigrid per la risposta, questo piatto lo cucinerò per per boccucce ben lontate da diete quindi seguirò il tuo consiglio, è la mia compagnia teatrale che ama mangiare e bere a volontà…quindi grazie mille!!

  • antonio

    ma la conosciamo o no, sta cucina francese, o vogliamo (come é nostra abitudine) scimmiottare modelli stranieri per puro vezzo?
    Lo sapete che il vostro “boeuf” in F. lo servono con spaghetti? Che mio suocero, di Metz, mi ha preparato un osso buco con lo stesso contorno? Che mi moglie stravede per le mie melanzane, legume fino a poco tempo fa pressoché sconosciuto oltr’alpe? Cje la “ratatouille” é una barbarità, per chi ama le verdure (e la cucine francese ne é poverissima)?
    Devo continuare?
    Se vogliamo essere esotici, consiglio piuttosto le “carbonnades flamandes” alla birra….

  • http://www.cavolettodibruxelles.it/ Sigrid

    @gloria: per 4 o per 6, dipende cos’altro c’è sul menue e se i commensali sono più del tipo che mangiano o del tipo che sono sempre a dieta. (personalmente farei per 4, anche perché se avanza fa niente ma se non basta non è bello). ps. e ovviamente si può usare anche una pentola normale, la terracotta però non mi pare tanto il caso.

  • gloria

    ciao, le dosi di questa ricetta per quante persone sono?…la dovrei fare per una cena con 12 persone..E in assenza della cocotte si può utilizzare una pentola normale o una in terracotta?
    Grazie
    Ciao

  • simone

    Come immaginavo,menomale…
    Ho preparato la ricetta Lunedi Sera.
    Martedi sera l’abbiamo mangiata.
    Era S P E T T A CO L A R E.
    Il sugo messo sulle patate da mandare in estasi.
    La carne sembrava tonno da quanto era morbida.
    I commensali hanno stragradito e la cosa che piu’ mi ha sorpreso e’ stata la superdigeribilita’ del tutto.

  • http://www.cavolettodibruxelles.it/ Sigrid

    @simone: lol, è vero che ogni tanto perdo i pezzi per strada ma qui era più semplice di quanto possa sembrare: fai rinvenire lo soffritto nella cocotte, poi al soffritto aggiungi la carne, e la pancetta e via dicendo… (insomma, il soffritto non va messo da parte e utilizzato in un secondo momento, mi sono spiegata? :-))

  • simone

    Scusa sigrid ma nella tua ricetta manca un passaggio che
    Non si nota se non si esegue…..il soffritto che fine fa?

  • Isa

    ciao!ho appena finito di vedere il film un ora fa..dopo che lo ricercato da un pezzo in streaming!ed è meraviglioso!e la cosa che mi ha stupito di più è leggendo tra le tue righe…perchè ho fatto la stessa identica cosa,ho cercato video,biografie,qualsiasi cosa riguardasse il film..e la vera storia!è assurdo ma secondo me questo film strega!!! :-) ciao!

  • daniela

    Ciao sigrid! Secondo te, io che non ho la cocotte posso usare una pentola normale? O in terracotta? Questa ricetta è meravigliosa! Grazie

  • Riccardo

    Con un piccolissimo ritardo ho visto anche io il film. A parte la strepitosa Streep che da sola rende il film “enjoyable”, non e’ sicuramente un capolavoro e mi ritrovo nei commenti degli altri. E’ stato per me quasi naturale fare un parallelo tra il tuo blog e quello della Powell. Non che voglia mettere in competizione le due cose, molto lontane tra loro, per quello che traspare dal film e dal tuo blog. La cosa che mi stupisce e’ come sembri che il blog della Powell sia assurto a mito negli USA pur vivendo di luce riflessa delle ricette della Child e senza nessuna fotografia, il che rende ogni blog/libro associato al cibo meno “gustoso”. E’ vero il blog della Powell non era strettamente di cucina, anzi il cibo era un pretesto. Si tratta di una sfida che piace tanto agli americani per questo, per la sua narrativa ha avuto successo. In fin dei conti e’ configurato come un reality. Insomma veramente poco interessante ai miei occhi.
    Insomma ho finito il film pensando a due cose. Che se il film si chiamasse Julia e basta non mi sarebbe dispiaciuto. E che il tuo blog e’ veramente piu’ maturo, creativo etc. etc. di quello della Powell e forse per questo confronto, magari non voluto, ma quasi naturale, a me sta Powell per tutto il film mi ha solo fatto sperare che i suoi segmenti durassero poco.

  • gloria

    ma esiste una versione in italiano del libro “Mastering the art of french cooking ”? Con la temperatura di Milano di questa sera un bel “boeuf bourguignon” non ci starebbe quasi male! ;-) Ho comprato oggi “Julie & Julia” e me lo leggerò da sabato al mare!!!! Io adoro questo tipo di film/libri…Ratatouille compreso.

  • Luna

    …vorrei che facesse già freddo (e dire che sono una supporter dell’estate) solo per fare questa ricetta… GNAM

  • Pingback: Books for Cooks | summer 2010 | il cavoletto di bruxelles

  • http://www.demetria.it Leone di Demetria

    No! ste patate sono meraviglioooooooseeeeee ME RA VI GLIO SEEEEEEEEEE, le farò nel nuovo ristorante! :-)

  • Marcellagiorgio

    Ebbene si!!
    L’ho fatto!!
    Ho seguito la ricetta alla lettera ed è venuto veramente favoloso!
    L’ha mangiato anche la figlia a dieta :-))
    Stasera ci siamo rimpinzati, era, credo, l’ultima chance prima del gran caldo previsto, ma nel prossimo inverno entrerà di diritto tra peposo, carbonnade e spezzatino con patate.
    Ci ho messo anche le cipolline.

  • Lucia

    @Rossella ti scrivo il prima possibileeeeee

  • Lucia

    @Rossela guarda, rivedo il film e te lo dico perchè mi ricordo solo che ra una salsina al burro che va sul pesce…ora nn so se cambia qualcosa se deve essere messa sul pesce o sulla carne…grazie mille per la risposta !

  • http://www.thespicespoon.com shayma

    this dish has great sentimental value for me- i made it for my husband- before he became my husband! i know this sounds sacrilegious but i didnt add the pancetta (we dont eat pork- but we *do* drink wine, lots of it!)- i know it probably could not have tasted as good as Julia Child’s original- and yours, but if youre using a good noce di manzo from a good Roman butcher (my fave is in Testaccio)- you can still get a pretty good boeuf bourguignon- and we had a favourite wine from the Maremma with it, not a Burgundy ;) your photos are making me swoon, Sigrid. and the Hasselback- perfect combination. really gorgeous. x shayma

  • Giorgio Mantello

    domenica la faccio, ho già l’acquolina

  • http://machetiseimangiato.com Rossella

    @Lucia ho il libro. Ti ricordi il nome della salsina al burro? Lei ne propone tante. Io ne ho provata una deliziosa per la carne.
    NOn riesco a vedere la tua email sennò te l’avrei spedita.

  • http://bertazzo@gmail.com mb

    io d’impulso ho aperto amazon, ma poi sono andato al mercatino dell’usato e ho preso un’edizione del ’60 de il libro completo dellacucina francese di savarin a 10 euro… va piu’ che bene per prendere qualche idea necessariamente da rivedere.. e poi scopri tecniche nuove, riscopri ingredienti, ma soprattutto ti accorgi di quanto la cucina francese (ma anche certi dettagli di preparazione o di regole generali) fosse avanzata rispetto alla nostra.. anche a certa attuale

    ciao

  • Lucia

    Sigrid ti prego se puoi pubblica, rispondi fai come vuoi mase riesci a trovarmi la ricetta della sua salsa al burro che metteva sul pesce sarò la persona più felice del mondoooo! me l’hanno riproposta in un ristoranrino a Cannes e ne sono rimasta ammaliata…perfavore se riesci a trovarla perchè io nn la trovoooo! grazie in aticipo :D

  • Lucia

    Magnifique! non penso ci sia parola migliore per esprimermiiiiiiii! brava Siiiig
    è vero però che mi sei venuta in mente mentre guardavoil film! ^_^

  • http://fuoridizucca.myblog.it TreFuoriDiZucca

    A me il film era piaciuto tantissimo…probabilmente ha avuto un certo peso il fatto che Maryl Streep è la mia attrice preferita (la adoro!)
    Sarebbe carino, però , se l’ormai famoso “Mastering the art of french cooking ” venisse diffuso anche in versione italiana…così…per curiosità!

  • http://lefrancbuveur.blogspot.com Enrico-Lefrancbuveur

    @vale’n’tina: perfettamente d’accordo!

  • http://machetiseimangiato.com Rossella

    @vale’n’tina Ci sei, eccome. Unisciti al gregge :)

  • http://www.slidecoaching.com Alessandra

    Dimenticavo di dire che quelle patate le cucino anch’io e la mia ricetta svedese comprende l’inserimento di un paio di foglie di alloro nei tagli delle patate invece del parmigiano e qualche spicchio di aglio nella teglia di cottura delle patate, insieme a olio e burro. La suggerisco!
    Viene dal libro “Potatoes” di Annie Nichols, comprato a Londra anni fa.

  • AnnavoiG

    Cara Sigrid, seguo da anni il tuo blog e assaporo profumi e sapori delle tue preparazioni attraverso le foto…qualche volta mi sono cimentata nel tentativo di riprodurle e devo dire con ottimi risultati. Ieri ho provato le patate Hasselback e sono venute una favola: croccantine fuori e soffici dentro: sembravano un purè! vista questa somiglianza mi riservo di rifarle aggiungendo alla spolveratina finale anche un pizzico di noce moscata.

  • http://www.valentinaverna.com vale’n’tina

    @ Rossella: di qualunque cosa parlo riesco sempre ad usare il cibo come termine di paragone, ascolto domande tipo “il cardamomo? cos’è?”, “l’ agarche? Ah, la gelatina!” almeno un paio di volte al giorno, scelgo il piatto in cui mangiare in base all’ estetica, quando ricevo inviti a cena in genere è perchè devo cucinare, se trovo l’ ingrediente che racchiude in se il giusto mix di sapore, forma e colore ho fatto bingo, mi piace scrivere e scrivere di cucina. Direi che ci sono, o no?

    @ Enrico-Lefrancbuveur: sarebbe la necessità di condividere l’ ennesima passione, quella più gustosa di tutte!
    Quello che più mi piace del cibo è la sua capacità aggregante: a tavola la gente è allegra e socializza, nascono amori e amicizie; scegliere e preparare bene ciò che si mangia è un pò spingere l’animo degli invitati ad aprirsi e rivelare la loro parte migliore.

  • feo

    La mia storia che riguarda Julie & Julia è abbastanza singolare. L’inverno scorso ho passato tre settimane in Thailandia, nella solita spiaggia dove riposo nuotando, dormendo e mangiando. nella fermata a Bangkok mi sono comprato una dozzina di dvd tarocchi (lo so, lo so, non si fa, ma in quel posto i cani alle 22.00 dormono già sulla mezzeria della strada, e quindi un film sul portatile ci sta bene)così ho lasciato il film delle Julie per ultimo, o quasi, per godermi l’attesa. L’attesa de che? Non c’era video, solo l’audio! hahahaha

  • fiorentina

    Io volevo dire che sono andata a vedermi i filmati di Julia Child e, come avevo sospettato vedendo il film con Meryl Streep, oserei dire che Julia Child non amava tanto cucinare! Cioè, la vera Julia Child non sa maneggiare il cibo, è imbranata, fa disastri, assembla gli ingredienti senza alcuna logica, come se non conoscesse le regole più elementari degli abbinamenti e della cottura. Sono rimasta un po’ perplessa. Insomma…c’è o ci fa?

  • http://mylifelovefood.blogspot.com Valeria

    ahahhahaha, anch’io sono andata a vedere i video della vera Julia subito dopo aver visto il film…la Streep (e pure la doppiatrice) era bravissima ad imitare la voce, non trovi???:)il beuf bourguignon non l’ho ancora provato, però. la carbonnade invece sì, proprio in Belgio…e mi è piaciuta parecchio, quindi se questa è simile prima o poi la farò. Magari aspetto di avere a cena qualcuno di importante come Julie :)

  • http://uaooo.blogspot.com/ vivi

    —e a chi mi ha detto che quel film gli faceva tanto pensare a… me? beh, devo dire che li dentro manca una dimensione enorme che lascia un vuoto altrettanto considerevole: non c’è fotografia :)

    il film non è un capolavoro, ma per me era la passione,
    il mio impaccio quando leggo le tue ricette e provo a rifarle,
    beh non ti immagino proprio così :)
    il vuoto considerevole fotografico…beh direi che con questo post hai iniziato a colmarlo, belle foto, come sempre.

  • LauraBi

    Ciao Sigrid!
    Ti scrivo per la prima volta e rispondo con gioia al tuo Post su Julia Child’s Boeuf bourguignon
    L’argomento e la ricetta mi entusiasmano, e così ho trovato il coraggio: “OK, STAVOLTA SCRIVO ANCH’IO”. (Breve parentesi: avevo avuto occasione di conoscerti a Torino – Novembre 2009 e timidamente mi ero presentata mentre scrivevi una dedica sul mio/tuo libro che avevo appena acquistato…Complimenti ancora!)
    Il film mi è piaciuto molto, e anch’io ho pensato a te durante il film, ho riscontrato delle similitudini tra la vita di Julie e la tua (per quel poco, pochissimo che ti conosco…sorry). Ti leggo sempre volentieri e con gioia. La ricetta di Julia mi faceva venire l’acquolina già nel film…….e ora devo assolutamente provarla! Non sarà facile…….il procedimento è un po’ lunghino, e io ho due bambini piccoli che non sempre mi lasciano “paccioccare” in cucina con calma e tranquillità……come vorrei!
    Grazie comunque per avermi dato lo “spunto” e la voglia di provare.LauraBi.

  • http://acquavivascorre.blogspot.com acquaviva

    mi sono trovata davanti il libro della Child alla libreria americana di via della Vite l’ultima volta che ero a Roma, un paio di settimane dopo aver visto il film (di cuiin sostanza ho adorato soprattutto la doppiatrice della Streep…). Ho tentennato parecchio, fondamentalmente perchè mi spiaceva lasciare al suo destino un pezzo di storia.
    Poi mi sono resa conto che, per quanto mi riguarda, si trattava di una storia laterale, di un passato che non aveva influenze dirette, nonostante un nonno francese. Così ho preso un libro di Claudia Roden e sono passata oltre senza rimpianti… e senza neppure la tentazione di sperimentare il boeuf Juilia’s version. Probabilmente non sono abbastanza blogger inside…

  • http://lefrancbuveur.blogspot.com Enrico-Lefrancbuveur

    @valen’t’ina: la necessità della condivisione di una passione

  • http://machetiseimangiato.com Rossella

    @vale’n’tina
    Cosa mi ha fatto capire che nella mia vita serviva un food blog?
    Il fatto che mi parlavo sempre di cibo e ricette le amiche e che chiedevano consigli ed idee. Così scrivo una volta per tutte e posso rispondere a più domande :)
    Ma soprattutto il fatto che amavo e amo cucinare sempre e comunque.

  • http://www.valentinaverna.com vale’n’tina

    Bella risposta Giu! Resisto perchè ho mille progetti che devo portare a termine prima di aprirne uno nuovo e poi (lacrimuccia) al momento sto di nuovo vivendo dai miei, appena riavrò una cucina tutta mia però mi sa che un pensierino serio ce lo faccio.

  • Giu

    @vale’n’tina
    Semplice: il fatto di non averne uno.

  • http://www.valentinaverna.com vale’n’tina

    Ciao Sigrid e ciao a tutti,che post meravioso!
    Ho un sogno nel cassetto: voglio essere una food blogger anch’ io ma per il momento mi limito a cercare gli ingredienti perfetti, meditare sulle ricette, rovistare tra le tovaglie e il vasellame di mia madre , cucino a più non posso e passo mattinate intere fotografando cibo. In effetti il grosso del lavoro lo faccio già, in attesa di aprire un blog tutto mio imparo dalla migliore!
    Quando è uscito Juie & Julia mi sono precipitata a vederlo e mi è piaciuto tantissimo anche se anch’io ho pensato spesso che postare una ricetta senza foto è un gran peccato. Anche a me è piaciuta Juilia, soprattutto. Visto che c’ ero ho letto anche il libro di Julie Powel…non lo fate! L’ immagine di Julie che ne viene fuori e molto diversa da quella del fim, non mi piace affatto e poi trovo che il libro sia scritto malino.
    Ragazze posso farvi una domanda?
    Cosa vi ha fatto capire che nella vostra vita serviva un food blog?

  • mamma daniela

    Ciao Sigrid, è da qualche mese che leggo il tuo Blog, lo trovo pieno di stimoli per chi come me ama cucinare e fotografare.( anche se ho poco tempo come neo-mamma.
    Vedendo le tue meravigliose foto, ho deciso di fare un corso on line di foto e di acquistare – cosa che ho poi fatto – una macchina fotografica bridge della Cannon powershot sx1IS.
    Naturalmente provo e stampo mille tue ricette, vado a cercare nell’archivio sin dal 2005 per arrivare ad oggi.Da mamma desideravo chiederti se ogni tanto puoi, mettere delle ricette per bambini di 3 anni, sai far magiare la mia bimba si chiama Elisabetta, non è sempre facile. talvolta cerco in rete ma le ricette sono noiose assomigliano a quelle delle mense scolastiche.
    Spero tu possa leggere la mia richiesta, e venirmi in aiuto…grazie mamma daniela

  • http://burrofragola.wordpress.com/ monica

    Io ho visto il film qualche mesetto fa, carino, anche se le mie aspettative erano forse troppo alte. In effetti questa ricetta mi ispira molto, mi sono sempre bloccata per via del nome, mi fa cosi’ tanta paura solo a nominarlo! ahahahha Lo so sono paranoica! Ok adesso che ho trovato una fattoria vicino casa che vende carne nostrana quasi quasi la provo!
    Ps: io adoro l’attrice ha interpretava la giovane Julie (Amy Adams) che ha recitato anche in Come d’Incanto e Una notte al museo 2!!!

  • http://machetiseimangiato.com Rossella

    Io il film non l’ho visto. Ho letto My life in France e mi sono innamorata di Julia.
    Il suo libro sulla cucina francese l’ho trovato fantastico anche da un punto di vista editoriale. E qualche ricetta,non la tua, l’ho provata con grande soddisfazione. Ora devo provare qualche suo dolce

  • http://ioportoildolce.blogspot.com Pamirilla

    Come quando mi hanno regalato l’Artusi pensando che mi avrebbe aperto le porte su chissà quante meravigliose ricette. Quasi tutte “sorpassate”, alla fine, specie per la pasticceria. Ma resta la Cultura e questa ha il suo peso non indifferente, chè la cucina non è solo ricette, no? Tu, Sigrid ne sei una dimostrazione lampante, del resto.
    Il film, in effetti, è gradevole ma realistico quanto una zucca blu.

  • risonero

    ciao,
    io apro una parentesi…ho fatto la marmellata di cipolle di Tropea e quella di fragole, con menta,arancia e pepe lungo che erano indicate nel tuo ricettario…strepitose!!!!!
    questa ricetta la rimando all’autunno.
    baci,
    risonero

  • http://www.fragoleamerenda.blogspot.com/ Sabrine d’Aubergine

    Diciamo che io faccio esattamente la stessa cosa per il brasato (pancetta sbollentata compresa), ma la cottura in forno mi mancava: dev’essere grandiosa! Ci provo, che tanto se continua questo tempo un piattino robusto così ci sta bene…
    Ciao!

    Sabrine

  • http://cuochidicarta.blogspot.com Kat

    Di primo acquito concordo, Mastering the art ecc, scritto per la mentalità e le dispense americane, probabilmente non ci è utile. Però mi farò prestare la copia anni 70 dell’amica Maya e riferirò. Intanto passo a suggerire la lettura, davvero godibile e anche parecchio utile per tuffarsi nel mondo della gastronomia anni 50-70 di My life in France di Julia Child. Cosa che non guasta è anche scritto-a mio avviso- benissimo.
    L’ho ordinato on line ma l’ho visto anche negli scaffali inglesi della Fnac a Torino.
    E credo che lo rileggerò sovente, perché mette un gusto e un allegria incredibile.

  • Marcellagiorgio

    Ciao Sigrid!!
    Bellissime foto e golosissimo piatto, accompagnamento gustoso e mooolto fotogenico
    :-)), naturalmente foto al top!
    Un classico gustoso che ho provato qualche tempo fa, anche se per me il peposo e lo spezzatino con patate sono come le carbonnade per te, vengono prima di tutto.
    Sai io prima di andare a vedere il film mi sono lanciata con il libro Julie & Julie e l’ho trovato così noioso (non l’ho nemmeno finito) che ho rinunciato a vedere il film.
    Ora mi fai quasi vacillare..ci provo??
    Siamo sicuri che non è noioso come il libro??

  • Giu

    mah… uno stufato… ecco… :))))

  • http://www.senhorprendado.com.br João Baptista

    Gosto muito doseu site, visito sempre que posso.
    Sou brasileiro e tenho um site que em alguma coisa se parece com o seu: o cuidado com as imagens.
    Ficaria feliz se voce o visitasse.
    Abraços e felicidades com seu novo livro.
    JB

  • http://www.sostorta.splinder.com Cey

    Anche io non sono impazzita per il film, carino ma nulla di più, però ho trovato bellissimo il modo in cui entri dentro, ho guardato i filmati su youtube, ho cercato e non ordinato il libro, fatto ovviamente il boeuf e il mio ragazzo ogni volta che cucino qualcosa boffonchia “Ah ma l’anatra disossata!”
    Poi il tuo è bellissimo, ovvio.

  • Lunita

    Che meraviglia!per tutto il film desideravo gustare questo piatto!

  • Juan Luis

    stranamente i passi dopo aver visto il film sono stati gli stessi: vedere julia child su Youtube, e riscoprire il cuoco svedese (che era dimenticato in qualche angolo della mia memoria), vi raccomando:
    http://www.youtube.com/watch?v=CAsYwW7pt7o

    adesso aspetto che mia moglie si decida a affrontare il boeuf prima che arrivi il caldo

  • CAIA

    ah che meraviglia, ho appunto iniziato il libro di Julie ieri sera :)

  • http://vanigliacooking.blogspot.com/ vaniglia

    vere tante cose (al cinema le mie amiche confabulavano, e poi hanno scommesso, credo sia sulla eventuale mia esecuzione di QUESTA ricetta, che per ora si è fatta attendere, anche se una pulcetta nell’orecchio non indifferente mi è arrivata!), ma più di tutte la reazione youtubiana, perchè a me è successo lo stesso, e vedere la child “dal vivo” è stato bello interessante e divertente (e molto confortante – tipo mentre rovescia, nel vero senso della parola, la tatin spargendo pezzetti di mela ovunque.. :-))…
    Il libro lo vorrei, e sto meditando se ordinarlo, ma non per le ricette, quelle sì, come dici tu le abbiamo, che la francia è più vicina a noi che agli states, ma proprio per le modalità e le origini del libro, per il fatto di avere delle ricette francesi “fotografate” da un occhio “straniero” ed entusiasta, in un modo che appartiene ormai a quasi mezzo secolo fa…

  • http://www.hotelbottondoro.com Roberta

    io sono convinta che la cucina francese sia la base della cucina “forte” internazionale… la scopro e riscopro ogni giorno…
    grazie per questa bellissima e completissima e ricercatissima ricetta…

  • http://inchiostroefarina.blogspot.com/ barbara

    Mah, a me il film ha lasciato un po’ indifferente… caruccio si, ma non un film da dire “wow!” alla fine della visione. Peccato perchè le mie personalissime aspettative erano altine. Poi non so cosa sia stata per gli americani degli anni 70 Julia Child, probabilmente una grande maestra, ma a me non ha messo voglia di provare nessuna delle sue ricette (ma poverine le aragoste…). Comunque la curiosità di sapere se le sue ricette funzionavano veramente ce l’avevo e tu l’hai soddisfatta, ora so che il boeuf bourgignon vince ^^

  • http://www.undejeunerdesoleil.blogspot.com dada

    Ho l’acquolina e sono charmée dal tuo modo di raccontare quest’avventura bourguignonne ;-)
    Il film mi ha lasciato sensazioni contrastanti, è carino, mette di buon umore ma forse troppo leggero ed a tratti scontato. Esito ancora a comprare il libro della Child per i tuoi stessi motivi anche se riconosco che ha fatto un lavoro immane (come forse non se ne fanno più).

  • http://www.basilicoepinoli.blogspot.com silvia

    Ciao Sigrid! A me il film non è piaciuto molto….effettivamente di fotografia neanche l’ombra e poi (mi vergogno a dirlo)…ma io un po’ mi sono annoiata…!! Sai che invece di Julia, mi hai fatto venire voglia TU di cucinare questo piatto????Le foto sono incantevoli e mi hai fatto venire una gran fame!
    Bacione!

  • Chiara

    @mxm be’ un bel po’ di cose se non ricordo male…adesso mi viene in mente che non va in forno, si usa la birra e non il vino, si fanno caramellare le cipolle con lo zucchero e poi…il libro del cavolo è in cucina, dovrei andare a prenderlo e dirti tutta la ricetta, ma magari la trovi in qualche post e soprattutto mi sono ripromessa di non abbandonare lo studio fino a quando non finisco il lavoro che sto facendo (quindi meglio se la smetto anche di sbirciare il blog!) :)

  • http://it.julskitchen.com Juls @ Juls’ Kitchen

    quando ho visto il film è venuta voglia anche a me, e proprio di questo!! uhm, che dici lo provo a breve o lo metto inc antiere pe l’autunno, se mai questa primavera ed estate si decidessero ad arrivare! altrimenti, se continua così, potrebbe sempre essere adatto per ferragosto! :P

  • http://www.volevofarelochef.wordpress.com Alelunetta

    Anche io ho ceduto, dopo aver visto il film, alla tentazione del boeuf.. l’ho cucinato e offerto agli amici e ho anche comprato il libro della Child in lingua originale!!! La ricetta anche se un pò laboriosa è veramente ottima! Tu che vino rosso hai usato? :)) ciao

  • mxm

    Strano che nessuno l’abbia ancora chiesto ma… la carbonnades à la flamande che ha di diverso da questa ricetta?

  • http://unastanzatuttaperte.wordpress.com Francesca

    …anzi, fa pensare perché ecco, una volta in tivu chi parlava di cucina sapeva anche cucinare, e anche molto bene, cosa che non sempre è vera oggi, insomma, i tempi cambiano…(questa si che è una buona riflessione…o un dato di fatto?!)

  • sabry

    Ciao sigrid, sarà un caso ma anche io ho visto da poco quel film insieme a mia figlia, molto carino, c’è pure venuta fame …
    Buono il sughetto, complimenti per queste ricette sempre squisiste!!!

  • campanellino

    GRANDE Sigrid!! Hai visto il film! Beh, io (te l’ho anche detto di persona) sono una di quelle che guardandolo ha pensato subito a te, a “questa” situazione qui… poi sì, è vero, non c’è la fotografia… ma non m’era venuta in mente!
    Complimenti comunque per questa ricetta :D ciaooo,
    Camp*

  • Chiara

    a me dopo aver visto il film è venuta voglia di leggere il blog di Julie, di vedere le trasmissioni di Julia e di cucinare…tantissimo! Diciamo che mi ha fornito diversi passatempi per qualche settimana ;) Però concordo con Sigrid, non passerei per gli Stati Uniti per cucinare francese!

  • http://www.lavandainterrazza.blogspot.com Gloria

    Ma quanto sono belle le patate fatte così!? Devo provarci anche io!

  • http://momsinthecity.wordpress.com mominthecity

    io ho visto il film che a parte la sempre brava streep non è proprio un capolavoro, però si parla di cucina e per chi ha una vera passione non si può perdere.
    Ho comprato anche il libro in una meravigliosa libreria di Londra. Anche questo è un must da avere tra gli scaffali. (e mi sono coprata anche l’Escoffier!!) alcune ricette sono datate, alcune troppo complicate per i temopi di oggi, però ogni cosa sua che ho fatto aveva un certo non so che, très francais … trè bon … Per il boef aspetti che arrivi una stagione più adatta … e poi metterò alla prova la mia cocotte staub.
    Pur le moment, bon appetit a tout le monde!!

  • http://lefrancbuveur.blogspot.com Enrico-Lefrancbuveur

    Che voi sappiate si affitta già il DVD del film Julie&Julia?
    Grazie.
    ciao

    Enrico

  • francy

    la bourguignon deve essere strepitosa…e il piatto che la contiene è molto bello…

  • http://sacapoche.blogspot.com maia

    bellissima la bourguignon … ma le patate sono fantastiche!

    ciao

  • http://www.pastagarofalo.it emidio mansi

    Ciao Sigrid, proprio ieri la mia bambina di 7 anni ha aperto, con la prima ricetta, il suo blog (http://bimbaincucina.blogspot.com/) che ha voluto fare proprio dopo aver visto Julia & Julia! Direi che per lei e’ un eccellente auspicio!!! :-))
    Ciao Emidio

  • mari

    Anche io sull’onda del film ho cercato notizie della Child sul web e ho visto qualche fimato, forse fine 70 primi 80, tra cui una tarte tatin devastante tanto brutta e pastrocchiata che solo in un paese ignorante come gli usa poteva passare.
    Una nota in difesa della child: nel film si calca (un po troppo a mio parere) sul suo matrimomnio tardivo e sul fatto che (ohh, ahh, accipicchia!) salì all’altare illibata e 40enne. In realtà aveva 34 anni e per le donne della sua generazione e della sua posizione sociale non era un fatto tanto strano.

  • http://sinfonina.blogspot.com Nina

    in proporzione, ho avuto lo stesso effetto dopo il film , sbafandomi qualche video vero di Julia e cercando la ricetta per quel pollo arrosto. Poi però è il panetto di burro e l’amore del marito che son stati più incisivi nel mio immaginario..insomma, a ognuno il suo point of view!
    ciao, il boeuf ora lo dovrò provare sul serio..
    nina

  • http://aromadicasa.blogspot.com patricia b.

    Sii… che bello, è vero che da molte soddisfazioni!! l’ho fatto prima di avere il blog e mi è piaciuto molto:)
    Besos
    Patricia

  • Mimì

    Ps. Credo che negli utensili da cucina di mia madre non ci sia il cocotte, o almeno io non credo di averlo mai visto, ma ho la pirofila ovale in cotto (come questa qua http://www.casastile.net/shop/img/p/49-110-thickbox.jpg ), va bene ugualmente per fare questa ricetta?

  • http://bistrotdilise.blogspot.com/ lise.charmel

    che spasso la conversazione col macellaio, proprio come nel film. io ho letto anche il libro, divertendomi assai

  • Mimì

    Ps. Credo che negli utensili da cucina di mia madre non ci sia il cocotte, o almeno io non credo di averlo mai visto, ma ho la pirofila ovale di cotto (come questa qua http://www.casastile.net/shop/img/p/49-110-thickbox.jpg ), va bene ugualmente per fare questa ricetta?

  • Sara77

    @federica grazie, volevo comprarlo in uno dei punti vendita indicati da Sigrid perché trovavo carino trascorrere una seratina in quei locali invitanti e concludere con l’acquisto del libro. Ma a questo punto credo proprio che una di queste sere ordinerò il libro direttamente dall’editore!Bella idea “cuochi per casa”.

  • http://blog.scissorstudio.net/ Valeria

    Questo boeuf bourguignon diventa epico e l’ultimo tuo paragrafo, mmm, una delizia di parole e di impressioni culinarie! Sarebbe proprio da provare :)
    Brava, brava!

    Bon appétit! :)

  • valentin@

    Niente film, non ancora…
    ma la ricetta la proverò e… le patate sono semplicemente fantastiche da vedere!!! :D

  • Giovanni sa

    Ciao Sigrid,
    curiosità che vino hai usato?
    a proposito sabato ho preparato la pasta alla Vignarola come da tua ricetta e tra i secondi anche l’insalata spagnola (con chorizo ‘originale’ appena arrivato da Barcellona!)
    un gran successo!!! grazie
    Giovanni

  • Mimì

    No vabbè, io sono quasi commossa…ho visto solo qualche giorno fa questo film per la prima volta, e mi chiedevo come trovare la ricetta del suo bourguignon, e tu per magia la pubblichi!
    Grazie Sigrid *.*

  • http://www.andreaciraolo.it Pillole di Psicologia

    Queste foto hanno un aspetto che definire “invitante” è riduttivo….
    Andrea

  • Twinsmama

    eh sì, sei proprio magica…

  • http://arancionissima.blogspot.com/ arancionissima

    Anche io questo we ho rivisto Julia & Julia!!!
    E pensavo tra me e me, gli americani hanno Julia Child, gli italiani l’Artusi… :-)))

  • http://www.cuochixcasa.it federica

    il film delizioso, il personaggio di Giulia Child cucito a pennello su Meryl Streep…… ho notato come a tutti quelli che l’hanno visto e che hanno la passione per la cucina, è venuto in mente di fare la boef-bourguignon e vedere i filmati originali di Giulia Child!!! Siamo prevedibili creature forse?!?!?!?

    @sara77 io ho ordinato libro sul sito dell’editore e in 2 giorni m’è arrivato comodamente a casa!

  • Ily

    Ho anche io questa ricetta molto molto buona, il sughetto mi fa impazzire!!

  • omelette en feu

    ciao, il film per me è stato un vero navet, tant’è che abbiamo deciso di andarsene via prima della fine (fatto estremamente raro per me!). Mi sembrava interminabile e devo dire molto deludente, però come a te mi ha fatto venire la voglia di fare il boeuf bourguignon per la prima volta (senza seguire la ricetta della Julia Child), e devo dire che è venuta proprio una delizia (da fare però solo in periodo invernale!)

    Le tue patate invece sono davvero bellissime, (ti rubo la ricetta!)

    Bonne continuation pour ton blog, il est extra!

  • http://quadernoni.blogs.it/ Davide

    Io grazie al boeuf bourguignon ho trovato moglie… e da allora ad ogni anniversario lo preparo per ricordare quella serata.
    La ricetta era quella di Allan Bay (che ringrazio tuttora ANCHE per questo), sotto il nome di boeuf en daube, ma in sostanza è identico a questo qui di Sigrid; noi lo abbiamo ribattezzato «spezzatino galeotto», per evidenti (ma non raccontabili) motivi…

  • http://www.slidecoaching.com Alessandra

    Grazie per avermi ricordato che devo provare a fare questa ricetta. Il film l’ho visto con mia madre, ci siamo divertite molto visto che negli anni ’70 abitavamo negli USA e guardavamo Julia in tv. E’ stata lei ad insegnarci la Salade Nicoise, che diventò un piatto di famiglia.
    Ora devo proprio lanciarmi su questa ricetta!

  • Tiziana

    Il film l’ho visto praticamente appena è uscito nelle sale e, proprio come te, nel we successivo mi sono cimentata nella ricetta del boeuf bourguignon … una ricetta da provare ma assolutamente da destinare ad occasioni speciali!

  • paulpa

    Guarda, non c’è che dire…sei proprio brava. punto e basta.
    Oltre alla cucina, tra l’altro arte non da poco in questi tempi di assoluta vanità mediatica priva di riscontri, hai il gusto del racconto, dell’approfondimento, della ricerca di quel modo di andare oltre….personalmente il film non mi è piaciuto, forse perchè visto in arereo in turbolenza non disponeva lo spirito, ma ho apprezzato molto il tuo gusto neela prova e nella condivisione.
    Bravissima.

  • http://peperoncinoecannella.blogspot.com Wanda

    Ciao Sigrid, bella la ricetta e soprattutto a adatta a quest’estate che non vuole arrivare!!! Sarà stato anche questo tempo natalizio a ispirarti? (e c’è chi dice che a Roma c’è sempre il sole!!!!) :)

  • http://laprincipessaraffreddata.wordpress.com laprincipessaraffreddata

    Scusa ma te lo devo proprio chiedere, come hai fatto a decorare le patate in quel modo? Sono bellissime!

  • Luciana

    http://www.fiordifrolla.it/patate-hasselback.html
    qui c’è un bel consiglio per tagliare le patate senza rischiare che la lama del coltello arrivi fino in fondo rovinando il gioco!

  • Sara77

    Io ho trovato Julie&Julia molto divertente e surreale. Queste patate Hasselback sono bellissime ed invitanti! Non le ho mai provate anche perché non conoscevo la ricetta…sperimenterò presto!
    @ Sigrid, sabato volevo assolutamente comprare il tuo libro (lo so, sono moooolto in ritardo) ma non era disponibile nè all’Open Baladin nè all’enoteca di Ariccia…mi consigli di ordinarlo direttamente dalla casa editrice? sob sigh, e io che già fantasticavo di fare qualche ricettina del libro del cavolo ieri pomeriggio…

  • serena

    P.S. a proposito di fotografia, te l’ho ho già chiesto una volta ma forse non hai letto il mio post. Ti senti più cuoca a fotografa?
    Ciao

  • serena

    Questa ricetta non me la perdo.

  • http://www.cookingbreakdown.com daniela

    Sigrid! la carne no .. (io erbivora), ma le patate son bellissime.
    e poi, assolutamente fuori tema: grazie ancora per venerdì sera. E’ stato molto interessante. Adoro la tua spontaneità e la semplicità con cui sai metterti a nudo.
    Un talento grande.