Caviar d’algues

caviar_algues_ssl

Tapenade de la mer, Tartare d’algues, Tartin’algues, Pesto marin, sono alcuni dei nomi che si usano, in giro, per qualificare le cremine più o meno analoghe a questa diella foto qui sopra. E con ‘in giro’ intendo in realtà la rete francese perché da ‘ste parti mi pare che siamo ancora molto poco familiari con la cucina delle alghe. In Francia invece, le alghe e il loro consumo sono piuttosto comuni, merito sia degli chefs che li hanno ampiamente sdoganati, che della Bretagna dove se ne producono a valanghe e della grande distribuzione che te le fa persino trovare fresche, in vaschette, fra il il granchio dell’atlantico e le ostriche belon. Eh, già, un’altro mondo… :-)) Resta che le alghe sono un capitolo interessante, mooolto interessante, del grande libro ‘cose di cui noi umani ci possiamo cibare’, perché contengono un’enorme quantità di minerali, in più sono ricche di proteine e di grassi insaturi e aiutano, fra le altre cose, a regolare la tiroide e a rinforzare le difese immunitari. Insomma, tutti argomenti ai quali prestare un’orecchio attento, anche quando non si è particolarmente fanatici della salute nel piatto :-)
piccolo aggiornamento: ieri, dopo aver pubblicato questa ricetta ho ricevuto una mail entusiasta da parte dell’Algheria, l’azienda che commercializza le alghe usate in questa ricetta, e questa mail si concludeva dicendo che avevano piacere ad accordare un piccolo sconto ai lettori di questo blog. Epperché no??! :-) Quindi, per chi vuole, il codice promozionale per gli acquisti su algheria.it è CAV10%2011, vale per uno sconto del 10% sui vostri acquisti ed è valido fino alla fine di dicembre 2011… Enjoy! :-)

Ma sopratutto, la vera cosa interessante delle alghe – e, mo’ che ci penso, è una cosa che la cucina dei monaci buddisti giapponesi sfrutta appieno – è che sanno… di mare (eh la bella scoperta!? :-). Anzi, la cosa più simile che io sappia, sono le ostriche (che giustamente anche loro sono in gran parte costituite di… acqua di mare :-) Anche se poi chiaramente, ogni alga, come ogni pesce, ha la ua consistenza e il suo saporino proprio, rimane che sul fondo, da una parte come dall’altra, galleggia un profumino iodato che è quello del grand large… E così, più che i motivi salutistici, è questa qui la caratteristica che stimola il piccolo cuoco ludico in me (un po’ come quella volta del pesto di acciughe scappate). Quindi, per farla breve, ho confezionato una cremina con degli accenti che ricordano lontanamente qualcosa del caviale, solo che ovviamente a prezzo siamo a dei livelli infinitamente più ragionevoli e inoltre qui non bisognerà neanche convincere nessuno di mangiare uova di pesce… :-)) Insomma, per me, un’ottimo nuovo amico per i crostini dell’happy hour e per i panini un po’ creativi… :-)

Caviale di alghe

cetriolini sotto aceto 6
olive nere (snocciolate) una manciata
capperi dissalati 1 cucchiaio
olio d’oliva 5 cucchiai
scalogno (piccolino) 1
salsa di soia 1 cucchiaino
misto alghe essiccate in fiocchi (ho usato questo misto qui) 3 cucchiai

Sistemare, nella ciotola del mixer, i cetriolini, le olive, i capperi, lo scalogno sbucciato e trotato, la salsa di soia e l’olio, e frullare il tutto fino a ottenere una crema non troppo omogenea. Aggiungere le alghe mescolare al cucchiaio, versare il tutto in una ciotolina, coprire con della pellicola e far riposare al fresco per unn paio di ore. Passato questo tempo, aggiustare consistenza e condimento, e usare come vi pare :-)

Stampa la ricetta
Condividi :Share on Facebook8Tweet about this on Twitter2Google+0Pin on Pinterest5Email to someonePrint this page
0
  • Cate

    Adoro le alghe!
    A Ostuni trovo la lattuga di mare…buonissima…la prendo fresca direttamente dagli scogli.

  • Fran

    Ma le alghe (quella chiamata lattuga di mare ) in pastella , mai provata?

  • rosita

    x Marilu: grazie della dritta, corro a vedere!!!

  • http://vanigliacooking.blogspot.com/ vaniglia

    ma queste cosette spalmabili, com’è che mi affascinano così tanto?
    domanda: ma si può fare anche con le alghe essiccate intere da me medesima spezzettate finemente? nooo? ;-)

  • Laura.lau

    provato amazon.it ed in effetti i prezzi sono ottimi!! vedere in proposito anche post su paperogiallo sui dilemmi amazon v. libreria.
    Congratulazioni Sigrid per la posizione del tuo libro nella classifica di Amazon!!!

  • http://legasupereroi.blogspot.com/ Fedasile

    Bellissime idee!!

  • http://ilpomodorosso.blogspot.com/ Cleareilpomodoro

    ahahaha credo che il sito delle alghe ti abbia contattata anche grazie a me..gli ho scritto rompendogli le balls..perchè le spese di spedizione son alte e io voglio da un eternita i loro prodotti grazie alle tue segnalazioni! e insomma ogni tanto son utile a qualcosa! http://ilpomodorosso.blogspot.com/2010/12/tortine-ai-ceci-x-un-altro-esperimento.html

  • http://www.imagotime.com Daniel

    nn è che mi piaccia molto sinceramente :D

  • marilu

    @rosita: su amazon.it lo trovi scontatissimo, mi pare venga 17 euro perche’ fanno lo sconto del 30% su tutto….credo proprio che feltrinelli non mi rivedra’ piu’

  • rosita

    Sulle alghe, passo anch’io….se ripenso all’unica volta in cui le ho assaggiate, mi vengono i sudori freddi… Magari lo sconticino mi sarebbe piaciuto averlo sul libro, 25 euro non sono pochi x le mie tasche….ma magari qualche anima buona me lo regalerà a Natale!!
    Bisous, ma belle!

  • Monica

    Ciao Sigrid,
    sì! Intrigante la tapenade ed anche il misto oceano. Grazie
    Proverò presto :)

  • tinah

    Ciao Sigrid, posso intervenire con una cosa che con le alghe non c’entra niente??? Volevo chiederti… non è che per caso volevi presentare il tuo nuovo libro a Torino e – a parte Eataly! – non sai dove andare??? Perchè dei miei amici stanno per aprire uno spazio con laboratorio di cucina, studio fotografico per cibo e altro, organizzeranno eventi e corsi aperti anche ad esterni. Lo spazio si chiamerà QuBì e sarebbe carino averti come ospite. E sono anche sponsorizzati dalla KitchenAid!
    Se la trovi una bella idea puoi contattarmi per i dettagli.

    P.s. Guarda che vengo anche se lo presenti da un’altra parte! lol

  • http://www.pecorinofacile.it andrea

    Non solo bella da vedere, ma ricca di minerali
    perciò parecchio salutare questa ricetta.
    in tutti i modi roba di alta cucina

  • http://www.unacenaconenrica.com Enrica

    Grazie, Sigrid! Gentilissima!! Non ho il vasetto sotto mano ma vado a controllare. Mi viene un duddio: non è che Alga è un posto???

  • http://bistrotdilise.blogspot.com lise.charmel

    le alghe mi fanno senso, un po’ come le lumache: mi fan pensare agli scogli viscidi, non ce la faccio
    :)
    però mi sembra una buona idea per servire del “caviale” ai vegetariani

  • http://www.volevofarelochef.it Alelunetta

    sembra buonissima! e a me le alghe piacciono da morire :)

    P.s. fuori tema, girando su etsy ho visto una tua foto delle tue zimtsterne, ma non sei tu a venderle (lol) http://etsy.me/fTAcbC

  • Bea

    Grazie sei sempre molto carina!

  • http://www.cavolettodibruxelles.it/ Sigrid

    @bea: vero, che strambo, non l’avevo notato… dunque, in pratica, se vai su questa pagina qui
    http://www.algheria.it/alghe
    scendi tutto, e sarebbe il ‘misto oceano’, l’ultimo prodotto della pagina proprio… Trovato? :-)

  • Bea

    Ok, spasticona a rapporto: il link nella ricetta mi apre la homepage di algheria e non riesco a capire quale mix hai usato. Mi aiuti please, che sono una amante delle alghe alla ricerca di ricette? (e te pareva che il mio guru sei sempre tu?) Grazie…

  • http://www.undejeunerdesoleil.com Edda

    Che bellissima scoperta (non le alghe, il caviale ;-)! Rimanda al mare, a quei sapori forti e essenziali. Grazie davvero, vado a dormire con una perletta in più! Un abbraccio

  • http://paprikapaprika.blogspot.com Paprika&Paprika

    Ecco che nella cucina magica di Sigrid un ciuffo di alghe si trasforma in caviale ! Una vera magia!
    Ciao!

  • http://www.cavolettodibruxelles.it/ Sigrid

    @symposion: davvero?? ma… non si può avere un abstract? un digest? un riassunto? insomma, qualsiasi cosa che ne renda l’idea?? (molto curiosa.. :-))

    @francesco: scusa tanto, ma non vedo cosa ci sarebbe di redzepi-ano (o di atrocemente modaiolo, intollerabilmente ‘moderno’ o non so cosa) qui dentro? Del resto Redzepi neanche mi dispiace: usa i prodotti del suo territorio, come dovrebbero fare tutti, mi sfugge quale sia il problema?? (comunque, come dice l’adage francese: un chou de perdu, dix de retrouvé… :-).

    @feo: bbbello!! ma ti hanno mai suggerito di scrivere le tue memorie gusto-olfattive?? :)) (sul serio, è sempre bello leggerti! :-)

    @vanda: graziegrazie :-))

    @caffettiera: oddio no le alghe fritte nel grasso… non ci posso pensa’ :-)

    @monica: infatti, mi sono scordata di scriverlo ma sarei proprio tentata di infilare questa cremina qui da qualche parte fra gli stuzzicchini delle feste… :-))

    @enrica: uhm, dunque, di sicuro, caviale nel senso stretto di uova non può essere poiché le alghe di uova non ne fanno, lol. Quindi o è un composto come questo, più un paté tipo questo qui (anzi, per quanto sapevo io in EU la dicitura ‘caviar’ in etichetta è vietata in tutti i casi in cui non si tratta di caviale in senso stretto) o se si presenta a forma di palline potrebbe addirittura essere una specie di prodotto sferificato a base di alghe o di quel che ci si voglia mettere. Direi che leggendo l’etichette si dovrebbero dissipare i dubbi :-)

  • Marcellagiorgio

    Eh, già, Sigrid..la Francia..proprio un’altro mondo!
    Sigh!
    Per un’attimo ho avuto la visione di tante belle ostriche sul ghiaccio vicine a tanti bei granchi giganti il tutto circondato da profumatissime alghe!
    Ristorante’
    Pescheria di lusso?
    Nooo, soltanto un banalissimo supermarché!!
    Carina l’idea delle tue tartine e grazie per la segnalazione del sito delle alghe.

  • http://symposionfoodies.blogspot.com/ Symposion

    bello questo “caviale”! le alghe hanno gradi proprietà spesso sottovalutate o semplicemente sconosciute :)
    ps io ci ho fatto una tesi di laurea :)

  • francesco

    ecco quà…. e vai con la moda redzepi… il problema, e che c’e ne sta solo uno….

    sigrid, mi sa che ti abbiamo definitivamente persa…

  • feo

    La parola del giorno per me è Belon. Ero un ragazzino (quarantacinque anni fa?)ed ero in giro per una Parigi fredda e frizzante subito dopo l’Epifania, c’ero arrivato in autostop (!) per un concerto di Frank Zappa. Ero, mi ricordo ancora, in Rue Des Ecoles e mi sono fermato davanti a un negozio che proponeva ostriche. Mai mangiate (ero un ragazzino, appunto). Il proprietario, sulla porta, mi ha offerto una conchiglia, su cui aveva buttato come a caso qualche goccia di limone, dicendomi che le aveva appena portate il signore al suo fianco, un tipo rubizzo, con baffi alla Asterix e un giubbotto che sapeva di Bretagna (si, una volta facevano dei giubbotti così). Una delizia. Ne ho chieste subito altre tre quando il proprietario mi ha detto che costavano un franco (visto quanti anni sono passati?) l’una.
    Per quanto riguarda le alghe, non so, non saprei cioè, ma il primo approccio è stato in un ristorante cinese di Como, dove l’amica che era con me me le ha consigliate fritte. Non ricordo cosa mi aspettassi, ma sul piatto è arrivata una nuvola di filini verde scuro, e da allora, se vado in un ristorante cinese, è solo per chiedere tra le altre cose alghe fritte. Non tutti le fanno, ma se vi dicono di si, provatele, l’é una liba (una libidine) cume disen a Milan!

  • http://www.equilibrisensorialiblog.com marco perissinotto

    Ciao Singrid, questa ricetta è veramente interessante e il negozio di alghe pure. Mi di spiace, ma sono obbligato a prendere spunto da queste informazioni per nuove idee :-) saluti

  • http://www.algheria.it vanda anzalone

    Cara Sigrid COMPLIMENTI! Hai veramente superato te stessa parola di chi di Alghe se ne intende. Brava! Grazie per aver dedicato questa ricetta alle splendide e buonissime verdure di mare :-)

  • http://dolcemporiofirenze.blogspot.com Gaia

    di solito sono un po’ prevenuta con le alghe ma questa ricetta mi intriga un sacco!

  • http://www.cavolettodibruxelles.it/ Sigrid

    @sanbernardo: ma certamente… nel libro del cavolo :-))) (oh, mi permetto di citarti quello perché so che ce l’hai eh… :-)

  • san bernardo

    ..e brava Sigrid ! anche questa probabilmente esce dagli appunti di viaggio o mi sbaglio ? Avresti anche una ricettina per l’ANKO ?

  • Nadia

    A me le ostriche non piacciono proprio per quel loro sapore di mare(ma anche per il viscidume)e quindi non credo che ppotrebbero piacermi le alghe! Ma chissà…

  • http://it.julskitchen.com Juls @ Juls’ Kitchen

    Evvai! ottima ottima ricettina da fare con le alghe che mi son rimaste! brava Sigrid, mi tira un sacco!

  • http://www.unacenaconenrica.com Enrica

    a me hanno regalato un vasetto con delle palline rosse (similissime alle uova di lompo) dicendomi che è caviale d’alghe proprio ieri!!! ma mi posso fidare?

  • http://www.maddalenacaruso.com Maddalena Caruso

    Cara Sigrid, questo è un grazie monumentale! Sono certa che dopo il tuo mitico post su alghe e dintorni, anche questo splendido cibo potrà godere di tutta la giustiza che merita. Lo affermo perchè da anni ne faccio grande utilizzo, personale si capisce!, spargendo il terrore ogni volta che adocchio l’ennesimo sacchettino di kombu o wakame che sia, sempre presenti nella cara dispensa..booone! poi ora ti fanno veramente superbene!
    Maddalena

  • http://rilgattogoloso.blogspot.com il gatto goloso

    io ho un cattivo ricordo delle alghe mangiate una decina di anni fa al ristorante cinese :( – tutti mi dicevano di assaggiarle che erano favolose – io le ho assaggiate e le ho letteralmente sputate :)
    Da allora non riesco nemmeno a sentirne il nome :)
    … stavolta passo il testimone e aspetto pazientemente la prosisma ricettina…

  • http://www.cookingmovies.blogspot.com Passiflora

    urca, la cremina con le alghe mi sa che è troppo per me. ma complimenti per l’ispirazione.

  • http://lefrancbuveur.blogspot.com Enrico-lefrancbuveur

    Buone le alghe. Le ho scoperte a Roscoff, Bretagna, dove ci sono anche dei centri di studio delle alghe.
    Buon lunedì a tutti!

  • http://ilpomodorosso.blogspot.com/ Cleareilpomodoro

    io adoro le alghe! me le consiglio il medico per aiutare la mia tiroide (soffro di ipotiroidismo..sigh). E da allora non mancan mai nella mia dispensa..questo è un modo in + per usarle (in effetti qui in Italia son difficili da trovare, care e nn si sa mai come farle). Ho visto che già altre volte avevi segnalato quel sito..ma qui a Roma se ne trovano di simili? A castroni forse? Non mi va molto di pagare le spese di spedizione..

  • http://lacaffettierarosa.wordpress.com Caffettiera

    A me le alghe piacciono molto proprio perche’ sanno di mare, ma a volte la consistenza puo’ essre terribile!
    Quando abitavo in Galles, si trovava dappertutto delle vaschettine di alghe prelavate e bollite, dalla consistenza gelatinosa e dal sapore, appunto, di mare. Le ho usate un paio di volte per cucinare, ma erano davvero viscidine. Piu’ che altro, li’ te le servivano a colazione, riscaldate nel grasso del bacon.. E addio considerazioni salutistiche, appunto ;)

  • http://monicavannucchi.wordpress.com monica vannucchi

    Ciao, posso scrivere fuori tema, giusto un secondo? la torta “crosta al formaggio e mele” l’ho fatta con la farina di Kamut semi integrale (marito impone),ci ho schiaffato dentro i resti di formaggi vari, ma non il parmigiano, mi è mancato il coraggio, per quel timore di fondo che il rancidino sempre in agguato si sentisse troppo; e con le mele che avevo, biologiche ma non renette. volevo informarti che è venuta benissimo, molto english, ma la prossima volta proverei con le pere e un formaggio italiano più simile al roquefort. che ne dici? Quanto alle ALGHE: eccomi tornata in argomento, vado subito sul sito che indichi a comprarmi il misto, e pure l’agar agar che non trovo da nessuna parte. E poi vai con la salsina prenatalizia ( crostini con questa qui e crostini di salmone, abbinati? come la vedi?) monica

  • http://burroealici.blogspot.com Giovanna

    mancano solo le alghe. il resto c’è. le cerco e domani sarà fatto. davvero di mio gusto!

  • http://momsinthecity.wordpress.com angela@momsinthecity

    a me le alghe non fanno impazzire, anche se il mio vasetto di alga kombu in dispensa ce l’ho (a proposito idee su come usarlo??? le ho comprate per cuoocerci i fagioli se non sbaglio … mah) la foto però è stupenda, come sempre e le proprietà per la salute invitano alla prova!
    un bisou

  • http://barchettadicarta.blogspot.com/ Patri

    effettivamente le alghe sono curiose…un po’ come le erbette, ma te le devi andare a prendere sott’acqua..impresa da monaco buddista?! ma no, basta andare al negozietto etnico sotto casa, tutto “made in china” of course :)

  • http://www.cuochettainpuntadipiedi.blogspot.com valina

    la tapenade d’alghe è l’unico modo in cui sono riuscita a non far dire “bleah” a mamma nel mangiare le alghe… :) mi hai fatto venir voglia di rifarlo!

  • http://www.altezzareale.com MarinaM

    Non è facile trovare le alghe, però l’idea di questa tapenade mi intriga assai.

  • http://www.cucinacasa.altervista.org valerio

    mai mangiate in vita mia!! Anche se devo ammettere che dalle mie parti non è per nulla facile trovarle. Posso pero dire che la tua ricetta è semplicemente stupenda.

  • Laura.lau

    Ottima idea!!

  • mara

    adoro le alghe!! e ho proprio un bel barattolino comprato quest’estate in bretagna per cui la sperimento subito subito…
    tra l’altro a chi capitasse di essere dalle parti di Saint Malo consiglio assolutamente di provare il burro alle alghe bordier.. davvero è una cosa incredibile..

    http://www.lebeurrebordier.com/portail.php

  • http://glu-fri.blogspot.com/ Glu.fri

    Confesso, sono retrograda…mangio solo le alghe avvolte nel sushi. Non mi sono ancora addentrata nelle profonditá marine..ma se dici che sanno di ostriche e di mare allora mi tuffo.
    Poi cremine & co sono un gran alleato per dare allegria alle gallette di riso…

  • Brunella

    Davvero carina come idea per dei crostini sfiziosi :)
    A proposito di stuzzichini e co., proprio ieri ho comprato il tuo libro sul fingerfood, complimenti è davvero ricco di idee interessanti e alternative! In particolare mi intrigano i biscottini salati ripieni di tapenade…
    Sicuramente prenderò spunto per qualche antipastino natalizio fuori dal comune!
    :)

  • http://www.cookingbreakdown.blogspot.com daniela

    magnifico