- Il Cavoletto di Bruxelles - http://www.cavolettodibruxelles.it -

Se non ora, quando?
(…pork pies :-)

Posted By Sigrid On 02/02/2011 @ 10:57 In salato | Comments Disabled

Bon. Come dire… Ecco: poiché non di sola ciccia vive l’uomo (né la donna del resto), oggi con questa ricetta questo blog e le due donne qui presenti nonché impilate a mo’ di matrioska aderiscono all’appello di Norma [1] (‘Liberiamoci del maiale’ – in cui per maiale ovviamente non s’intende la povera bestiolina dal musetto rosa e velluttato che è stata se malgrado vittima delle nostre velleità culinarie) e più generalmente al movimento [2] che in questi giorni è nato in grembo alla metà femminile della popolazione italiana (aggiungerei: ‘finalmente’). So bene che questo è un blog di cucina – e che tale dovrebbe rimanere, e infatti rimarrà – però vi ricordo che qui si parla spesso e volentieri anche di vita, e poiché nella vita siamo tutti cittadini, sono convinta che ci sono dei limiti e dei valori di fronte ai quali, in quanto cittadini, non si può rimanere indifferenti. Per il resto è inutile che vi riepiloghi altro, avete internet, giornali, senso critico e buon senso, potete fare da voi… Ciò detto, con tutto che siamo esseri umani, che abbiamo molti difetti, un po’ tutti, disponiamo anche qualche pregio, come per esempio la capacità di indignarci, che è, in fondo, e lo credo davvero, un salvavita pazzesco. Per questo, e perché ciò che sto vedendo, da tempo, non è il mondo che vorrei, né quello che vorrei consegnare a chi dopo di noi ecc, io e la panza saremo in piazza domenica 13 febbraio. E spero di cuore che ci farete un pensiero anche voi… :-) (e nel mentre potete anche lasciare la vostra firma qui [3] e qui [2])
Intanto, per oggi, beccatevi questi tortini un po’ provocatori e farciti col, beh, per forza, maiale… Enjoy! :-)

Due note sulla ricetta: queste tortine sono mooooolto ma molto inglesi. Io li ho incontrati un paio di decenni fa, al Marks & Spencer di Bruxelles, dove ogni tanto passavamo a prenderli per un amico inglese che viveva vicino a casa nostra, e anche se in quel periodo non li ho mai mangiati, mi avevano colpiti la loro forma (da piccoli pasticci perfetti) e sopratutto l’attacamente sentimentalo-nostalgico dell’amico inglese, Andrew si chiama, per questo cibo a me, allora, del tutto sconosciuto. E oltre che a essere molto inglesi, i pork pies sono anche moooolto rustici. Per dire, il ripieno è composto esclusivamente di carne, che viene tritata fino ad assomigliare a una specie di impasto per salsicce. Dopo cottura invece l’insieme sembra quasi un paté, di quelli belli sodi e rustici, oltre al fatto della crosta che non so per quale motivo la crosta intorno ai paté mi fa sempre pensare a qualcosa di medievo-rinascimentale, boh… :-). I pork pies anzi sono doppiamente rustici e maialosi, poiché non solo sono ripieni di maiale ma il maiale ce n’è pure nella crosta, impastata con lo strutto. Del resto immagino che questo sia il passaggio che meno vi farà sorridere per cui volendo – e mettendo le mani avanti – per stavolta vi autorizzo pure a usare la pasta sfoglia o brisée, tanto lo so che la sola parola ‘strutto’ fa innoridire il 99,9% della popolazione :-P Però almeno mo’ lo sapete come dovrebbe essere la v.o… :-)

Old-fashioned pork pies (di Delia Smith [4])

per 6 tortine individuali

per il ripieno:
spalla di maiale 350g
pancetta tesa non affumicata 110g
salvia, sale & pepe

per la crosta:
farina 225g
strutto 70g
latte 25g
acqua 25g
sale una presa
uovo 1 (per spennellare)

+ una teglia da 6 muffin

Preparare il ripieno: eliminare le cotenne e parti dure dalla pancetta, tagliarla a striscioline e tagliare la spalla a dadini (può rimanere attaccato un po’ di grasso, secondo la ricetta di partenza :-). Passare entrembi, insieme, nel food processor e frullare brevemente fino a ottenere una specie di impasto da salsiccia non troppo omogeneo. Versare la carne in una ciotola e condire generosamente con salvia (tritata o secca), sale e pepe. Tenere da parte.
Preparare l’impasto: in un pentolino, scaldare l’acqua con il latte e lo strutto. Portare il tutto a ebollizione, spegnere, e versare il liquido caldo sulla farina mescolata con il sale (in una ciotola). Mescolare con un cucchiaio e poi impastare velocemente a mano. Poi prendere i due terzi dell’impasto, e dividerlo a sei pezzetti. Sistemare ogni pezzetto di impasto in un stampo da muffin e, con le dita, premere l’impasto in modo da rivestirne l’intero stampino, faccendo fuoriuscire l’impasto di circa 5mm. Procedere con i 6 muffin. Lo stampo meglio se sarà mi metallo con rivestimento antiaderente, eviterei il silicone per questa operazione qui. Tutto ciò inoltre va fatto con l’impasto ancora caldo, che da freddo è più difficile da manipolare. Farcire poi ogni tortino con una buona dosi di carne, e infine stendere il pezzetto di impasto rimasto in una sfoglia di 1-2mm (se l’impasto risulta duro reimpastatelo velocemente con la mani bagnate) e ritagliarci i 6 coperchi dei tortini. Saldare i coperchi alle tortine con una spenellata di tuorlo, poi premere i bordi con i rebbi di una forchetta. Spenellare anche la superficie dei tortini con del tuorlo, e infornare poi tutto quanto a 180° per 30 minuti. Passato questo tempo, sfornare, lasciar intiepidire per 5 minuti e staccare delicatamente i tortini dalla teglia, riporli su una teglia da forno e farli cuocere a 180° per altri 25 minuti. Servire tiepido o – se siete proprio inglese inside – persino freddo.

Condividi :102 [5]00 [6]13 [7]
0 [8]

Article printed from Il Cavoletto di Bruxelles: http://www.cavolettodibruxelles.it

URL to article: http://www.cavolettodibruxelles.it/2011/02/se-non-ora-quando-pork-pies

URLs in this post:

[1] Norma: http://merendasinoira.wordpress.com/2011/01/24/entro-il-6-febbraio-liberiamoci-del-maiale/

[2] movimento: http://senonoraquando13febbraio2011.wordpress.com/

[3] qui: http://www.unita.it/donne/dove-siete-donne-diciamo-ora-basta-firma-br-oltre-37mila-firme-perina-costa-dante-forte-1.266963

[4] Delia Smith: http://www.deliaonline.com/recipes/cuisine/european/english/old-fashioned-raised-pork-pies.html

[5] 102: http://www.facebook.com/sharer.php?u=http://www.cavolettodibruxelles.it/2011/02/se-non-ora-quando-pork-pies

[6] 0: https://plus.google.com/share?url=http://www.cavolettodibruxelles.it/2011/02/se-non-ora-quando-pork-pies

[7] : mailto:?Subject=Se non ora, quando?
(…pork pies :-)&Body=%20http://www.cavolettodibruxelles.it/2011/02/se-non-ora-quando-pork-pies

[8] 0 : #