Feed RSS
       

Due tre cose pasquali…

martedì 10 aprile 2012

uova

Di rientro dal picnic di Pasquetta vi lascio un po’ di appunti sparsi per dirvi di un paio di cosine buone e belle mangiate/cucinate/viste/acquistate prima e durante questi giorni di festa (ma poi sono io o si rientra dalle ferie più stanchi di prima??…) Lato uova quest’anno, a parte quelli confettati, poca roba – per l’anno prossimo però si prevedono atelier di dipingimento e successiva caccia alle uova… :-)

pasqua2_s

Per iniziare, quest’anno lato pastiera siamo stati colpiti dal famoso voglia-di-fare (-la-pastiera)-saltami-adosso sicché mi sono data invece ai pani briochiati a treccia tipici della Grecia. L’originale si chiama Tsoureki e per la colazione di Pasqua (e quella del giorno prima e anche quella di Pasquetta…) è stato una compagnia pressoché perfetta. Di ricette la rete è piena, quella che ho usata io è un impasto di 450g di farina 00 con 10g di lievito di birra fresco sciolti in 170g di latte, 40g di zucchero, più 1 uovo e 50g di burro fuso. Poi ho aggiunto la buccia grattugiata di 1 limone e di 1 arancia bio, 1 cucchiaino di estratto di vaniglia naturale, mezzo cucchiaino di cardamomo in polvere e mezzo cucchiaino di all spice (entrambi a sostituire il mahleb e probabilmente nemmeno ci assomigliano – non saprei, non ho idea di cosa sappia il mahleb, perà da qualche parte avevo letto questo siuggerimento sostitutivo – in ogni caso il risultato è piacevole…). Si impasta fino a ottenere un impasto liscio ed elastico, prima lievitazione per 1h30 poi si confeziona una treccia, si aggiungono 3 uova sode (tradizionalmente sarebbero rosse ma non avevo pensato a prendere anche le barbabietole quindi ho preferito lasciarle couleur nature), spennellamento con tuorlo e latte , nuova lievitazione per 45 minuti, poi 30 minuti di cottura a 180°C. Ottimo anche, magari dpo un paio di giorni, a fette tostate, con la marmellata… :-)

pasqua3_s

pasqua4_s

Lato picnic invece ho confezionato un Rye soda bread (insomma un pane a lievitazione istantanea con la farina di segale, una versione salata di questo pane qui…), impastando 170g di farina di segale integrale con 170g di farina 00, 290ml fra yoghurt naturale e latte intero, un cucchiaino di sale, un cucchiaino di lievito per dolci non zuccherato. Ho anche aggiunto una manciata di semi di zucca. Il tutto va al forno a 200°C per 40 minuti e si conserva benisismo anche fino al giorno dopo. Con questo pane ho fatto dei panini con la frittata, anzi con la tortilla di asparagi e piselli, seguendo su per giù questa ricetta qui, sostituendo perà le asparagine selvatiche con asparagi verdi tagliati a pezzetti e sbollentati e piselli freschi.

pasqua5_s

Per dolcetto, delle tortine di farro con olio di nocciole e lamponi super easy, basta lavorare 2 uova e 50g di zucchero di canna con la frusta, aggiungere 100g di yoghurt naturale, 20g di olio di nocciole (ho usato l’ottimo e profumatissimo olio di semi di nocciole Piemonte IGP dei Fratelli Caffa, trovato grazie a Tastexp), 80g di farina di farro integrale, 20g di farina di nocciole tostate, mezzo cucchiaino di lievito in polvere e 100g di lamponi freschi. Infornare a 180°C per 25 minuti, ricetta per 9 tortine.

Incartate tutto, trasferitevi nella campagna umbra, apritevi l’appetito mediante una sana passeggiata (magari spingendo su e giù per un paio di borghi medievali un passeggino il cui peso, contenuto compreso, va sui 20kg) e voilà, il pranzo di Pasquetta è servito! :-)

pasqua6_s

pasqua7_s

pasqua8_s

pasqua9_s

Infine, due micro segnalazioni di scoperte di questi giorni: la prima, qui sopra, è la colomba dei dolci di Giotto, la pasticcieria artigianale del carcere di Padova. Avevo già assaggiato il loro panettone – ed era bastato quello per convincermi che i pasticcieri del carcere padovano lavorano veramente bene – stavolta sono andata di Colomba classica con i canditi di arancia e ho assaggiato anche quella al cioccolato, ed erano veramente veramente ottimi. Insomma, vi lascio la segnalazione in previsione delle prossime feste (?!), è anche un ottimo modo per farsi piacere sostenendo un progetto importante e solidale… I dolci di Giotto li avevo scoperti, anche loro, via Tastexp, mentre a Roma le loro colombe e panettoni si trovano anche al sempre ottimissimo Emporio delle spezie :-) Se poi invece della colomba non sapete più cosa farvene provate questa ricetta di colomba-riciclo

La seconda segnalazione è a uso dei frequentatori di Testaccio nonché amanti di chiquerie in tavola e in cucina. Ho scovato giusto sabato, al mercato di Testaccio, un nuovo banco chiamato ‘lo spaccio di Testaccio’. Il banco è di Emanuela – la quale lavora da tanto tempo con gli accessori di cucina, e infatti ci conosciamo/incrociamo da un po’ – e la sua idea è di quelle semplici ma geniali: ha aperto la sua ‘bottega’, a misura d’uomo in tempi di crisi, affitandosi un banco al mercato rionale (voglio di’, io non c’avrei mai pensato, ed è un’idea semplicemente fan-tas-ti-ca…). Quindi in mezzo alle fave e carciofi dei banchi circostanti Emanuela propone in qualcosa come 8 metri quadri una selezione di oggettini must have di design, spesso danese (molte cose sono di Madam Stolz che è un marchio che io qui non vedo proprio mai in giro), cosine di quelle che non si vedono d’altre parti, che non sono nemmeno molto dispendiosi e che sono un mix fra zen e shabby chic. Io intanto sono tornata a casa con un porta saponette in ferro, una bellissima bottiglia di vetro e un irrinunciabilissimo appendi-spago-da-cucina (e al prossimo giro mi prendo la lavagna di ferro e i mestoli smaltati stile vintage, tié :-)

pasqua11_s

Categorie: brunch & picnic, tradizioni d'italia
Scritto da Sigrid martedì 10 aprile 2012