Feed RSS

halloween risotto_ssl

Per farvela breve: io, la mia planetaria, la mia cocotte di ghisa, e il resto della mia piccola famiglia, siamo a New York. Missà quindi tanto che nel prossimo periodo vi beccherete una sana dosi di americanate (oltre che di ricette polacche arretrate :), anche se chiaramente la sottoscritta (detta anche ‘colei che voleva vivere alla campagna ma che poi inspiegabilmente si ritrovò in una metropoli con altri nove milioni di individui’) è già bella e andata in fissa con Whole Foods (anche se lo trovo parecchio più lassista del ‘nostro’ integerrimo Naturasì), i Green markets, e tutto ciò che di organic e natural si trova qui in giro, a iniziare dai frullati 100% frutta e verdura che sono già entrati a far parte della mia dieta quotidiana (insieme ai dips style humus e guacamole, ahumm). C’è da dire che c’è anche chi ti da una mano nel diventare alimentarmente virtuosi: non so se è obbligo di legge ma molti locali espongono l’ammontare calorico dei vari dolci e cibi disponibili per cui per esempio da Starbucks ti passa proprio la voglia di spararti un terzo del tuo fabbisogno quotidiano in café + brioche… Insomma, americanate anche si ma che siano magari pure sane e homemade… :-)

Comunque, inutile dirlo, di questi tempi New York si colora, oltre che di foglie secche, di zucche di più o meno tutte le dimensioni (anche se tutto sommato pensavo a Halloween come a qualcosa di parecchio più ‘invadente’). Così, oltre a essere questo quindi il weekend più scary dell’anno, è anche il miglior momento per cucinare la zucca e così non vi risparmio un piccolo esperimento in cui ho riciclato un abbinamento intravisto diverse volte, ultimamente, qui in giro: zucca, mele (forse non è un caso che NY venga chiamata anche la grande mela, non saprei, fatto sta che le mele di produzione locale sono everywhere) e sidro.

Ho rimescolato il tutto in un risotto, aggiungendoci un’idea di timo e mantecando il tutto con una generosa manciata di parmigiano per finire con un bel tocco di umami a correggere il dolciastro. Oh, se v’insospettisce l’aspetto poco allondoso del mio risotto, è normale, ho usato l’unico riso che avevo nella mia ancora sfornitissima dispensa, un organic brown rice di coltivazione americana, voi che avete la fortuna di poterlo trovare anche nell’alimentare sotto casa, usate pure il carnaroli ;-))

Fra l’altro, mentre meditavo al mio risotto americanizzato e che pestavo as usual contro il divieto di importare cibi (perché significa che di olio evo e parmigiano devi un po’ prendere quel che trovi, tipo 12 mesi di stagionatura…) ho scoperto per puro caso che nello stesso weekend e dalle parti vostre, anzi dalle parti di Torino e del Salone del Gusto, c’è la Parmigiano Reggiano Night, una cena web 2.0 che ha per ambizione di mettere a tavola l’Italia intera: tutti sono invitati a cucinare una ricetta che abbia il Parmigiano reggiano fra gli ingredienti e a pubblicare la ricette e magari anche l’atmosfera in cui viene poi consumata sulla pagina FB dell’evento, la sera del 27 ottobre. Nello stesso momento, sullo stand Parmigiano reggiano al salone del Gusto, verranno proiettate tutte le foto dei piatti inviati su maxi schermo, alcuni verranno premiati e l’insieme dovrebbe essere una grande cena virtuale e parmiggianosa. Fra l’altro il testimonial e primo partecipante alla faccenda è il genialoide Massimo Bottura (con un risotto cacio e pepe che si può solo invidiare a colpi di ‘ non ci avrei mai pensato, grrr’… :-). Insomma, se siete in vena di creatività e se volete mettervi a tavola con tutto il resto del paese, sapete cosa dovete fare :-) Io intanto vi lascio con alcune vedute tipiche di questo lato dell’atlantico, un po’ di cose viste per strada e, nell’ultima foto, le Boo! cupcakes di Magnolia bakery :-)

halloween2_ssl

halloween4_ssl

halloween3_ssl

halloween1_ssl

Risotto con zucca, mele, sidro e parmigiano reggiano: far soffriggere, con un cucchiaio di burro, uno scalogno finemente tritato, 200g di polpa di zucca grattuggiata e mezza mela (rossa, con la buccia) grattugiata. Aggiungere un cucchiaino di foglioline di timo fresco tritati. Lasciar insaporire, poi aggiungere 120g di riso e lasciarlo tostare. Sfumare con un bicchiere di sidro, poi portare a cottura con dell’acqua bollente leggermente salata (o, se preferite, con del brodo di pollo o verdure). A fine cottura, mantecare con un cucchiaio di burro e tre cucchiai di parmigiano grattugiato. Lasciar riposare un minuto e servire.
E la canzone in abbinamento oggi è questa qui, ovviamente :-)

Categorie: risotto, winter food
Scritto da Sigrid venerdì 26 ottobre 2012