- Il Cavoletto di Bruxelles - https://www.cavolettodibruxelles.it -

Schiacciata con uva (fragola) e rosmarino

Tanto per essere originali, siamo alla solita concatenazione di piccoli elementi casuali. Prima Properzia [1] ha chiesto nei comment della focaccia quella toscana che si fa con l’uva. Poi ha risposto da sé, postando nei comment il link alla ricetta [2] he aveva trovata. Sono andata a vederla, sembrava una specie di pizza calabrese (eh che volete la pizza calabrese si fa così, ripiena :-) irrorata di sughetto d’uva (..Uhm, non male :-). Poi due giorni dopo è capitato che mi serviva dell’uva nera, per una foto. E andando dal fruttivendolo ho invece trovato l’uva fragola. Intascata quella, la sera però mi sono ritrovata con questo chilo di uva fragola di cui non sapevo cosa fare e così ho ripensato alla schiacciata…

En passant avevo notato qualche giorno prima di Stella di sale [3] aveva fatto una marmellata di more e rosmarino, un abbinamento visto qualche tempo prima anche da Alex [4], e che m’intrigava assai, sto rosmarino sui fruttini rossi, a contrastarne un pochino la dolcezza. Così, proprio al momento di preparare la focaccia, mi è tornato in mente anche il rosmarino (che poi li per lì mi faceva anche tanto ‘panini al ramerino’ che sempre toscani sono :-), insomma, il tempo di pensarlo che il rosmarino era già finito dentro al ripieno, insieme all’uva. Aggiungere a tutto ciò che in questo periodo di vendemmia (vabbe che di filari e vendemmiatori nel centro di roma se ne vedano poco, ma è nell’aria, si sente :-) mi piace l’idea dei dolci morbidi e conditi con il sugo della frutta matura – sissi, proprio quei cibi che minacciano di macchiare abbondantemente e indelibilmente la vostra tanto amata lacoste bianca :-P – e voilà, schiacciata con uva e rosmarino fu :-)

Schiacciata con uva fragola e rosmarino

(segendo la ricetta di marble [2] su cookaround)

uva fragola 1kg
farina 400g
zucchero di canna 150g
lievito di birra fresco 1 cubetto
rosmarino 1 rametto
olio d’oliva
sale

Sciogliere il lievito in un bicchiere di acqua tiepida. Versare lafarina nell’impastatrice, aggiungere 3 cucchiai di zucchero, una presa di sale e il lievito sciolto nell’acqua. Iniziare a impastare, aggiungendo man mano qb di acqua per ottenere un impasto omogeneo, poi aggiustando un po’ di farina in modo da arrivare alla giusta consistenza (liscia, elastica, non eccessivamente colloso ma neanche troppo compatto e asciutto – sennò diventa difficile lavorare l’impasto dopo). Impastare per 10 minuti poi coprire e lasciar lievitare per circa 1h30. Dopo questo tempo, prendere un foglio di carta forno, ungerlo con due cucchiai di olio d’oliva, staccare due terzi dall’impasto e stenderlo in un rettangolo (io l’ho fatto a mano, come se fosse una pizza, che non trovavo il mattarello…??!!!!). Lasciando libero un ordo di 5cm, disporre i due terzi dei chicchi d’uva (lavati, sgranati ecc) e il resto dello zucchero meno due cucchiai. Spolverare con il rismarino finemente fritato. Stendere ciò che avanza di impasto, coprirne l’uva e ripiegare i bordi del pezzo di sotto in su. Schiacciare bene la vostra opera con le mani in modo che l’uva sia un pochino schiacciata dentro e che i bordi aderiscano bene. Far scivolare la focaccia con la carta e tutto in una teglia poi sistemare ciò che avanza di uva in superficie, condire con altri due-tre cucchiai di olio e lo zucchero avanzato e infornare a 200° per 30-40 minuti o finché la siìuperficie sia dorata e la base cotta. Sfornare elasciare intiepidire o raffreddare prima di tagliare.

1 [5]