- Il Cavoletto di Bruxelles - https://www.cavolettodibruxelles.it -

In the mood for matcha

Questo rotolo qui l’ho fatto diverse volte negli ultimi tempi, e devo dire che è simpatica, la pasta genovese al matcha. In sostanza è un banalissimo impasto morbido che serve a fare ‘rotoli’ (che mi fanno tanto ‘merendina odiosa’, confesso :), solo che alla fin fine, tra l’aggiunta di matcha e la farcitura più o meno leggera, il rotolo risulta esotico, colorato, morbido e sopratutto, per una volta non si tratta di un dolce a tremilliardidicalorie allla mezza forchettata :) Versione più sana sperimentata fin qui è quella della foto, è anche la più semplice, basta spalmare la pasta cotta con della crema di fagioli azuki [1] (an o anko [2], a seconda che si omogeneizzata o meno, in sostanza sono semplicemente fagioli azuki ammoltati, boliti poi cotti a composta con un po’ di zucchero, si può acquistare tale quale, o prendere i fagioli dal Naturasì e fare da sé). A capodanno invece avevo fatto un rotolo un filino più opulente farcendolo con del mascarpone mantecato con lo stesso peso crema di castagne zuccherata aggiungendoci poi dentro anche un abbondante pugno di marrons glacés spezzettati, insomma, si può customizzare a piacere, senza dimenticare che il rotolo finale si può spenellare con un po’ di cioccolato bianco fuso (o un ganache di cioccolato bianco) e spolverare con del sesamo tanto per rimanere in tema… :))

Genovese al matcha

uova 4
farina 120g
zucchero 120g
matcha [3] da cucina 1 cucchiaio abbondante

Lavorare i tuorli, alla frusta, con lo zucchero, fino a ottenere un composto di color chiaro e bello cremoso. Setacciare la farina con il matcha e incorporare al composto di tuorli,otterrete un’impasto piuttosto compatto. Montaregli albumi a neve soda poi inporporarli ll’impasto in tre volte, usando una spatola e lavorando di basso in alto in modo da non smontare troppo gli albumi. Foderare una teglia da forno con un foglio di carta forno, versarci l’impasto distribuirlo con una spatola in uno strato uniforme alto non più di 1cm (mezzo cm va bene :). Infornare il tutto a 180° per 15/20 minuti, la pasta deve gonfiarsi un pochino e rapprendersi, non dorare. Sfornare e ricoprire per qualche minuto con un canovaccio umido, poi arrotolare e srotolare l’impasto un paio di volte con il canovaccio e la carta forna (serve giusto a non farlo irriggidire). Quando la genovese sarà a t° ambiente, spalmarlo con ciò che preferite, arrotolare di nuovo stringendo bene, e porre il tutto al fresco per un’oretta. Glassare o spolverare con dello ozucchero a velo, afettare e servire.

1 [4]