Dulce de leche copia & incolla

dulce_leche_ssl.jpg

Non ho resistito :-) C’è chi dice che il dulce di leche è la cosa più libidonosa al mondo, personalmente lo trovo un po’ troppo (è un eufemismo!) dolce però ecco, dopo un vecchio esperimento parigino di dulce fatto in casa con la scatoletta di latte concentrato zuccherato (senza aprirla, basta togliere l’etichetta e farla bollire immersa in acqua per circa 2 ore, risultato sorprendentemente simile al dulce che si compra in barattolo), non potevo non provare la ricetta di dulce di leche che Patrizia B, nostra commentatrice esperta ès cosas argentinas, ha lasciato qualche giorno fa, partendo non da scatolame vario ma dal latte fresco (che devo ddi’, è il mio lato ‘piccola chimica’ che ogni tanto prende il sopravvento… :-).

La ricetta, appunto, ve l’incollo:

ricetta_dulce_sll.jpg

Due tre note a margine:
– Il risultato, rispetto a come conoscevo il dulce di leche in barattolo, è troppo lento. Sarà per via di quella storia che se fai cuocere toppo l’insieme cristallizza, poco dopo aver visto apparire le ‘strisce’ in fondo (leggere la ricetta) alla pentola, ho spento tutto. E evidentemente poteva stare un altro pochino. A meno che ovviamente non si arrivi mai a una crema densa e spalmabile come quella industiale (o come quella che si fa col latte condensato..).
– La vaniglia poi forse non la aggiungerei, o comunque meno, il mio dulce sa moltissimissimo di vaniglia, è too much missà.
– Infine, se ci provate, prevedete una pentola capiente, essendo solo un litro di latte ho iniziato con una pentola media, solo che dopo l’aggiunta di bicarbonato il liquido si gonfia tantissimo (e ho dovuto cambiare pentola di corsa :-) Insomma, oggi workshop sul dulce di leche – chi ce l’ha altri suggerimenti, dritte e consigli per un risultato migliore? (non che fosse cattivo mo questo eh, non fraintendiamo :-))

Condividi :Share on Facebook5Tweet about this on Twitter0Google+0Pin on Pinterest6Email to someonePrint this page
0
  • http://www.atuttomicroonde.net Nina

    GUardate cosa ho trovato. Sul sito che offre un buon ricettario microonde, ho traovtola ricetta del dulce de leche al microonde:

    http://www.atuttomicroonde.net/dolci/dulce-de-leche-al-microonde/

  • Antonella

    adesso lo fanno anche in Italia come recensito dal Gastronauta Davide Paolini. Sul sito http://www.dulcedeleche.it si trovano anche delle ricette e la vera storia del dulce de leche (molto carina)

  • Andryx

    Il bicarbonato serve ad aumentare la formazione di schiuma e grazie ad essa il composto assume un aspetto e una consistenza più omogeneo, sopprattutto se si decide per una densità media, ossia quella ideale per essere gustato nella coppa. Il colore lo prende in parte dallo zucchero di canna e dalla reazione di Maillard, infatti si inscurisce sempre più man mano si procede con la cottura.

  • jillblu

    allora, io l’ho fatto un paio di volte e specie questa seconda volta è venuto ottimo… color nocciola, cremoso e denso, un po’ come una caramella mou spalmabile.
    non faccio niente di difficile. metto insieme:
    1 litro latte intero, 400 gr di zucchero, un pezzetto di baccello di vaniglia o anche un pizzico di vaniglina in polvere, mezzo cucchiaino scarso di bicarbonato.
    essenziale: tanto tanto tempo. io lavoro a casa in questo periodo. Non mescolo,non faccio bollire. Metto tutto insieme a fuoco BASSISSIMO e lascio anche 4 ore mescolando raramente, la marmellata cuoce e io lavoro. quando avrà un bel color nocciola è fatta, magari anche la prova piattino per sicurezza. Quindi, niente procedimenti strani e rimescolate. Solo tempo e fiamma bassissima.

    :)

  • Pingback: Dulce de leche 5×1 « Aggregatore ricette di cucina – Club Macal

  • Pingback: i migliori blog di cucina » Blog Archive » Dulce de leche 5×1

  • diana

    ..non so se vale: per evitare di girare, ho provato a fare il dulce de leche nella… macchina del pane
    :-)

    Nel mio esperimento avevo usato latte di soia (per amica intollerante al latte vaccino), il programma marmellata della macchinetta ha fatto il grosso del lavoro, io ho solo finito di addensare in un pentolino con il fondo spesso. Era uscita una cosa piuttosto gradevole dalla consistenza spalmabile. Anche nel mio caso, non avendo mai assaggiato l’originale non saprei quanto fosse venuto “giusto”…

  • Pingback: Matcha dulce de leche | il cavoletto di bruxelles

  • http://www.iquattrofiori.it Nicoletta

    Vi mando questa ricetta, di una cara amica toscana, il cui padre ha vissuto in Argentina da bambino e la ricetta è costruita sui fedeli ricordi del gusto di questo signore! Chiaramente ci son voluti svariati tentativi per arrivare a questa prelibatezza…dunque: 400 gr zucchero, 1 litro di latte,2 scatolini e mezzo di panna da cucina, 1 cucchiaino di bicarbonato….
    inizi facendo caramellare lo zucchero in una pentola antiaderente, meglio se larga e dal bordo alto, con poco latte – intanto fai scaldare il restante latte a cui avrai mescolato la panna, almeno quando lo aggiungerai al caramello sarà già caldo e risparmi un po’ di tempo… prima di aggiungerlo cmq, togli la pentola dal fuoco e aggiungi il bicarbonato nel caramello che sarà scuro e liquido.
    Una volta incorporato il latte, vedrai che il caramello ti si solidificherà tutto sul fondo della pentola: non ti allarmare che poi pian piano si scioglie. Non è poi necessario mescolare x 2 ore, basta di tanto in tanto, l’importante è trovare il giusto fuoco, perchè mantenga un leggero sobbollore.

  • Brigitta

    il dulce de leche l’ho conosciuto in giro per il sud america. tornata in italia l’ho cercato dappertutto e qualche volta l’ho trovato in erboristeria. Purtroppo non posso stare 2 ore davanti ai fornelli a girare per cui se qualcuno mi sa dire dove trovarlo le sarei grata

  • anita

    Ciao a tutti! Io sono Uruguaya ma vivo in Italia da ..tanto… Mia nonna faceva il dulce de leche in casa e lei era una cuoca straordinaria (roba da pasticcini bignè ed altri fatti da lei..) il dulce de leche, mi diceva, necessita di 1/2 cucchiaino di bicarbonato per dare al dulce il colore proprio di quello che no definiamo “mou”, cioè quel marroncino tenue che solo dall’aspetto ci invia il sapore sulla lingua… ciao a tutti e, mi complimento per quelle che hanno avuto la gioia di assaggiare gli alfajores.. un vero nettare degli dei!

  • http://sara-msn994@hotmail.fr happy new year

    ciao e veramente interessante questo argomento

  • mapu

    da argentina… il latte deve essere il migliore possibile, il piu grasso intero fresco e meglio crudo, il bicarbonato, si usa per dare il colore e serve solo un pizzico pizzico, la vaniglia quasi meglio non metterla, deve cucinare minimo 3 o 4 ore, e per non stare a girare in continuazione si usa mettere dentro la pentola delle biglie di vetro che durante la ebollizione si muovono e mescolano il tutto, non servono tante. dura tanto in frigo, al massimo si cristallizza lo zucchero. si pronuncia ‘dulse de lece’.

  • Serena

    E’ pronta… oddio è qualcosa di spettacolare!!! Per ora l’ho messa in un vasetto di vetro.

  • Serena

    come si pronuncia?

  • Serena

    mmhh.. com’è invitante!
    Ma questa crema va conservata in frigo? Dopo quanto tempo va a male?

  • Pingback: Confettura di latte [dulce de leche] · Commenta il cibo, postalo su commenti-cibo.com

  • dida70

    aiuto!!!stanotte ho provato a fare il dulce e forse l’ho fatto cuocere troppo!sta di fatto che ora nel vasetto c’è una grossa caramella mou che non si muove!io volevo fare gli alfajores ripieni di dulce per domani che è il mio onomastico e stupire tutti con questa prelibatezza!!!potete aiutarmi a salvarlo?vi prego!!!

  • http://www.pinkshine.caesarblog.com Pinkshine

    Ma l’hai avvelenate te o no la mela?

  • la strega di biancaneve

    @) Pinkecc. ecc. Grazie, ma io non mi sento per niente piccola piccola (anche perché non lo sono… perlomeno di età, urgh…)!!!!

  • http://www.pinkshine.caesarblog.com Pinkshine

    Scrivo qui per prendere un po’ le parti di Strega di Biancaneve (non della).
    Causa intolleranze non compro una cosa già pronta da quella che ormai mi sembra la notte dei tempi: mi faccio tutto da me. Per quanto possa definire fatta una me una cosa per la quale non mieto il mio grano (meravigliosamente coltivato ai bordi autostrade senza tracce di smog) nè mungo il latte della mia mucca di fattoria (andatevi a guardare che bella roba combinano con gli ogm ed il tanto acclamato parmigiano reggiano dop, doc ed altre cavolate che ci propinano per aumentare il prezzo).
    Ma diciamo che cmq è più genuino farsi le cose da soli..
    Premesso ciò, mi sembra abbastanza banale e scontato sostenere che se una torta te la fai da te è meglio della merendina del supermercato. Ciò non toglie che se ho voglia di una cavolo di merendina al volo mi mangio quella! Ora io non posso per i motivi già spiegati, ma per una persona, beata lei, sana, non mi sembra ‘sta grande eresia e peccato mortale..
    La nutella è chiaramente industriale, il latte condensato pure. Ciò che è industriale non è artigiale, ciò che è artigianale te lo “personalizzi”.. Direi che è ovvio e possiamo essere tutti d’accordo.. :D Ma quanti ogni giorno si fanno la pasta fresca fatta in casa? Quanti il pane? Quanti coltivano frutta e verdura ed allevano bestiame e trote? Purtroppo immagino pochi: le situazioni non sempre lo permettono.. Quindi mi chiedo: se una ragazza che non ha mai provato un dolce del genere e non ha la voglia, il tempo, le capacità (di mezzi od altro: mica siamo tutti chef :D nè abbiamo tutti parenti argentini svizzeri od altro (ma non era francese?) che hanno tramandato la ricetta o alla quale l’abbiamo vista fare) vuole sbrigarsela in 40 minuti ma perchè poverina farla sentire piccola, piccola solo perchè qualcun’altro si fa la crema di gianduia a casa? I miei complimenti ma povera strega: non l’avrà mica avvelenata lei biancaneve?! O forse sì :D??
    Strega diccela tutta!

  • lola

    Ha ragione Linda
    non è la stessa cosa , come per tutte le cose buone , bisogna mettersi d’impegno per ottenere un ottimo risultato, che poi ne vale la pena , a chi non va di farlo è ovvio che poi si accontenta della mediocrità.
    Brava Linda
    Da una argentina doc
    Baci

  • Ilaria

    Io zucchero ne metto ancora meno, 250gr più o meno, e lo metto di canna. Bicarbonato niente. Il risultato è una crema dalla consistenza spalmabile più chiara di quella in foto.

    Una domanda: quanto può durare in frigo? Lo so che molti di voi diranno che finisce subito…. ma per quanto possa sembrare una bestemmia da me se ne mangia pochissima per volta…. :-)

    Grazie
    Ilaria

  • patricia B.

    Allora, lo so che con questo dulce de leche non se ne può più, però ne dico l’ultima, ho fatto delle modifiche al dulce: invece di 1 chucchiaino di bicarbonato, ho messo 1/2 e invece di 280 g. zucchero ho messo 265, poi, ho usato un latte intero alta qualità.Il risultato e più chiaro (- bicarbonato e – zucchero) e di una consistenza fantastica, corposo ma vellutato, (forse merito del latte, anche se non so sia lo stesso che il latte normale…booh, chi lo sa?!). Grazie dei Vostri commenti, aiutano molto!! Buone notte a tutti|)
    Patricia

  • http://bressanini-lescienze.blogautore.espresso.repubblica.it/ Dario Bressanini

    Ciao

    Secondo me il bicarbonato viene aggiunto per evitare che durante la lunga bollitura il latte diventi troppo acido (e probabilmente aiuta anche a dare un bel colore bruno al Dulce de leche)
    E’ nella lista degli esperimenti culinari che vorrei fare :-)

    Quanto alla nutella, è forse l’unico prodotto industriale che gli artigiani tentano (inutilmente a mio parere) di riprodurre. Se ci pensare di solito è il contrario :-)
    La nutella avrà meno cacao della crema artigianale, meno nocciole della Novi, meno X della Y, avrà dei grassi vegetali dentro, tutto quello che volete, ma la sua spalmabilità non la batte nessuno. E’ il giusto mix.

    ciao Dario

  • http://www.sostantivofemminile.splinder.com godenda

    agh! ho provato a farla ieri. solo che non mi ricordavo la tua ricetta ed ho copiato le istruzioni di un libro di cucina ed il risultato è che io ho cotto troppo.
    la pentola è diventata il contenitore di una caramella mou (ma dura!) :)

  • Valeria

    non so se qualcuno abbia già provato la ricetta della Nutella (quella del link più sopra, per intenderci); io l’ho fatta un paio di giorni fa: non male, ci vuole un pò di attenzione per non tostare troppo le nocciole, ma soprattutto bisogna usare le zucchero a velo, perchè il semolato non si amalgama con il resto degli ngredienti, con il risultato di essere una cosa a metà fra la Nutella (vabbè, con un pò di fantasia) ed il cioccolato di Modica. Alternative?

  • http://www.aedo.it Manuele

    non è pericoloso mettere il barattolo chiuso del latte condensato nella pentola a pressione? Mi chiedo :)

  • http://www.lamblab.it Daniela

    sì sì è già in frigo… mi faccio la mai dose due volte al giorno ;)
    la prossima volta provo gli alfajores! Buona Domenica anche a te!

  • patricia B.

    @Daniela: ma figurati!! un piacere!!, mettilo in frigo e sarà ancora meglio.
    Buona Domenica:)
    Patricia

  • http://www.lamblab.it Daniela

    L’h fatto con la ricetta di Patricia B ed è venuto perfetto: proprio come l’originale!! Grazie Patricia!!!

  • orty

    l’ho fatto con la pentola a pressione partendo da latte condensato già zuccherato: colore e consistenza sono quelli del mou ma il sapore è vagamente “formaggioso”… perchè?? qualcun altro ci ha provato??

  • http://semidipapavero.splinder mamma3

    Vedi quanti commenti raccoglie questa delizia!? Non poteva mancare il mio, sto raccogliendo tutte le versioni del dulce de leche e tutti i suggerimenti, i tuoi sono preziosi!! Elga

  • patata

    @sigrid
    Se non provi non sai…
    Scusa l’irruenza dell’entrèe, prometto che le “portate” successive saranno più soft :-)
    E’ che certi giorni girano più del solito, quando ad esempio alla cassa tuo figlio vede l’espositore degli ovetti kinder e…
    Comunque la nutella è una schifezza a prescindere.

  • http://orienteciboelibri.blogspot.com Laura

    Il dulce de leche io lo mangio al ristorante argentino in una strepitosa millefoglie con panna e fragole oppure sopra i pancake…una roba che ti viene il diabete solo a pensarci. Ma l’ho sempre comprato belle che fatto…magari proverò a farlo da me sperando che non si attacchi alla pentola! Invece possiamo tornare un secondo sul discorso della ricetta della Nutella artigianale?? ;-)

  • http://pewalkabout.wordpress.com/ Pesca

    emh, sorry, vedo che il segreto delle biglie era già stato svelato…

  • http://pewalkabout.wordpress.com/ Pesca

    Io ho un segreto per preparare in tranquillità il dulce de leche che mi è stato insegnato da un amico argentino.
    Durante la cottura, per non stare a mescolare di continuo (ed evitare che il composto si gonfi troppo) basta mettere nella pentola due biglie di vetro. Furbo, no?

    Ciao a tutti e soprattutto al mitico cavoletto.

  • http://www.illustrazione.ch Anto

    @Cristallina Figurati. Mi fa molto piacere. Ho dimenticato di specificare che ne vengono ca. 70 pezzi quindi attenzione al pancino!!

  • Cristallina

    Anto TI A-M-O!
    E’ da secoli che cerco la ricetta delle caramelle mou che mi faceva mia nonna Vreni quando ero piccola!!!
    Visti gli ingredienti (ricordavo burro e latte condensato) sembra proprio questa!!!
    Grazieeeee
    Cristina

  • http://www.illustrazione.ch Anto

    Le caramella muo sono una ricetta tradizionale svizzera e sono chiamate, a seconda della regione, Nidletäfeli o Karamel Zältli. La ricetta vera è questa:4dl di panna (da montare), 1,5 dl di latte condensato zuccherato, 70 g di burro, 500 g di zucchero. Si mettono tutti gli ingredienti in una pentola sul fuoco a temperatura media per ca. 1 ora. fino ad ottenere una massa dorata e densa. Mescolare spesso. Versare la massa su una teglia passata sotto l’acqua fredda e lasciar raffreddare fino a quando, toccandola con un dito, la massa non cede. Bagnare un coltello sotto l’acqua fredda e tagliare a quadratini o rombi. (Perdonate l’italiano ma ho fatto una traduzione volante dal tedesco..) ;-)

  • http://www.cavolettodibruxelles.it/ Sigrid

    @ manuele: devo provaaaaareeeeee… :-))

    @roby: eddaaaaaai, la ceretta mo’!!! ;-DD

    @orty: esattamente, è una pera cruda, sbucciata e lasciata intera, avvolta in striscioline di pasta sfoglia poi cotta al forno. Davvero tutto qui! :-)
    ps: ma sai che ci avevo pure pensato, alla pentola a pressione?! solo che avevo paura di non azzeccare il momento giusto in cui fermare la cottura… :-)

    @luvaz: dunque, si chiama dulce di leche ed è in sostanza una marmellata di latte, solo che apunto come consistenza dovrebbe essere un pochino più vicina alla nutella che non al caramello. Comunque, è una crema che si spalma (laddove abbiate voglia di spalmarla, che viddevvo ddi’ :-)))

    @simona: ma infatti lo penso pure io che gran parte dello ‘charme’ della nutella sta nel fatto che sia una ‘cosa d’infanzia’, siccome io invece sono cresciuta ad ovomaltina e marmellata, beh, la nutella non mi dice nulla :-DD

    @patricia B: grazie :-) In realtà, non credo che le mie cose siano tanto simili a quelle di Beatrice che ha un notevole pallino per lo styling e tende ad ‘arredare’ molto di più le sue foto. Con risultati bellissimi, sia chiaro, è solo che io su quello sono molto più minimal, mi pare :-)
    Comunque, i miei fotografi preferiti, sempre in tema cibo, sono senz’altro Con Poulos, Mikkel Vang, Isabelle Rosenbaum e Akiko Ida, se guardi nella pagina ‘links’ del blog, sotto ‘fotografia’, li trovi tutti, e anche altri :-)

    @kiara & daziano: eh infatti, è quello che dicevo pure io, che era liquido e diverso, per il colore, il sapore è abbastanza simile, da come lo conoscevo io. Devo dire pero che mo’ che il dulce ha passato la nottata al frigo si è seriamente rappreso :-)

    @patata: eh infatti… La crema noi non l’ho mai assaggiata però, quasi quasi, per curiosità… :-)

  • http://www.aedo.it Manuele

    Mah, dunque… per il Mou, 200gr di zucchero e 200 di panna… (è il rapporto che conta, ma siccome sono goloso, meglio abbondare… :) )

    fai caramellare lo zucchero sul fuoco, nel frattempo scaldi la panna e quando vedi che lo zucchero ha preso un colore ambrato, versi la panna nel recipiente dove cuoce lo zucchero e giri, giri, giri… per 2-3 minuti, deve prendere il colore delle famose caramelle, poi togli dal fuoco, continui a girare per qualche minuto e lasci raffreddare. Viene più simile al Dulce De Leche che al Mou, però è molto molto denso e il sapore di latte è + pungente.

    ATTENZIONE: la panna quando viene scaldata fa le bolle e aumenta di volume…

  • http://finalmentedomenica.blogspot.com Robiciattola

    @ la strega
    :) già

    @ eli
    Visto visto… tutto quel caramello per fare la ceretta!!! Tra l’altro, secondo me, fa malissimo, dev’essere una cosa/composto di tradizione che però non è proprio ad hoc per la pelle. secondo me strappa un mucchio!
    che dolore! Possiamo provare con dulce de leche!
    :)

    r

  • http://www.giovannacaramelle.blogspot.com Giovanna

    io lo faccio sempre con la scatoletta di latte condensato (non ricordo la marca), sono d’accordo con la strega di biancaneve, se il risultato è buono perche complicarsi la vita? se trovate la ricetta perfetta della crema di nocciole fatemi sapere.. io intanto continuo a mangiare la nutella

  • orty

    @Sigrid: bellissimo il sito con le foto! in particolare c’e’ una pera avvolta in qualcosa (sfoglia?) che e’ particolarmente interessante (bella e appetitosa): non e’ che si potrebbe avere qualche dettaglio in piu’, tipo la ricetta???

  • Cristallina

    Per chi mastica un pò l’inglese su questo blog ho trovato un paio di ricette x la homemade Nutella:
    http://www.sugoodsweets.com/blog/2005/12/nutella/

    (a parer mio la nutella è una gran porcata, basta leggere gli ingredienti x l’appunto, ma è anche gran buona!:)

  • http://luvaz-tuttihannoilblog.blogspot.com luvaz

    scusate l’ignoranza, ma che è sta prova della marmellata nel piatto? non l’ho mai mangiato perciò mi chiedo cos’è quella colatura del bicchiere nella foto di sigrid…marmellata, dulce de leche o caramello? Scusate di nuovo, ma mi sento un pò confusa!
    p.s. Non so perchè ma il dolce di latte mi ricorda il bianco mangiare, c’è una somiglianza????

  • Simona

    Ed entro nel discorso un po’ a cavoletto, come si dice… forse dovremmo cominciare a separare il concetto di “sapore antico” della Nutella, che ci ricorda la nostra infanzia, la mamma che quando era in buona comprava il barattolino e ci dava la fetta di pane spalmata.
    Industriale è quel prodotto che dove lo compri lo compri, il sapore non cambia mai.
    Mai stati a Londra, a Parigi, a Roma? L’odore di Mac Donald è sempre lo stesso.
    Buondì a tutti.

  • eli

    @robiciattola
    hai visto il film caramel?

  • la strega di biancaneve

    @) Robi: che telepatia!!!!!

  • la strega di biancaneve

    @capoccionenelpentolino.. la ceretta di robi non credo proprio si riferisse alla nutella bensì al blob della foto ;-)))!
    @ a tutti i detrattori della nutella: la nutella non è solo un alimento, è un mito, un culto e un rito indipendentemente dalle schifezze che ci sono dentro e i fedeli seguaci lo sanno bene! Tutte le altre saranno ottime creme al cioccolato ma non saranno MAI nutella!
    Ecco.
    baci mattutini

  • http://finalmentedomenica.blogspot.com Robiciattola

    @ Capolinodalpentolino
    Ma io intendevo quello nella foto!
    No, la nutella non sembra affatto ceretta, ma questo dulce de leche, si!
    :)

    @ Sigrid
    Sito ottimo, direi. Le foto scorrrono e sono fantasticamente divise in modo logico!
    WOWOW

    r

  • http://noisette-et-renard.over-blog.com/ noisette

    Salut Sigrid ! Variante à ton expérimentation parisienne, que m’a livrée une copine portugaise : mettre la boîte de lait concentré sucré dans une machine à 90°… résultat garanti ! Un endroit où manger des crêpes au dulce de leche à Bruxelles : Mi-Tango (http://www.resto.be/ware/details.jsp?businessid=5039)

  • patricia B.

    @Sigrid: Sito nuovo!!! ma complimenti!!! adoro le tue foto, mi sembra di vedere lo stile di Petrina o meglio, Beatrice Peltre. Qual è il tuo fotografo preferito? non solo di cibo… Complimenti di nuovo. Adesso si capisce perche tanto occupata….
    Vado a svegliare i bimbi. Buona giornata a tutti,
    Patricia

  • http://deleted capolinodalpentolino

    @robi

    ..ma che linciaggio? ..al massimo ti si sculaccia…. ma sai cosa vuol dire per un piemontese insultargli la nutella, dandole della ceretta? … a casa mia la nutella non era permessa, come topolino prima e diabolik dopo… per cui sia la nutella che topolino.. e piu’ tardi diabolik io me li amdavo a prendere da mio cugino e mia zia che erano di vedute piu’ aperte, il sabato e domenica quando s’andava tutti in campagna… ed e’ rimasta una delle cose dolci della mia infanzia come le pere cotte nel vino e poi caramellate, le pesche ripiene e le paste (le bignole) di galup, a pinerolo….

    …comunque anche le cere hanno i loro pregi.. mai mangiato il miele vergine con ancora i granuli di polline, propoli e cera? ..forse batte la nutella e il dulce de leche.. ;-P

  • kiara

    Ha ragione Daziano… nella foto sembra troppo scuro e troppo liquido… sarà che ora ho più tempo ma il dulce de leche continuo a farlo alla vecchia maniera… rigirando il latte, lo zucchero, il bacello e bicarbonato alla vecchia maniera… girando con il cucchiaio di legno prima di tanto in tanto e alla fine senza sosta… il colore finale è nocciola ed è denso da spalmare…ma ovviamente sono gusti… recuperai la ricetta qualche anno fa’ in un forum… ancora oggi, quando lo faccio, ringrazio Mimma per la ricetta…
    Adesso vi voglio fare un regalo: ho scoperto questo sito http://www.marchecommerciali.it … io che sono una che spende quintalate di soldi per il cibo, penso che comincerò a farmi più furba!

  • http://www.italialicious.blogspot.com/ Daziano

    Mi scusi, cara Sigrid. Infatti il colore e troppo scuro e la consistenza troppo liquida… mi sembra piu del caramello…

    Il dulce de leche in Argentina e nel Cile si utilizza tanto. Si tratta infatti dell’ingrediente piu amato nella pasticceria del Cono Sud (Uruguay, Argentina e Cile). Si mangia freddo proprio come la crema pasticciera, ma anche tiepido per accompagnare gelati. Va anche tiepido per farcire le crespelle (panqueques celestinos nel Cile)… troppo buone!

  • Alessandra

    Ciao, ho una sorella che vive in Brasile da quasi vent’anni, che ogni tanto vado a trovare. Lì lo chiamano dulce de leite (è portoghese) e, come in gran parte dell’America latina, è molto “mangiato”. Qualcuno chiedeva con cosa. Lo mettono sul gelato, sulle torte, sul pane…lo mangiano anche a cucchiaiate da solo (i più golosi!), oppure anche sui formaggi freschi, che in effetti è un ottimo abbinamento. Come noi li accompagniamo a marmellate o mostarde. Qui da noi volendo lo si trova, mi sembra che anche al supermercato ci sia il “muccarella” o qualcosa del genere. Io, però, me lo faccio ogni tanto facendo bollire la lattina per 40 minuti. E’ facile, il problema è che sa sempre un po’ troppo di latte codensato, perciò credo tenterò qualche ricetta letta qua. Magari aggiungendo altri ingredienti. In Brasile e probabilmente anche altrove se ne trovano con frutta secca, tipo prugne o albicocche, oppure con vari tipi di noci. Sono deliziosi!

  • http://finalmentedomenica.blogspot.com Robiciattola

    mi linciate se lo dico? NNOOOOOO!
    MA SEMBRA CERETTA!!!!!!!!!!!!!
    :)

  • annina

    Non avevo mai pensato di fare la nutella in casa! E proprio perchè sono troppo una golosa curiosa che chiedo a cinzia, rossella e a chi ci ha provato/è riuscito : come si fa?? Mi è venuta voglia di tentarci anch’io…!

  • patata

    E’ il mio primo intervento per cui saluto tutti.
    In realtà è parecchio che leggo e avrei continuato a stare alla finestra se non si fosse tirata in ballo la Nutella.
    Credo che un palato un minimo educato non possa non capire quanto è cattiva. Se poi non ci si arriva con gusto, allora basta leggere gli ingredienti:
    zucchero, oli vegetali, nocciole (13%), cacao magro, latte scremato in polvere (5%), lattosio, siero del latte in polvere, emulsionante: lecitina di soia, aromi
    Quindi oltre allo zucchero l’ingrediente principale sono meglio non specificati “oli vegetali”.
    Sono proprio questi oli vegetali che ne fanno un prodotto ruffiano al palato, oltre che economico.
    E non è questione di industriale o meno, non sono contro i prodotti industriali a priori. Un prodotto analogo come la Crema Novi, pur se anch’esso industriale è, a mio avviso un buon prodotto, basta guardare gli ingredienti:
    nocciole (45%), zucchero, cacao magro (9%), latte scremato in polvere (5%), burro di cacao, emulsionante lecitina, aromi
    Credo non cia bisogno di commenti.

  • http://deleted capolinodalpentolino

    @alemu

    ..si potrebbe sempre conservare la nutella fatta in casa in un barattolo, magari il piu’ grande, usato, dove ci sia stata la stessa commerciale… cosi’ ricicli, sai che caspita c’hai messo dentro e non ti togli il piacere di ‘pucciare’, che come torinese gianduioso, capisco profondamente… le muffe non sarebbero un problema, perche’ la nutella fatta in casa non sopravviverebbe cosi’ a lungo….

  • http://viaggiodiluna.splinder.com/ Alemu

    la nutella è molto meno industriale di quanto si pensi.. io abito abbastanza vicino alla ferrero (30 km) e so per certo che, a parte i controlli rigorosissimi ecc ecc, in tutte queste preparazioni gli ingredienti “sono quelli”! ad esempio in zona fanno loro il prezzo delle nocciole di cortemilia (tonda delle langhe). ed accanto allo stabilimento il profumo di nocciole tostate si fa insostenibile. poi ovvio, un minimo di conservanti credo siano obbligatori per evitare muffe varie, ma che c’è di più delizioso del “pucciare” il cucchiaino nel barattolo? :)

  • http://bretzeletcafecreme.blogspot.com/ Flo Bretzel

    A tester pour changer du caramel au beurre salé!

  • capolinodalpentolino

    …sigriiiiiiiiiiiiid!…

    ….il dulce de leche lo faro’ perche’ me ne innamorai dopo essere stato in argentina……
    … a questo punto, pero’.. un suggerimento ovvio…..

    …LA NUTELLA FATTA IN CASA DOVE LA METTIAMO..???

    ..estesa ricerca su diversi motori internet ha dato esiti negativi .. non c’e’ nessuna ricetta, ne’ dell’ originale, ne’ di imitazioni…

    ..gia’ siamo tutti sigrid-addicts.. se ci dessi anche la nutella incominceremo a costruire piccoli altari in cucina a santa cavoletta… il tappo bianco possiamo sempre aggiungerlo dopo….

    baci nocciolatosi….

  • http://pasticcincucina.iobloggo.com vanusia

    io ho fatto il dulce di leche con la ricetta postata qui http://pasticcincucina.iobloggo.com/archive.php?eid=6
    e la consistenza è un po come quella della nutella, ne sono rimasta abbastanza soddisfatta anche se voglio provare ad usare il latte condensato.

    Non so cosa mi fa venire di più l’acquolina in bocca, se le tue foto o le tue ricette, complimenti!

  • orty

    a qualcuno sembrera’ poco ortodosso pero’ pare che con la pentola a pressione sia una passeggiata… http://forum.alfemminile.com/forum/F179/__f1330_r3761_F179-dulce-de-leche-dolce-di-latte.html

  • http://www.lamblab.it Daniela

    @Derfel anche io avevo questa versione con l’amido ma senza bicarbonato e, come raccontato a Patricia, ho ottenuto solo una grossa caramella dura! proverò la sua ricetta :-)

  • Derfel

    Per il dulce de leche io aggiungo un piccolo elemento, faccio andare il latte con uno/due cucchiani di amido di mais per redenrlo un pò più denso ed elastico e dopo 2 minuti circa aggiungo lo zucchero e infine il bicarbonato!

  • Donatella

    @Giù: Tricatel a te!
    @La strega di biancaneve: va be’ che sei una strega, ma fai uno sforzo dai, la Nestlé è una delle multinazionali più cattive del mondo, se non LA più cattiva del mondo…

  • Barbara

    Il dulche de leche va assolutamente sul gelato al fiordilatte… che poi è una ricetta utilizzata anche dai famosi Haagen-dazs (www.haagen-dazs.com/products/product.aspx?id=73). Ciao da una new entry

  • http://lefrancbuveur.blogspot.com lefrancbuveur

    Sigrid, c’è qualcosa di belga sul mio blog, vai a dare un’occhiata:

    lefrancbuveur.blogspot.com

  • http://noncelho francy

    ancora nn sn iscritta, ma sn fedele da almeno un annetto al cavoletto… e… ho fatto tesoro di molte molte molte ricette… e la dulce l’ho fatta anch’io una volta perchè la adoro, ed è venuta meravigliosa, solo che è finita subito, senza vaniglia, e… siccome sn amantissima della nutella, pls potreste darmi la ricetta di quella fatta in casa, che in un accesso di pazzia potrei anche mettermi a fare? (per la gioia di mio marito che adora quando faccio queste cose, pane etc… essendo cresciuto all’oscuro dell’esistenza dei surgelati e affini)

  • patricia B.

    @Sigrid, ma come sei caariinnaaaa!!! l’ho hai fatto!!!, cercavo da te i falafel da fare domani e …gran bella foto!!!; comunque il dulce de leche E’ un pò troppo ma vedo dalla foto che è venuto bene, se lo metti in frigo dentro un barattolo chiuso, in 3-4 ore dovrebbe avere la consistenza giusta, tienilo là in atesa de los alfajores, (quando vuoi la ricetta me lo dici) così lo provi nel modo più giusto.
    Proprio l’altro giorno ho fatto il dulce senza bicarbonato ( per provare ad eliminare dell’aria all’interno), ed è venuto consistente (quasi duro) ma di un color beige e comunque, non buono come quello da ricetta, insomma, ci vuole.
    Invece los polverones (credo che si chiamino polvorones, ma ormai la mia memoria è in calo…) sono una specie di biscottone, sempre rotondo ma di 2 cm di spessore (alfajores 4 mm) glassato e spolverato con zucchero a velo, infatti (da qui il nome) fa un polverone di zucchero quando lo mordi (cosa alquanto impegnativa, mai mangiarli con il dolcevita nero…), si fanno con le mandorle e con le noci se non ricordo male, mah… a me non piacevano.
    Riguardo la nutella, condivido quello che dici tu, l’ho assaggiata a Torino da una signora che la fa in modo artigianale con nocciole del piemonte ecc, E’ UN ALTRO MONDO!!!
    ciao cara, buon lavoro!!
    @Rossella: sei un mito!!
    Saluti a tutti
    Patricia
    p.s. Sigrid: secondo te ci vuole proprio il termometro per fare i macaron oppure esiste una ricetta che non lo utilizza?? sarà il mio prossimo intento…

  • Cri

    Sigrid, ma tu leggi nel pensiero?? Quando ho trovato il blog a ottobre cercando la ricetta della torta di zucca, sono rimasta folgorata dal post sulla ratatouille di Ratatouille…che appunto mi ero chiesta come si facesse! E ieri, leggendo il post di Patricia B. sugli alfajores con il dulce de leche mi è venuta voglia di cercare una ricetta per farlo in casa e riempirci i biscottini…ed eccola qua!

    La ricetta della mou, la voglio ASSOLUTAMENTE!Io adoro le caramelle mou…e poi l’immagine amarcord di Cristallina con i nipotini che guardano la nonna fare le mou sul piano di marmo è bellissima e “dolcissima”

    Neanche io sono amante della Nutella…

  • rondinella

    p.s. leggo che il dulce de leche industriale lo lo bollivi scatola e tutto: non ti consiglio di bollire la pasta d’acciughe

  • rondinella

    @sigrid: la pasta d’acciughe marca triglia è come il dulce de leche della nestlè. Solo che in questo caso si maltrattano delle acciughe e poi si mettono in tubetto, che poi si strizza. Se sei un tipo distratto ti può succedere, magari al ritorno dal mare, che la scambi per dentifricio e ti ci lavi i denti…ma anche in quel caso la preferisco al dulce de leche!!!!!!!:-(

  • silvia

    non pensavo ci fosse qualcuno a cui non piace la nutella, io la trovo semplicemente divina…sarà industrialissima ma il suo gusto è unico ed è buona per questo. ciaoo

  • Cristallina

    sì anch’io voglio la ricetta del mou!! ^_^
    Quando ero piccolina mia nonna (sfizera!) lo faceva. Ma non ricordo gli ingredienti, ricordo solo il latte condensato e il burro forse…. e poi il momento che lo versava su un bancone di marmo a raffreddare. Poi una volta indurito lo tagliava a quadrotti e… voilà delle ottime caramelle per nipotini voraci!
    Erano squisite!!

  • http://www.cavolettodibruxelles.it/ Sigrid

    @strega: capisco, io l’ho pero voluto fare col latte inanzitutto per vedere come si ‘creava’ sta cosa marmellatosa, eppoi perché in effeti col latte fresco, per forza, ha un altro sapore e per di più sai abbastanza precisamente cosi ci metti dentro (hum, vabbe :-). La nutella invece, a parte che mi piace ancora meno dal dulce, ma proprio tanto meno, mi sembra una cosa industrialissima, pure a me è capitato, non di farla ma di assaggiare una crema cioccolato e nocciola artigianale, è un’altro mondo, infinitamentepiù buono pure :-) (ma vabbe, so’ gusti :-)

    @linda & rossella: grazie! non mi resta che… rifala?! :-)

    @isabella: vado a vedere!!! ;-)

    @biscotto: bah, no, io non la vedo così :-) Cioè, non credo sia questione di scimiottare nessuno, certo, il tempo è spesso un problema (per dire, io sta cosa qui sono stata a girarla fra le 22h30 e le 00h30, circa, andando dal computer alla pentola e dalla pentola al computer, ma in finis, e vale un po’ per tutto, anche per cose laboriose come croissants & co, se puoi anche le cose complicate sono belle da fare, un po’ perché ci impari, un po’ perché è divertente, un po’ perché comunque ciò che si fa in casa, semplice o complicato che sia, ha un sapore del tutto diverso (e nel caso del croissant, beh, quello fatto da se di certo non è il miglior croissant di parigino ma è parecchio più buono – e sano – del 90% dei cornetti romani fatti da ‘professionisti della professione’, ahum :-P)

    @rondinella: pasta d’acciuga marca triglia? e che è?? :-)

    @manuela: me la dai la ricettaaaa????? :-D

  • http://saleepepequantobasta.blogspot.com CoCò

    A proposito di “fatiche” in casa ho appena postato una crema golosa http://saleepepequantobasta.blogspot.com/2008/03/piccoli-cucchiai-golosi.html
    ovvero una crema al cioccolato da mangiare a cucchiaiate, trovo speciale farsi queste cosine in casa e poi è come un piccolo miracolo quando da un prodotto ne ottieni un altro semplicemente cuocendo e mescolando

  • http://www.aedo.it Manuele

    Il Mou si fa allo stesso modo, ma usando la panna al posto del latte, viene molto più denso e se lo lasci in frigo diventa proprio de legno :)

  • la strega di biancaneve

    mi pare che come la suddetta nutella sto dulce de nestlé ognuno se lo spalma dove più gli piace…

  • Linda

    @dana: io non so a cosa serve il bicarbonato ma quella volta la mia prof argentina si era tanto raccomandata di metterlo,boh forse fa qualche reazione per cui si addensa
    @benedetta: viene di quel colore un pò alla volta e credo dipenda dal fatto che lo zucchero si trasforma in caramello.

    ps: a me piace da morire spalmato sui crackers salati in superficie..fa un pò di contrasto ma è delizioso

  • Concy

    Adoro il dulce de leche negli alfajores… Da solo mi dice poco o nulla, ne ho un vasetto in frigo, stasera mi sa che finisce tutto in muffins!

  • rondinella

    …il dulce de leche mi fa accapponare la pelle e legare i denti solo al pensiero…poi mi ricorda qualcosa del film Bulli & Pupe e questo peggiora la faccenda…poi nel portaoggetti qui davanti ho solo caramelle alla menta…avreste mica sottomano una ricetta con la pasta d’acciughe marca Triglia?

  • benedetta

    scusatemi due domande:
    1 come fa a venire di quel colore?
    2 per baccello di semini di vaniglia si intende la stecca?
    grazie

  • Dana

    Il dulce de leche, che a casa mia si e’ sempre chiamato “marmellata di mou”, perche’ mia madre e mia zia chissa’ dove pescarono la ricetta, io l’ho sempre fatto solo con latte e zucchero, senza bicarbonato ne’ vaniglia. Non so a cosa possa servire, il bicarbonato, anzi ve lo chiedo: a cosa serve l’aggiunta del bicarbonato??
    Il perche’ farselo partendo dal latte fresco anziche’ dalla lattina di latte condensato, sta tutto nel sapore: quello con la lattina e’ buonissimo, ma non c’e’ paragone con quello fatto a partire dal fresco, che secondo me e’ molto piu’ buono.

  • luci67

    @biscotto all’amarena ma sei wonder women?

  • la strega di biancaneve

    Gulp!!!! qua si scoprono un sacco di plagiatori clandestini di nutella…!!!!

  • http://raidnevegan.blogspot.com Raidne

    @ la strega di biancaneve: Io! io! io! ho fatto la nutella in casa!!! Vegan però vale lo stesso!?!?!? Ho fatto anche il latte di riso in casa (più economico e so quello che c’è dentro!!!)

  • biscotto all’amarena

    Secondo me dipende se il gioco vale la candela. Mi spiego: se quel piatto ti piace da impazzire e fatto in casa non è solo più salutare ma molto più buono del prodotto bell’e fatto allora (e ve lo dice una donna con marito+ figli + lavoro a tempo pieno 6 gg su 7 e niente domestica) riesci a scovare , ogni tanto, anche le ore necessarie a prepararlo. Poi ci sono cose che è meglio lasciar fare agli specialisti (magari artigiani), che richiedono un sacco di fatica di tempo e un attrezzatura “professionale” e quindi fatti in casa non ti riusciranno mai così buoni. Perchè rinunciare ai tantissimi pregi della cucina casalinga, un’arte sopraffina con cui si tramandano le ricette delle ns. ave , che ti permette di improvvisare, inventare, magari in poco tempo, meravigliosi e sani piatti con quello che ci ritroviamo in dispensa/frigo? Trovo stupido tentare di scimmiottare chef e pasticcieri professionisti

  • isabella

    caro cavoletto, stavolta non hai consultato la regina del dulce de leche: daniela di calmeetcacao.blogspot.com.
    vai a farti un giro.
    tua affezionatissima fan

  • luci67

    @cinzia hai ragione da vendere……è che il tempo certe volte manca proprio!

  • rossella

    beh, lei (la pallina) gira sul fondo, impedendo che il latte si attacchi, e considerando che i tempi di cottora si aggirano tra 1 e 2 ore…
    (ovviamente funziona solo con una marmellta il cui ingrediente primario e così liquido, ovvero, credo, solo questa).
    e poi sì, ovviamente a fine cottura va tolta….
    :-)

  • http://www.corsogourmand.blogspot.com Marina

    Io il dulce de leche lo adoro, anche se effettivamente non ho mai provato a farlo perché la preparazione mi ha sempre un po’ scoraggiato…
    mangio una cucchiaiata virtuale del tuo!;-)
    Marina

  • licia

    scusa ma che ci fai con la pallina di vetro non capisco…. anch’io ho fatto il dulce de leche
    (con il latte fresco)e mia madre che è la mia cavia, si è leccata i baffi……

  • rossella

    esattamente, una confettura di latte: ognuno fa la marmellata con quello che ha più a disposizione, credo, tipo noi le arance gli argentini le mucche…loro la usano nelle torte o negli alfajoeres de maicena (ne ha parlato patricia b. qualche gg fa), oppure con la banana tagliata a pezzi (sigrid sviene…)

  • eli

    Rossella grazie, mi hai già risposto tu, o meglio la suocera.

  • eli

    Scusate l’ignoranza, ma il dulce de leche, come si mangia? Freddo? Che consistenza deve avere?
    E’ una salsa alla quale possiamo abbinare, chessò, frutta o altro? Mi sembra una confettura di latte…
    l’idea però mi stuzzica!

  • rossella

    io!… ci sto lavorando (alla nutella in casa, ed un esperimento dopo l’altro stanno pure uscendo cose interessati…).
    per quanto riguarda il dulce, questa la mia ricetta (anzi, di mia “suocera”, original argentina):
    INGREDIENTES
    4 litros de leche (de vaca)
    1 kilogramo de azucar (blanca)
    1/2 cucharadita de bicarbonato de sodio (da color y espesa el dulce)
    Esencia de vainilla (poco)

    Colocar todos los ingredientes en un recipiente grande, preferentemente de cobre o aluminio, y cocinarlo con fuego fuerte, revolviendo con cuchara de madera para que no se pegue.
    Cuando tome color (marron claro) y este espesandose se baja el fuego al minimo y se sigue cocinando, tomando la precaucion de revolverlo de vez en cuando para que no se queme y no se pegue. Una vez que este a punto ( no corre) se retira del fuego.
    Se coloca el recipiente sobre agua fria y se continua revolviendo un rato, esto hace que el dulce espese mas aun.
    Dejar enfriar, y una vez frio se puede almacenar en frascos de vidrio con tapa y se puede guardar en la heladera.
    Puede utilizarse para relleno de tortas o crepes, acompañar flanes o ensaladas de fruta o bien comerlo solo si se es muy goloso.

    Anche a me è venuto un po’ lento, ma credo che sia solo una questione di “occhio” con la cottura….per quanto riguarda il mescolare…beh, io uso un trucco di almeno tre generazioni argentine fa: biglia di vetro (assolutamente solo vetro, niente cosette colorate dentro) nella marmellata, dall’inizio alla fine. e qualche volta una giratina a mano!
    ciao!

  • cinzia

    ciao, beh si, io la nutella quando mi va e posso me la faccio in casa. Sono affezionata al gusto della nutella “doc” e la compro anche qualche volta, ma ti garantisco che si fa in casa una ottima crema al cioccolato e nocciole che certamente ha un sapore più artigianale e non ha conservanti, addensanti, coloranti…. continuo? tanta simpatia a tutte

  • luci67

    la nutella fatta in casa? e dova la metti l’importanza del barattolo….l’apertura della capsula bianca…..e poi quella pellicolina argentata che mentre la togli già ti lecchi i baffi!

  • http://lagolosastra.blogspot.com/ cricri

    ehem… io ho provato a fare la nutella in casa. Giuro, non lo farò mai più… (però poi me la sono mangiata tutta…)

  • la strega di biancaneve

    che c’entra? io non sono né per le marche né per i prodotti industriali/surgelati ma per certi prodotti non mi verrebbe mai in mente di farli in casa (poi certo dipende anche dal tempo che uno ha a disposizione). Qualcuno ha mai fatto la nutella in casa???

  • Linda

    IO LO FACCIO SPESSO!La ricetta me l’ha data la prof argentina all’università.Non ci metto la vaniglia metto 3/3 di latte e 1/3 di zucchero..le parti le faccio con bicchiere del frullatore a seconda di quanto voglio farne. Quando bolle aggiungo il cucchiaino di bicarbonato ma fin dall’inizio uso una pentola alta e il bicarbonato lo aggiungo lontano dal fuoco. poi per vedere se è pronto faccio seplicemente la prova del piattino come la marmellata.
    Ps: rispondo a chi dice percvhè fare così tanta fatica quando c’è la nestlè..beh anche le lasagne uno le può comprare surgelate ma non è la stessa cosa!!;-P

  • Giu

    Ha ragione la strega, basta cose fatte artigianalmente! Di riflesso il primo megacavolettoraduno lo facciamo da MCDONALD!

    Piu’ cibo finto per tutti
    Giu

  • la strega di biancaneve

    …hum….il mio consiglio è tornare alla scatoletta di nestlé: perché fare complicato quando si può fare semplice?????